Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 16

Nell'arcata superiore devo rimuovere dei ponti di ormai 20 anni

Scritto da luciano / Pubblicato il
Nell'arcata superiore devo rimuovere dei ponti di ormai 20 anni con relative estrazioni mi rimangono 11-12-13-14 e 21-22-23-24 mi hanno proposto rialzo seni e successivi impianti con tempi e costi alti, in alternativa impianto a carico immediato all on four con materiali compositi ( può reggere ?) sono confuso perchè chi mi propone una soluzione mi esclude categoricamente le altre, grazie
Gent. Sig. Luciano, la scelta dell'una o dell'altra soluzione dipende esclusivamente dalle sue aspettative in quanto, valutate e ponderate tutte le considerazioni preliminari, entrambe sono realizzabili anche se con costi e metodiche diverse. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

La mia impressione (impossibile per me dire di più con questi dati che ho da lei) è che si potrebbero lasciare molti elementi in più di quelli che le vogliono lasciare, curandoli bene con terapie parodontali di conservazione, e quindi toglierne di meno e doverne rimettere di meno.. Ma forse mi sbaglio, chi può dirlo da qui? Oggi, comunque, impera il togli-e-rimetti di nuovo, come 40 anni fa, che annulla decenni di studi per la conservazione degli elementi dentari propri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Luciano, tutte le soluzioni proposte sono soluzioni valide. Chiaramente ciò che cambia ovviamente sono costi notevolmente differenti. Personalmente preferirei la prima soluzione che ritengo più stabile ma ovviamente è una opinione personale. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Parodontite Grave in Caso Clinico Complesso Curato Con Chirurgia Parodontale Ossea e coinvolgimento di tutte le Specialità Odontoiatriche per una Riabilitazione Completa con Una Protesi come Quella Descritta ed in bocca da 30 anni. Dr.Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Caro Signor Luciano, Lei ha una palese Parodontite. La decisione quindi di estrarre tanti denti da cosa dipende? Come sempre da una mancata diagnosi! Per fare una Diagnosi bisogna fare una visita Parodontale e Gnatologica, diciamo una Visita che coinvolge tutta l'Odontoiatria. Poi bisogna attuare una preparazione Parodontale iniziale della bocca con AT, Curettage e Scaling, Root planing, Serie completa di Rx endorali in proiezione Parodontale e modelli di studio da montare su un articolatore per lo studio parodontale e gnatologico del caso, rilevando sui modelli ciò che si è già rilevato in bocca con le tre disclusioni fondamentali, incisiva e le due canine oltre alla posizione di Relazione Centrica ed infine una seconda visita di rivalutazione parodontale! Nella prima visita si rilevano con un sondino parodontale le misure delle tasche parodontali in sei punti di ogni dente per tutti i denti presenti in bocca. Poi nella seconda visita di rivalutazione parodontale si riprendono tutte le misure con un nuovo sondaggio parodontale, misure che ora saranno vere e non più falsate come le prime dalla presenza del tessuto di granulazione presente nelle tasche parodontali ed eliminato col curettage e scaling, questo ovviamente per spiegare in parole povere quello che accade e perchè, ma in realtà la cosa è molto più complessa! Solo ora si può fare una diagnosi, emettere una prognosi ed impostare una terapia completa, parodontale, odontoiatrica conservativa, endodontica, protesica, di allungamento di corone cliniche, di perni monconi, implantologica! Questa è odontoiatria professionalmente seria. Il resto sono solo Chiacchiere di chi non fa Odontoiatria ma solo avulsioni Dentarie e sostituzione dei denti con impianti, fine a se stessi, che poi, con grande probabilità, non essendo stata valutata la Parodontite andranno incontro ad una perimplantite! Da quello che vedo, "ad occhio" ritengo che si possano salvare molti più denti e secondo la loro mobilità prima e dopo gli interventi di Ricostruzione ossea o Rigenerazione Ossea Parodontale, procedere a riabilitazione protesica completa! In casi di Parodontite così, non è la quantità di osso che crea problemi al posizionamento degli impianti, perchè l'osso lo possiamo aumentarte in cresta, approfondire il fornice, alzare il pavimento dei seni mascellari. E' la qualità dell'osso che va attentamente valutata in una Parodontite per evitare che insorgano perimplantiti, poi a di stanza di tempo. Insomma per sapere se si può fare implantologia. Non solo ma è ovvio che bisogna riportare tuti i suoi denti in occlusione, rivedendo tutta la gnatologia della sua bocca! I denti o impianti quali che siano, posteriori devono essere o avere corone che poi ripristino la cosiddetta curva di Spee propria della sua bocca e dalla sua occlusione statica e dinamica! Sappia che oltre all'implantologia, se si decidesse che la qualità ossea fosse inadatta a ricevere gli impianti, esistono soluzioni protesiche con protesi miste, fisse in oro-porcellana e rimovibili con attacchi di precisione, ammortizzatori, fresature e bracci d'appoggio che sono quanmto di più sofisticato, complesso, estetico, funzionale, confortevole esista in riabilitazione protesica!Gli impianti sono meravigliosi e li amo molto, ma solo se c'è una indicazione precisa a farli! Non si fa implamtologia così alla leggera senza fare terapia Odontoiatrica in Generale e Parodontale in Particolare! Legga nel mio profilo: VISITA PARODONTALE e CURETTAGE E SCALING e Parodontite (nozioni di etiopatogenesi, clinica, diagnosi) e Terapia chirurgica della parodontite







La Terapia Parodontale, consiste essenzialmente nel ricostruire chirurgicamente ciò che la malattia parodontale ha distrutto. Lavoro che trova anche in Home Page del Portale nelle Slides al numero 7 se non ricordo male. E "La protesi dentali mobili: miste e rimovibili







Excursus su i vari tipi di protesi dentali mobili: miste e rimovibili. Consigli e suggerimenti per i pazienti e tanto altro!" Le lascio una foto di una riabilitazione Orale e Parodontale Completa con questo tipo di protesi particolare e che purtroppo quasi nessuno è più in gradi di progettare nell'era dell'implantologia a tutti i costi!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari








CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, per riabilitare la sua situazione clinica, deve fare una scelta, e di conseguenza ne scaturisce un relativo costo di lavorazione. Faccia dei preventivi, e valuti quello più congruo alla sua situazione. Cordiali saluti Dr. Tommaso Giancane

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Luciano, valutare un terapia da una panoramica postata via web non è facile. Noto però che il 14 non può rimanere, è già mancante, mentre è presente il 15. Stesso discorso nell'altro quadrante, il 24 è mancante e il 25 sembra compromesso. Difficile valutare se i molari sono così compromessi da essere estratti. Ho l'impressione che qualche dente possa essere salvato. Le è stato proposto un All on four, cioè una tecnica nata per pazienti edentuli, spero che non le è stato proposto di estrarre dal 13 al 23, mi sembrerebbe assurdo. Per quanto riguarda il rialzo del seno bisognerebbe avere un Dental scan per poter parlarne con più sicurezza. Personalmente prima di parlare di impianti eseguirei un sondaggio, seguito da una preparazione iniziale. Solo dopo valuterei quali sono i denti da estrarre. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Luciano, visionando la sua panoramica si notano, una sella edentula inferiore SX e malattia parodontale, che sono segni classici delle persone che non rispettano la visita odontoiatrica semestrale. Le ricordo che la scelta implantare implica il rispetto di norme d'igiene domiciliare accurate altrimenti l'insuccesso è dietro l'angolo, per cui se si opta per questa strada, occorre cambiare stile di vita, con visite semestrali di controllo e mantenimento e tanti colloqui con un igienista dentale. Prima di accedere a qualunque riabilitazione, se non vuole sorprese, richieda sempre informazioni per iscritto, con diagnosi, terapie proposte, complicanze, gli obiettivi che si vogliono raggiungere e come mantenerli nel tempo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

 http://www.dentisti-italia.it/dentista/implantologia/511_all-on-4.html Gentile paziente, in questo link ci sono molte delle risposte alle sue domande. Ma, da una sommaria analisi della sua radiografia, mi sembra, come dice giustamente il valido dr. Petti, che molti dei suoi denti possono essere efficacemente recuperati. Per i restanti, quelli effettivamente irrecuperabili, potranno essere adottate opportune terapie di aumento osseo (molto predicibili e non necessariamente particolarmente costose). Nel suo caso penso sia indispensabile, per studiare il caso, l'effettuazione di radiografie tridimensionali settoriali, che possono essere eseguite nel mio studio di Mondovì, ovvero TAC con metodologia Cone Beam da effettuarsi solo sui settori della bocca interessati, in modo da ridurre drasticamente la dose di raggi assorbita.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Anche secondo me all'emiarcata superiore destra (la sua destra) ci sono elementi dentari che sembrano recuperabili. Non così a sinistra dove probabilmente sarà costretto a manovre più indaginose. ricordi che riabilitare in alto a destra e non in basso a destra serve a poco, per cui come giustamente le ha spiegato il collega Dott. Ruffoni, si faccia illustrare bene come la sua bocca potrebbe raggiungere un risultato ottimale (e mantenerlo per altri venti anni) con tutte le variabili in gioco, e poi confronti i piani di lavoro e i conseguenti preventivi. Lascerei stare così come sono i suoi frontali superiori (che con un dispositivo All on four invece andrebbero sacrificati). Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Le vie dell'inferno sono lastricate da buone intenzioni. Per prima cosa lei deve decidere che cosa vuole veramente. Certamente la sua bocca (se la salute generale l'accompagna) si presta anche ad una odontoiatria di frontiera, fatta di un anno di tormenti, di altissimi rischi, e naturalmente di altissimi costi. Si possono proporre poi soluzioni di più basso profilo, che sono le protesi mobili, protesi che possono essere molto estetiche e molto funzionali solo se costruite da mani esperte. Come vede, ci sono diverse opzioni. Però si ricordi bene, che non tutto il possibile è sempre plausibile. Non posso dire altro, perché non conosco il suo carattere, i suoi programmi di vita, e le sue aspettative. Non faccio una questione di soldi, perché come sappiamo bene noi non ne abbiamo per il necessario e poi li troviamo per il superfluo. Alla fine della sua riflessione non si faccia scegliere come palestra di virtuosismi, ma scelga lei il dentista di buon senso del quale fidarsi. Molti auguri!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento