Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 5

Seguito alla domanda: Vi sarei molto grato se poteste esprimere il Vostro parere professionale per fare la scelta migliore

Scritto da Davide / Pubblicato il

Cortesi Dottori, ringrazio quelli di Voi che mi hanno risposto nonostante alcune imprecisioni nella mia esposizione. Sinteticamente quanto segue a chiarire. Preciso al dott. De Carli che ringrazio intanto per il Suo parere che la Sua "prima impressione" forunatamente non è corretta ma è una libera interpretazione influenzata dall'aspetto "clinica low cost" in quanto è l'aspetto economico a essere relativamente marginale, altrimenti non sarei così attento a questo problema medico. Infatti ho precisato che avrei scelto subito la via più costosa (impianto) mentre è stato il Vostro Collega che mi ha in cura che ha scelto altrimenti. Tanto è vero che pure ora metto in coda (ma lo metto, non è Natale ...) proprio l'aspetto economico. Ringrazio anche il dott. Cittadini e allego alla presente RX panoramica allo stato attuale, dalla quale però come del resto dalla radiografia singola in possesso dello Studio non si riescono ad evincere le problematiche, e da una foto vedrebbe solo un bellissimo dente. Il dott. De Felice invece non può sapere che il calvario è cominciato quasi trent'anni fa (ora ne ho 45, grazie per il "troppo giovane"...) causa conclamata carneficina di primario studio dentistico all'avanguardia che mi ha curato in maniera comprovatamente impropria e criminale, ed era il più in nome e costoso della provincia, e il tempo ha fatto il resto con minime mie responsabilità ...... non sempre i danni li fanno i "centri l.c." ... ma non serve certamente che ve lo dica io. I dentisti ai quali mi ero rivolto chi un impianto in più chi uno in meno non si sono discostati dal lavoro poi eseguito nella loro diagnosi e conseguente piano di cure. Infine, mi spiace per il dott. Carpinteri perchè i suoi pur validi consigli si infrangono contro molteplici intuizioni profondamente sbagliate; non sono ne uno sprovveduto ne un poveraccio. Grazie a tutti se nonostante la mia credo dovuta quanto rispettosa franchezza mi vorrete ulteriormente rispondere. Rinnovo i miei migliori saluti.

 

Precedente:
http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/implantologia/7776_vi-sarei-molto-grato-se-poteste-esprimere-il-vostr.html

Sig. Davide, pubblicare ora la sua RX delle prestazioni eseguite, non lo ritengo corretto, perché non siamo qui per giudicare l'operato di un collega, in questa rubrica ci limitiamo a dare dei semplici utili consigli di ordine generale evitando di commentare le prestazioni dei colleghi che non possono intervenire. Le consiglio, di non prendere lei decisioni sul da farsi, in modo di non avere alcuna responsabilità; poi da questo momento si faccia rilasciare sempre tutto per iscritto dalla diagnosi al tipo di prestazione eseguita con tutte le sue possibili complicanze e non solo una bella parcella ben descritta.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Radici con le più complesse patologie salvate curandole con chirurgia parodontale endodontica perni moncone e corone protesiche. Le radici si curano e non si estraggono. Da casistica del Dr. Gustavo Petti e della Dottoressa Claudia Petti Parodontologi e Riabilitatori Orali in Casi Clinici Com
Caro Signor Davide, questa domanda (o meglio quella di ieri) è stata postata dopo l'orario di fine pubblicazione e quindi non l'ho vista che ora, a meno che non ricordi male io. In ogni caso ha poca importanza e risponderò ora precisando che troverà in quella di ieri un rinvio a questa e una foto di cosa sia una parodontite e di come la si curi, mentre oggi troverà una foto di come si curano radici in condizioni pessime. Certamente non sono terapie da centri Low-Cost! Riprendo alcune sue frasi: "stato messo nella spiacevole condizione di scegliere io se "tenerlo così oppure estrarlo e fare l'impianto" e "l'estrazione di 16 tra radici devitalizzate senza più il dente" e " undici impianti" e "c.d. "low cost" molto conosciuto nel nord Italia" sono tutte parti di frasi che riporto ed evidenzio perché in esse c'è tutta la sua storia! Prima frase, non è Lei che deve scegliere ma il Dentista che deve assumersi pe respomsabilità di una Diagnosi, prognosi e relativa terapia più idonea! Seconda frase, Non si estraggono 16 radici anche se sono senza corone dentarie, perchè le radici, nella parte immersa nell'osso, sono sane e quindi recuperabili tutte con allungamenti della corona clinica, pernimoncone in fibra o altro materiale come l'oro e corone protesiche, ovviamente dopo avere valutato il tutto dal punto di vista parodontale. Di visita Parodontale con sondaggio delle tasche, mobilità dei denti, loro eventuale bloccaggio, preparazione iniziale parodontale con Igiene orale professionale delle tache eventuali, curettage e scaling e root planing, serie completa di Rx endorali, modelli di studio etc, non ne parla. Perchè? E' impossibile che su 16 radici tutte siano da estrarre e non salvabili. Le lascio una foto di un poster di radici "impossibili" salvate!Infine terza e quarta frase sono proprio la classica consecuzio dei centri low cost, estrazioni, impianti nei centri low cost! Non so bene cosa voglia da noi ma nella sua bocca non è stata fatta certo una terapia ma una devastazione, perchè estrarre nben 11 denti e sostituirli con impianti è una "devastazione" e non una "terapia curativa"! Vuole un commento? Non capisco cosa voglia! Ho notato che ha ringraziato e nello stesso tempo ha "attaccato ingiustamente i miei colleghi che hanno risposto direi tutti giustamente, chi più chi meno"! Sembra un difensore dei centri low cost e non capisco cosa voglia da me, dato che ora rispondo io. La sua bocca sarebbe potute essere curata e salvata ed invece si ritrova con tanti denti in meno e tanti impianti in più . Le primplantiti sono in agguato. Non dico altro! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con l'ottima e sapiente risposta del Dott. Petti, anch'io a questo punto non capisco il senso dei suoi interventi... se è convinto di aver fatto un'ottima scelta continui così altrimenti cambi dentista. Altre strade non ci sono.

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Caro Sig. Davide, in buona sostanza non posso discostarmi molto da quanto le hanno detto prima di me gli altri colleghi Non entro nel merito della qualità delle cure eseguite e nemmeno sulla opportunità o meno di procedere, come lei ha fatto, per una scelta implantare, dal momento che le scelte terapeutiche si fanno dopo una visita odontostomatologica completa e una analisi attenta e ragionata. Sarei superficiale se commentassi il lavoro svolto sulla base di una OPT. E’ certo che dal punto di vista logico un dente naturale, col suo legamento parodontale, è da preferire ad impianto. E tutte le volte che si può, si deve provare ad essere il più conservativi possibile e cercare di mantenere in bocca i denti naturali. Ma queste cose le dovrebbero sapere tutti, e quindi anche il Collega che le ha proposto tutte le estrazioni. Se si è mosso in questa direzione, evidentemente ha valutato opportuno muoversi così. Non ravvedo invece alcuna scorrettezza da parte sua nel far vedere rx OPT del suo caso. Perlomeno ora abbiamo tutti chiaro ciò che ha fatto e la natura del suo problema contingente. Può essere che un dente vada incontro a frattura radicolare, e se è così, staccare la corona non serve a niente. Bisogna prendere le pinze e togliere il dente. Se però fosse che non si è rotto il dente, ma magari si è decementato il perno moncone o parte di esso, si può provare a rimuovere la corona e riprovare con una nuova riabilitazione. Il fatto che il suo dentista abbia provato a togliere la corona mi fa pensare che non abbia la certezza della frattura radicolare. In ogni caso, visto che così non può stare, gli chiederei di riprovare con la rimozione della corona, al limite anche distruggendola di fresa. Dopodichè, la scelta non sarà più di nessuno se non del suo dente: se sarà confermata la frattura, sarà obbligato a procedere all’estrazione e all’impianto (o a un ponte di 4 elementi sui tre impianti già esistenti). Se invece si scoprirà che il danno è solo del moncone, potrà procedere con una bella riabilitazione a Perno Moncone e corona tradizionale. E magari il Collega potrà anche venirle incontro per quanto riguarderà la spesa… Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Cittadini
Brescia (BS)

Leggo in ritardo a causa di un impegno fuori sede. Rispondo adesso: il tempo è galantuomo. Purtroppo tutti, e non solo lei, credono più facilmente nelle cose che sperano. Il tempo è galantuomo. Tra qualche anno, apprezzerà il linguaggio che ora trova troppo ruvido. A futura e breve memoria. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento