Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 17

E' corretto per una questione di carico inserire premolari al posto dei molari?

Scritto da giuseppe / Pubblicato il
Buongiorno, sono appena stato dal mio dentista perchè non ho gli ultimi due molari sotto a sinistra. Lui mi ha detto che dovremmo fare 2 impianti dove però andremo a inserire due premolari, volevo sapere se il linea di massima è corretto per una questione di carico inserire premolari al posto dei molari. Grazie mille Giuseppe
Gentile Giuseppe, in linea teorica, sarebbe bene rispettare l'occlusione naturale ma, se la situazione clinica lo impone la risposta è sì. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

E' riduttivo ai fini della riabilitazione masticatoria, ma si fa e si deve fare in determinate condizioni. Dipende da diverse cose, fra cui il rapporto fra la forza delle radici artificiali (gli impianti appunto) e la meccanica occlusale, che può essere impegnativa a causa magari di una malocclusione delle basi ossee preesistente (magari la stessa che ha causato proprio la perdita primitiva dei denti naturali)

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Assolutamente corretto. Serve ad evitare carichi incongrui sugli impianti soprattutto in situazioni acclusali a rischio e in situazioni di scarsità di osso a disposizione. Ricordiamoci che la natura stessa ha stabilito per ogni molare inferiore due radici, quindi non si fà altro che riprodurre la situazione che esiste in natura.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Riabilitazione Parodontale, in questo caso ossea, e protesica totale fissa e mista con protesi con attacchi di precisione coulisse fresature e bracci di appoggio. Da casistica Riabilitativa totale di casi complessi del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Caro Signor Giuseppe, direi proprio di no, in linea di massima ovviamente. Riprendendo quanto giustamente dice4 il Dr. Passaretti, probabilmente esiste una situazione clinico-gnatologica di maloccclusione che imporrebbe questa soluzione. Ma se fosse così allora sarebbe sbagliato concettualmente fare gli impianti. Prima bisognerebbe correggere la malocclusione o le estrusioni ed intrusioni o l'alterazione della curva di Spee che fotografa i rapporti tra piano masticante superiore ed inferiore delle due arcate dentarie nelle parti posteriori. Insomma o ci sono le condizioni ideali per l'implantologia o è meglio non farla se non si può riportare la bocca ad una condizione di salute e regolaritàè tale da poterli ricevere. E' sbagliato, sempre in senso lato, intestardirsi a fare impianti fine a se stessi dove sarebbe bene non farli perchè in futuro potrebbe avere patologie anche serie! Esistono tante altre soluzione sempre degnissime, anzi migliori di due "striminziti" e pressocchè poco utili premolari al posto di molari su impianti. Esistono le protesi miste fisse e rimovibili con attacchi di precisione coulisse , fresature e bracci d'appoggio che sono sofisticatissime, esteticissime, confortevoli e funzionali e con molari! Legga sul mio profilo "La protesi dentali mobili: miste e rimovibili Excursus su i vari tipi di protesi dentali mobili: miste e rimovibili. Consigli e suggerimenti per i pazienti". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Giuseppe, dipende. In una progettazione protesica su impianti bisogna esaminare l'osso su cui andranno inseriti gli impianti e i carichi masticatori. Vi sono situazioni in cui è preferibile inserire due premolari e non due molari. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signor Giuseppe, la scelta di due denti protesici più piccoli, al posto di uno o due denti più grandi, dipende da una serie di fattori che conosce solo il suo dentista (posizione degli impianti ravvicinati, lunghezza degli stessi, loro inclinazione, rapporto occlusale con gli antagonisti, ecc..), per cui è difficile esprimere a distanza un giudizio. In linea di massima il dentista protesista dovrebbe seguire le forme e le grandezze dei denti naturali, ma questa è solo teoria per cui, se un bravo dentista ha fatto questa scelta che lei riferisce, avrà avuto dei buoni motivi! Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentmo Sig. Giuseppe, sarebbe opportuno,ove possibile, ristabilire i corretti rapporti occlusali. Se però per le motivazioni più disparate, quali ad esempio scarsità d'osso, non è possibile "riprodurre" la situazione naturale, direi che la scelta fatta dal collega è corretta. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Buongiorno Giuseppe, il suo dentista ha scelto per questa tecnica, motivato da problemi anatomici o gnatologici - per cui la mia risposta è senza dubbio si. spesso di ricorre a questa tecnica. soprattutto quando i rapporti occlusali fisiologici, vengono persi per lo spostamento dei denti in senso mesiale o distale. quindi al posto suo fugherei ogni dubbio. poi, la riduzione del carico occlusale in protesi, si effettua mediante questa tecnica. ancora, un dentista che ha avuto l'accortezza di dirle che opterà per questa tecnica è sicuramente un professionista che non ha nulla da nascondere. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Ottima soluzione

Scritto da Dott. Gianfranco Gentile
Locorotondo (BA)

Vi sono condizioni di moderata ed elevata atrofia delle basi ossee, che devono contenere gli impianti, tali per cui un carico eccessivo potrebbe far ipotizzare il cedimento a medio o lungo termine del complesso dente-impianto. In questi casi si può e si deve dimensionare la parte protesica in rapporto alla potenzialità di resistenza al carico. Si può ottenere a diversi livelli, dal modellare il dente corretto per posizione ma molto più piccolo, al sostituire il molare con un premolare, il senso della cosa non varia. Se alla fine il restauro si integra con la masticazione e con i canoni di estetica propri della zona, non vi sono problemi. Forse masticherà meno rispetto a due denti delle dimensioni corrette, ma ristabilirà correttamente la masticazione sui due lati, che è la cosa più importante. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento