Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 12

Devo effettuare una seconda tac dental scan cone bean dopo circa 20 giorni dalla prima

Scritto da Riccardo / Pubblicato il
Devo effettuare una seconda tac dental scan cone bean dopo circa 20 giorni dalla prima. Ci sono rischi o è meglio aspettare ? Grazie anticipate
La come bean è effettivamente a basso dosaggio, ma non nullo, e dipende anche dal tipo di macchina. Se necessaria comunque stia tranquillo e la effettui, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Se il suo curante ha un buon motivo per richiederla, il costo-beneficio (radiazioni assorbite rispetto al vantaggio che ne possiamo trarre) è sempre a favore del secondo.

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

Caro Signor Riccardo, tra i tanti vantaggi della tecnologia TAC Dentalscan e Cone-Beam Computer Tomography (CBCT), che con un software adatto dà immagini in tre dimensioni, se è questa la Rx che deve fare, c'è quello importantissimo che la dose di radiazioni assorbite dal paziente durante il rilievo è del 98% più basso rispetto ad una tac convenzionale. Quindi stia tranquillo. Può fare l'esame radiologico prescritto senza rischi! E' importante comunque che il resto del corpo sia protetto con un grembiule e se non disturba l'esame con un collare di piombo per proteggere dalle radiazioni tutto ma in particolare Tiroide, surreni, testicoli e prostata, oltre che torace ed addome e gli organi in essi contenuti. Lo specifico perchè mentre noi Dentisti usiamo il grembiule e collare protettivo in piombo, sempre, anche per una Rx endorale che ha un dosaggio infinitesimale in confronto, gli studi radiologici invece, dove fanno radiografie potenti e a grande dosaggio, non lo usano praticamente mai!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia, Implantologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Probabilmente è perchè c'è da verificare zone diverse della bocca, quindi tutto va bene così.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Riccardo, la tecnica Cone-Beam ha abbattuto il dosaggio delle radiazioni, pertanto può tranquillamente sottoporsi a una seconda TC dopo soli 20 giorni. Deve esserci in ogni caso indicazione ad effettuare una seconda Cone-Beam. Sono certo che il suo dentista avrà comunque attentamente valutato il suo caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.mo sig. Giovinazo, la risposta alla sua domanda gliela può dare solo chi le ha prescritto di nuovo l'esame. Il danno derivante dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti deve essere commisurato al vantaggio che si ottiene dall'esame. è ragionevole non trovare situazioni significativamente diverse dopo 20 gg, a meno che non sia stato eseguito un qualche intervento oppure non debba essere indagata un'area diversa dalla prima. Cordialmente P.S. se si fida del professionista che la segue è a lui che deve porre queste domande, vedrà che sarà lieto di risponderle. Se la risposta non la trova convincente, la trova vaga o sbrigativa e la cosa mina il suo rapporto di fiducia allora cambi dentista
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Egregio Signore, aspettare 20 giorni o due mesi non cambia molto, dipende dal motivo per il quale deve ripetere la TC. Se il suo dentista le ha richiesto questo esame, avrà avuto dei motivi: chieda a lui. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente se detta TC cone Beam Dentale aperta 3d, e per fini esclusivi di controllo post- implantare, si potrebbe optare anche per una normale Opt rx, comunque sia, si protegga con grembiule e collare di radioprotezione. Distinti saluti Dr. Tommaso Giancane

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Riccardo, dipende dalle indicazioni, i rischi esistono ma bisogna correrli se sussiste la necessità.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

C'è oggi, secondo me, un certo abuso di esami radiografici in relazione all'implantologia. La TAC cone beam sicuramente ha ridotto le dosi di radiazioni rispetto alla dentascan tradizionale, però sono comunque non trascurabili. Solo in caso di grosse riabilitazioni implantari è veramente necessario effettuare quest'esame ma, nella maggior parte dei casi, con le rx tradizionali ed una buona palpazione, si possono inserire impianti senza sottoporre il paziente a dosi elevate di radiazioni ionizzanti. Può darsi che nel suo caso il dentista abbia ritenuto indispensabile ricorrere alla rx cone beam perchè non ne può fare a meno, ma io non ne conosco il motivo. Se il rischio di quello che deve fare o ha già fatto lo giustifica, faccia pure una seconda rx senza problemi. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Sullo stesso argomento