Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 6

Ringrazio tutti quanti per le risposte esaustive che mi avete dato, ero arrivato al punto di non credere più nella professionalità del v

Scritto da antonio / Pubblicato il

Ringrazio tutti quanti per le risposte esaustive che mi avete dato, ero arrivato al punto di non credere più nella professionalità del vostro settore. Vorrei rispondere al Dott. Petti; ho iniziato il lavoro di implantologia su consiglio del dentista, dove ero andato solo per avere consigli su un eventuale scheletrato, sulla parte superiore avevo due canini ormai in fin di vita che sorreggevano una protesi, nell'inferiore 3 radici che sorreggevano l'arcata inferiore, da lì è cominciata la mia avventura. Vorrei invece sapere dal Dott. Carpinteri che mi ha consigliato un medico legale dentista per una eventuale seria perizia, a chi mi devo rivolgere? perchè nella mia città (centro-nord)c'è una terribile omertà in merito. Tutti sono disposti a visitarmi, ma quando chiedo una relazione scritta incolpano me che sono fumatore. Pago ma non mi rilasciano nulla. E' vero, fumo 10-15 sigarette al giorno, ma quando feci l'intervento non fumai per diversi giorni, anche perchè mi infastidiva. Ora mi chiedo se il fumo può provocare una perimplantite così grave, perchè non mi è stato detto. Penso che il fumo può provocare disturbi (in generale) ma non sono convinto possa avermi infettato così radicalmente. Vorrei anche capire perchè durante il secondo intervento al mascellare inferiore per l'inserimento delle ultime 3 viti, sono andati col bisturi a raschiare l'osso attorno ad un impianto (si erano già accorti che qualche cosa non funzionava?). Dopo qualche mese ho perso esattamente quell'impianto che tutt'ora manca. Ringrazio ancora tutti quanti per la disponibilità e professionalità che mi avete dimostrato. Antonio

 

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/implantologia/5852_intervento-di-implantologia.html

Caro Signor Antonio, grazie per le sue parole di ringraziamento e per aver soddisfatto la mia curiosità sull'implantologia. Le ho già spiegato esaustivamente tutto il 24-05-2012, la rimando a quanto detto lì. Per esempio i due canini forse si potevano salvare a prescindere dall'implantologia altrove ed anche le radici inferiori. Ma questi sono solo modi diversi di fare Odontoiatria, clinica e terapia! Bisogna sempre partire dal presupposto che i nostri denti naturali sono un patrimonio insostituibile. La gengiva si attacca ad essi per proteggere il Parodonto! La gengiva non invia fibre epiteliali dentro gli impianti che sono strutture artificiali! Questo è il grande problema. Quindi salvare i denti che si hanno è essenziale per il futuro della bocca anche facendo altrove implantologia, sempre che la si possa fare perchè non tutte le bocche, ripeto per l'ennesima volta, sono adatte a ricevere impianti o almeno prima di riceverli devono essere preparate parodontalmente, gnatologicamente, come qualità e quantità do osso, di gengiva aderente e di profondità di fornice! Questi sono i parametri, non certo il fumo! Il fumo certamente favorisce il depositarsi della placca batterica ma lo si teine sotto controllo con programmate pulizie dei dento professionali ed eventialmente curettage e scaling! Le cause della Perimplantite, tra l'altro così immediata, sono ben altre, e tra queste certamente la gengiva che non invia fibre epiteliali dentro l'impianto oltre che le modalità di eseguire l'impianto nel contesto di una bocca evidentemente non saputa interpretare diagnosticamente oltre che terapeuticamente. Vede che si arrampica su "scuse" come fanno tutti? Ma quale fascino ha l'implantologia su voi pazienti da non farvi "andare in bestia" anche se si forma copme in questo caso una perimplantite ingiustificata ed ingiustificabile e tutti gli altri problemi che ha raccontato. E glielo dico io, a scandso di equivoci che oltre che Parodontologo sono Implantologo! Poi ognuno la pensa come vuole ovviamente! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Signor Antonio, la nostra maggior gratificazione per quanto facciamo su questo portale è quella di sapere di poter essere stati di aiuto a qualcuno. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

I suoi ringraziamenti sono graditi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Grazie per le sue parole. Devo ribadire che il fumo è il nemico numero uno degli impianti. Nell'individuo sano adulto non fumatore si assiste ad una percentuale di successo implantare che rasenta il 100%, e questa percentuale scende anche al 75% nell'individuo forte fumatore, che per la scienza è stabilito che sia la persona che fuma più delle dieci sigarette/die (indipendentemente dal contenuto di nicotina). E' vero che la sospensione dal fumo consente un rialzo temporaneo delle percentuali di successo, ma se questa avviene per due mesi prima dell'intervento e continua nei due/tre dopo. E' chiaro quindi che nel suo caso l'indiziato più probabile dell'insuccesso sia palese. E' chiaro anche che probabilmente tutti noi inseriamo impianti anche ai fumatori (il vizio non dovrebbe escludere alcuni tipi di terapia), ma il paziente deve essere informato a dovere dei rischi che si corrono. La cosa strana infatti, è che nessuno lo abbia detto. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Carissimo sig. Antonio, è un dato appurato che il fumo di sigaretta sia una causa di maggior rischio di fallimento implantare. è altresì vero che se lei non ha fumato dopo l'intervento a ridotto (non di molto) questo rischi. Il fumo però non giustifica quella che sembra un fallimento completo o quasi del trattamento. Per quanto riguarda la ricerca di un professionista che le faccia una certificazione dello stato delle cose è più facile trovarlo se si rivolge a qualcuno che non esercita nella medesima città. Tuttavia non pensi che dimostrare un errore nel trattamento sia cosa facile. Se posso darle un consiglio cerchi di trovare un punto d'accordo chi che le ha fatto il trattamento (magari presentando la perizia) ed eviti di avviare un contenzioso medico legale che probabilmente per giungere a conclusione le richiederà tempi molto lunghi ed esito incerto. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Rispondo sul punto che mi riguarda. Lei potrebbe richiedere, anche per telefono, all'Ordine dei Medici e poi anche all'Andi locale (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) la segnalazioni di due o tre nomi di professionisti con abilitazione specifica per il patrocinio medico legale. Questi enti sono tenuti a fornire assistenza alla parte lesa. Potrebbe fare un giro rapido di telefonate di orientamento, scegliere la persona giusta e affidarsi. La causa. Si ricordi bene che una cosa è avere ragione, e un'altra cosa è farsi dare ragione. Queste due situazioni sono "variabili indipendenti". I tempi della giustizia italiana sono tali che entrambe le parti escono in perdita; ma lei non deve pensare di andare a sentenza, ma solo di promuoversi "parte attrice" in modo da forzare "parte convenuta" ad allarmare la propria compagnia assicuratrice. La compagnia di solito non è molto amichevole con il suo assistito, ed inizierà una trattativa, il che basta a mettere parte attrice in una posizione di vantaggio. Implantologia. Si tratta sempre di una seconda scelta, laddove le prime scelte sono fallite. Storicamente, l'implantologia è nata circa 65 anni fa ad opera dei peggiori dentisti, e non dei migliori che erano e sono molto più occupati a salvare i denti della gente. L'impressione odierna che i dentisti solo implantologi possano subito sedere dentro il cerchio magico del sommo sapere è una idea falsa e bugiarda. I grandi implantologi non sono mai i migliori dentisti in assoluto. Lei ha la grossa fortuna di vivere a Parma, una città ricca di grandi intelligenze. Antonio, ne approfitti per farsi dire quel che dimentico di dire. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento