Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 7

Mia madre di anni 73 è in cura da 3 anni con Fosavance

Scritto da Silvia / Pubblicato il
Mia madre di anni 73 e' in cura da 3 anni con Fosavance. Nell'ottobre 2012 a causa di un dolore ad un dente il dentista consiglia l'estrazione. Ad oggi nonostante le varie cure con antibiotici e antidolorifici il dolore e infiammazione alla mandibola persiste ed inoltre il labbro inferiore e' informicolito. Ci sono rimedi per tale situazione? In futuro può essere valutata implantologia arcata inf.? Grazie per vs risposta
Sig. Silvia, al momento non si deve pensare all'implantologia, ma si deve curare la sintomatologia. Controlli se chi opera su sua mamma è iscritto all'ordine dei medici e la affidi alle sue buone mani, perché tutti gli odontoiatri conoscono i protocolli applicativi dei pazienti che assumono bifosfonati.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Silvia, l' ACIDO ALENDRONICO COLECALCIFEROLO che compone il farmaco è un bifosfonato. Qualsiasi manovra chirurgica anche una semplice avulsione dentaria, può provocare una necrosi ossea. Prima di pensare all'implantologia è più logico pensare e urgente pensare a fare una diagnosi etiopatogenetici sui sintomi che ha sua mamma in particolare alla parestesia (formicolio)! Possibile che il Dentista non abbia provveduto e soprattutto non abbia "comunicato con voi?" ! La visita clinica deve essere accompagnata ovviamente da accurato esame Radiografico pèreferibilmente con una Rx Cone Beam Tomography 3 D dopo Rx endorali ed OPT!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia,Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, sono d'accordo con le indicazioni del collega Ruffoni. Le aggiungo che presso la Clinica Odontoiatrica di Pisa potrà trovare un valido supporto ai problemi di sua madre .

Scritto da Dott. Giovanni Ghio
Livorno (LI)

Gentile paziente anche io la invito a recarsi con urgenza presso una struttura ospedaliera per fare una corretta diagnosi sui sintomi di sua madre, per quanto riguarda l'implantologia forse è prematuro parlarne ma io la escluderei. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Gentile Sig.ra Silvia, sia il medico che ha prescritto il farmaco che il dentista dovevano parlare delle possibili complicanze che il Fosavance può causare in tutte le terapie chirurgiche nella bocca. Adesso deve andare presso un centro ospedaliero o universitario per guarire dalla probabile necrosi ossea. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, lei e la sua mamma non eravate state avvisate dal medico curante di avvisare il dentista in caso di cure che era sotto terapia di bifosfonati? Il dentista non ha fatto una cartella clinica, non si è informato delle terapie che la sua mamma seguiva? Adesso l' unica cosa da fare è seguire i consigli dei Colleghi e rivolgersi alla Clinica Odontoiatrica di Pisa, alla quale può chiedere informazioni del desiderio di sottoporsi ad implantologia che io, personalmente, sconsiglio in presenza di terapia con i bifosfonati.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Gent.ma Sig.ra praticamente tutti i Colleghi che mi hanno preceduto hanno detto le cose giuste alle quali poco si deve aggiungere. Prima di tutto va verificata la situazione clinica (c/o la clinica di Pisa va benissimo). Poi l' alterazione della sensibilità al labbro inferiore è l' aspetto che metterei in primo piano oltre naturalmente le terapie volte a risolvere la sintomatologia dolorosa e infiammatoria, da ultimo, ma proprio da ultimo, penserei a risolvere il problema protesico che nel caso di Sua madre affronterei tralasciando (con estrema probabilità, per non dire certezza) l' approccio implantare. (Ci sono molte altre soluzioni certamente più adatte alle condizioni di Sua madre, e comunque la consiglerei di contattare un altro Dentista più attento all' anamnesi e soprattutto dopo aver verificato la propria iscrizione all' OOMM&O. Cordiali saluti Dott. Sandro Lazzeri dottsandrolazzeri@alice.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sandro Lazzeri
Castelnuovo di Garfagnana (LU)

Sullo stesso argomento