Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 9

Lo split crest in cosa consiste?

Scritto da Michela / Pubblicato il
Gentili Dottori, all'inizio di novembre 2012 mi son sottoposta a: impl canino sup dx,1 molare inf dx, 2 premolare inf sx, per questi è stato previsto anche lo split crest, fra due giorni dovrei mettere i denti in zirconia ceramica. Le mie domande sono: lo split crest  in cosa consiste? va fatto quando? (può essere che non mi sia stato fatto anche se preventivato e perchè, senza questo ha durata minore l'impianto o cosa potrebbe accadere?) A fine lavori, oltre alla fattura devo chiedere la garanzia dell'impianto e la certificazione dei materiali usati? Spero in una vostra risposta immediata, sono molto preoccupata, questo SPLIT CREST non mi convince. GRAZIE.
Cara Signora Michela, fa domande strane, se lo lasci dire! Cosa sia lo Split Crest glielo deve per informazione "obbligatoria di legge" spiegare chi fa l'intervento, prima di farlo e per avere il suo consenso informato. Infornato appunto su cosa si deve fare e quali complicazioni ci possono essere! Il Dentista deve anche dare certificazione di conformità rilasciato dal Laboratorio Odontotecnico dei materiali protesici usati certifocandone la marca e certamente dirle anche i materiali usati per gli impianti! In ogni caso lo Split Crest è una sciocchezza, è una separazione chirurgica del tavolato osseo esterno da quello interno, non totale ma parziale, una sorta di frattura a legno verde con incisione sagittale lungo il percorsi ideale dei denti che non ci sono più, ossia al centro della cresta e dall'avanti all'indietro, dopo aver scolpito un lembo a spessore totale mucoperiosteo per accedere all'osso. Questo consente di posozionare gli impianti anche dove la cresta ossea è sottile o è bassa, incrementandola sia in larghezza che in altezza di quei pochi millimetri che servono! Lei soggettivamente non si "accorge di niente"! Accidenti che razza di Fiducia ha nel suo Dentista! Complimenti! Ne parli con Lui!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Lo Split Crest, è una metodica che consente di aumentare lo spessore dell'osso destinato a ricevere impianti, talvolta anche l'altezza, ma in misura minima. Perchè viene fatto? E' ovvio, perchè altrimenti non ci sarebbe abbastanza osso per inserire gli impianti. Perchè la metodica non la convince? E' ovvio, perchè non è abbastanza informata. Altre questioni dovrebbe risolverle con il Suo Dentista. Cordialmente Gustavo De Felice gusfelix@libero.it

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Gentile paziente penso che i suoi dubbi li debba risolvere con il suo medico di fiducia, che ha eseguito gli interventi. E' importante ovviamente avere tutte le certificazioni relative agli impianti e alle protesi, cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Cos'è lo split crest non glie lo dobbiamo spiegare noi ma il suo dentista. Nel quale evidentemente lei non ha fiducia. " Non mi convince"! Se lei ha solo 3-4 millimetri di spessore osseo dove glie lo mettono l'impianto, sulla lingua? Mah.. Se lei è uno di quei pazienti da "giro delle sette chiese", se poi qualcosa dovesse non andare bene se la prenda con se stessa.

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia

Lei, mi perdoni, è decisamente una strana persona. Domani deve operarsi e non sa nulla di quello che deve fare. Ma le pare normale? Comunque sia, ma solo per informarla, lo split-crest (questa è la sua curiosità) è una tecnica di frattura chirurgica delle ossa mandibolari per aumentare lo spazio disponibile per l'inserzione degli impianti. Si effettua tramite scalpelli, seghetti oscillanti, bisturi piezoelettrici, distrattori ossei, frese ed altri strumenti che vengono scelti dal chirurgo in base alla propria esperienza e tecnica. Ovviamente questa metodica presenta delle precise indicazioni, ha dei rischi e puo' presentare degli insuccessi, come in tutte le pratiche chirurgiche. Se quanto dettole anche da chi mi ha preceduto le pare insufficiente, chieda, come avrebbe dovuto fare, al suo chirurgo. Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Sig. Michela, lei si è sottoposta a un intervento senza esprimere consensi e senza essere informata? Questo di norma non può succedere, per cui deduco che ci siano come sempre delle incomprensioni tra paziente e odontoiatra. Se lo studio è serio non rilascia alcuna garanzia di durata dell'impianto, ma solo delle certificazioni di costruzione dell'impianto e della riabilitazione protesica; lo splint crest è una tecnica chirurgica utilizzata per limitare le complicanze e ottenere vantaggi implantari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buon giorno Signora Michela, la split crest gli è stata effettuata nel novembre 2012, nell'intervento del posizionamento degli impianti. Se fra due giorni, deve mettere le corone in zirconia ceramica, è deducibile che gli impianti sono ben integrati ed alloggiati nel loro sito osseo, predisposto dalla tanta e dubbiosa split crest ben descritta dai colleghi che mi hanno preceduto. Le garanzie dei materiali impiegati e del modello degli impianti, sono certo che il collega le darà come di prassi. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Lo split crest viene fatto contestualmente al posizionamento dell'impianto, nei casi dove lo spessore osseo (nel senso palale/labiale) è insufficiente. Si crea una incisione dell'osso che serve ad allargare i fogliettini ossei palatale linguale. In mezzo ai due foglietti posso , a questo punto, posizionare un impianto di diametro sufficiente. Di norma il paziente è troppo assorto dalla preoccupazione di rissentire dolore per rendersi conto dei dettagli operativi..

Scritto da Dott. Roberto Rigano
PAVIA (PV)

Premesso il fatto che Lei è uno dei Pazienti che nessun Medico vorrebbe incontrare mai nel suo iter lavorativo perchè da ciò che scrive traspare, anzi è chiarissimo, che non ha fiducia ne dell' operato, ne della buona fede del suo Dentista, per capire a pieno tutto quello che Le viene proposto dovrebbe avere una laurea in Odontoiatria e protesi dentaria. Come fa a dire che non La convince il piano di trattamento del Collega se non sa nemmeno di che cosa si tratta, come vuole che li metta sti benedetti impianti,con l'aiuto dello Spirito Santo se non c'è osso? In bocca al lupo ma non a Lei al povero Collega!!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Emanuele Santi
Roma (RM)

Sullo stesso argomento