Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 7

Estrazione molare e impianto

Scritto da tiziana / Pubblicato il
Gentili dottori buongiorno; illustro brevemente il mio caso. Circa 8 mesi fa mi si è spezzato un molare nella parte interna del dente e il mio nuovo dentista mi consiglia di estrarre il rimanente dente e fare un impianto. Essendo io una persona terrorizzata da interventi ai denti e sapendo che un impianto è un'operazione delicata, mi chiedevo se potessi ovviare a questo intervento senza ripercussioni gravi. La gengiva è ricresciuta nella parte mancante del dente. Quali sono i rischi reali che corro se decido di non impiantare alcun dente? Saluto cordialmente, Tiziana
Gentile Tiziana, il problema prima di tutto è valutare se il dente è da estrarre oppure no. Nel senso che una frattura di una parete può essere sistemata, se la rima di frattura non è andata sotto gengiva per tanto: con un intervento di allungamento di corona clinica, ( intervento di chirurgia parodontale ) si espone la parte sana del dente e lo si ricostruisce successivamente e lo si ricopre con una corona alla fine della guarigione gengivale. Questo è fattibile solo ed esclusivamente se ci sono le condizioni per poterlo fare e il suo medico curante glielo saprà spiegare. Se non fosse possibile, perchè la frattura ha diviso il dente longitudinalmente a metà, oppure la frattura è troppo sotto gengiva, purtroppo si, il dente andrà estratto. In questo caso è assolutamente indicato il posizionamento di un impianto che potrebbe anche essere contestuale all'estrazione ( impianto postestrattivo immediato) se le condizioni anatomiche lo permettono o differito dopo un adeguato periodo di guarigione dei tessuti ( 45/6o giorni ) , I rischi sono solo quelli di non avere più una dentatura completa, di avere squilibri occlusali, di avere movimento e spostamento dei denti vicini ed antagonisti, di avere problemi parodontali, etc etc...Mi sembra che se la natura ci ha dato dei denti è perchè ognuno di loro ha una funzione ben specifica. La mancanza di uno o più denti instaura un meccanosmo di alterazione del nostro sistema orale e masticatorio che servirebbero ore per poter descrivere completamente. Mi creda, non abbia paura a farsi eseguire l'intervento che il suo curante riterrà più idoneo..ne avrà solo benefici. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Gentile Tiziana, se il collega ha valutato di togliere il dente, io mi fiderei, anche perchè lui è l'unico ché l'ha visitata. Non si preoccupi per l'intervento che fra l'altro è banale. Per sostituire il dente una volta estratto può fare un ponte.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Tiziana, se il molare (vitale o no? Superiore o inferiore?) è da estrarre le tecniche per sostituirlo sono l'impianto o il ponte; qualora fosse recuperabile consigliabile dopo una ricostruzione una corona (capsula). Solo il suo curante può consigliarle il trattamento comunque da portare a termine. Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Tiziana, probabilmente l'elemento compromesso si spezzerà del tutto e le farà infezione, forse lo potrà sostituire con una protesi fissa non implantologica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se Lei ha delle perplessità ,-da me non condivise-, per la implantologia endossea, ne parli al Suo Odontoiatra e gli esponga i suoi dubbi, le sue paure e gli chieda consiglio. Premesso che il Rapporto Medico-Paziente è fiduciario , faccia decidere Lui sulle soluzioni terapeutiche consigliabili nel Suo caso specifico. Cordialmente

Scritto da Dott. Sergio Audino
Palermo (PA)

Deve estrarre il dente e fare un impianto.

Scritto da Dott. Luciano Rita Maria Amelio
Catanzaro (CZ)

Cara Signora Tiziana ... non si faccia assolutamente estrarre il dente...perchè è sufficiente fare un piccolo interventino di Parodontologia per allungare la corona clinica del dente e salvarlo!...mi spiego...si porta via chirurgicamente la gengiva se intorno al dente ce ne è una quantità sufficiente...o si fa un lembo a spessore totale per rimodellare l'osso ...se la gengiva fosse insufficiente... fino ad esporre la parte fratturata del dene...poi lo si devitalizza e si costruisce un perno-moncone in fibra di carbonio o d'oro...che ricostruiscie la parte mncante del dente...poi si prosegue con il costruire un manufatto (corona) protesico in oro ceramica ed il dente è sano...è il SUO dente salvo...estetico...senza fare impianto!!!!! Questo è il mio consiglio...se non le fosse chiaro qualcosa...riscriva...cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento