Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 15

Non sò il perchè nessuno gli ha proposto l'integrazione ossea artificiale

Scritto da patrizia / Pubblicato il
Salve! Volevo porre una domanda. Mio marito ha una parodontite espulsiva. Abbiamo fatto diverse visite e ognuno ha dato pareri diversi. In ultimo gli hanno detto che deve mettere una protesi mobile nell'arcata superiore, in quanto non c'è più osso e nell'arcata inferiore si appoggeranno ad alcuni denti suoi ed altri incapsulati montandogli 11 elementi definitivi .Il costo è un pò caro per le nostre possibilità, tanto che dovremmo fare un finanziamento. Non sò il perchè nessuno gli ha proposto l'integrazione ossea artificiale, ma solamente la propria. Ringrazio anticipatamente chi vorrà darmi una risposta. Cordiali saluti.
Gentile Patrizia, non tutti i dentisti effettuano interventi di chirurgia rigenerativa dell'osso che comunque ha prezzi molto più alti di quelli che le hanno proposto per protesi rimovibili e sicuramente non sono stati presi in considerazioone dai dentisti consultati in quanto tali lavori non rientravano nelle vostre prospettive. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Signora, in presenza di grave atrofia ossea è molto difficile eseguire interventi di chirurgia rigenerativa con osso omologo od eterologo (cioè artificiale come lo chiama lei) o combinata. Inoltre i costi sono nettamente superiori a qualsiasi preventivo che contempli protesi rimovibili. Evidentemente nel suo caso i colleghi che l'hanno visitata avranno stilato un piano di cure compatibile che tenga conto della situazione locale e dei costi. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Chirurgia Ossea Parodontale Ricostruttiva e Rigenerativa da Casistica Parodontale del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Patrizia, il termine "integrazione ossea artificiale in parodontologia non significa niente, anzi è un termine errato. Avrà voluto intendere chirurgia ossea ricostruttiva o/e rigenerativa per la terapia dei difetti infraossei misti a più pareti e delle tasche parodontali. Se i Dentisti che hanno visitato suo marito sono arrivati ad una diagnosi ed una prognosi ed una terapia dopo avere fatto una accurata visita Parodontale e totale con presa delle misurazioni delle tasche parodontali in sei punti per ogni dente e di tutti i denti procedendo poi ad una preparazione iniziale della bocca con ablazione tartaro, curettage e scaling e root-planing per rimuovere il tessuto di granulazione delle tasche che falsa la presa delle misure parodontali e modelli di studio per valutare i traumi d'occlusione visti nella visita gnatologica in protusiva, lateralità e relazione centrica e la serie completa di Rx endorali singole e totali in tutta la bocca e una seconda visita di rivalutazione parodontale e totale complessiva in cui sono state riprese tutte le misure parodontali, ora non più falsate dalla presenza del tessuto di granulazione rimosso dalle tasche parodontali e solo allora, confrotntando le prome misure con le seconde, sono arrivati ad una diagnosi sul tipo di parodontite in atto (ce ne sono diveri tipi!), ed hanno impostato solo ora una terapia, allora suo marito è stato visitato da Parodontologi e se hanno proposto quelle terapie evidentemente quella era la terapia unica possibile! Se invece tutto questo non è avvenuto, chi lo ha visitato non è Parodontologo ed allora le consiglio di portarlo da un Parodontologo vero ed esperto e rifarlo visitare totalmente prima di fare iniziare qualsiasi terapia, perchè sinceramente mi sembra improbabile che non si possa fare terapia ossea rigenerativa o almeno ricostruttiva! Legga nel mio profilo:"VISITA PARODONTALE" poi"Parodontite (nozioni di etiopatogenesi, clinica, diagnosi)" poi "Terapia chirurgica della parodontite La Terapia Parodontale, consiste essenzialmente nel ricostruire chirurgicamente ciò che la malattia parodontale ha distrutto." che trova anche in home pagi di DENTISTI ITALIA AL numero 11 se non mi ricordo male nella presentazione a Slide dei casi clinici più interessanti! Mi tenga informato se lo gradisce. La Parodontite è una "brutta bestia" ma si può affrontare e curare, ovviamente se noin è in stadio terminale, ma dal momento che le hanno proposto di protetizzare dei denti significa che non è in stadio terminale ed allora bisogna correggere i difetti ossei con una chirurgia rigenerativa ossea ed eliminare le tasche parodontali e ripristinare, dove fosse andata persa, una banda sufficiente di gengiva aderente intorno ai denti! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Patrizia, in una visita accurata si valutano anche le aspettative e le possibilità di un paziente. Io non so perché i dentisti che avete consultato non hanno proposto della chirurgia ricostruttiva nell'arcata superiore, ma le posso dire che i costi si sarebbero alzati, forse anche di molto. Comunque se ha questi dubbi perché non ne parla con il dentista che la segue. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno Signora Patrizia, la comunicazione è un fattore basilare che si dispone con le richieste degli interlocutori. Se Lei come afferma si è posta la problematica dei costi con le protesi proposte, sappia che l'eventuale alternativa alla protesi fissa previa chirurgia ossea rigenerativa è molto più impegnativa e remunerativa. Chieda l'eventuale fattibilità  ed un preventivo anche per questa alternativa. Cordialmente. Dott. Angelo R. Izzi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

La chirurgia rigenerativa non può essere fatta in tutti i casi e questo va valutato da caso a caso, certamente i colleghi avranno ritenuto non fosse possibile. Ma se lei ritiene troppo costosa una riabilitazione con protesi mobile certamente troverà improponibile una riabilitazione di altro genere. La riabilitazione con protesi mobile è la più economica!

Scritto da Dott.ssa Daniela Sardone
Mola di Bari (BA)

Gentma Sigra Patrizia,posso solo dirle che gli interventi di chirurgia rigenerativa in presenza di gravi atrofie sono tecnicamente molto complessi e hanno costi di gran lunga più impegnativi rispetto alle protesi rimovibili. Difficile dirle i motivi per i quali i colleghi che hanno visitato suo marito non abbiano proposto questa alternativa. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Il collega non le ha proposto questa soluzione perché per eseguire tali terapie è necessario eseguire interventi molto costosi ed altrettanto complessi, se vuole può farsi visitare da un parodontologo ed eventualmente utilizzare il laser per migliorare la sua situazione parodontale. La terapia con il laser è sicuramente meno costosa e meno invasiva, anche se i risultati non sono sempre prevedibili, d'altro canto anche i risultati delle terapie parodontali ricostruttive hanno dei margini di imprevedibilità che talvolta ne limitano l'uso
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonino Albanese
Palermo (PA)

Penso che ci sia parecchia confusione. "rigenerativa artificiale o rigenerativa propria" non significa nulla. Si può fare la rigenerazione in studio, indipendentemente dalla provenienza del sostituto osseo, o si possono fare gli innesti a blocco in ospedale, e allora si prendono grandi pezzo d'osso fuori dalla bocca. Ho l'impressione che i diversi dentisti che ha consultato le abbiano proposto più o meno la stessa cosa con la sola variante della provenienza artificiale o meno del sostituto. Che è ininfluente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile signora non posso entrare nel merito di ciò che hanno detto i colleghi che hanno visitato suo marito. In ogni caso in persone che presentano una grave perdita d'osso hanno solo 2 possibili soluzioni: ricorrere all'innesto di osso (proprio o da donatore) con probabilità di successo non molto alte 60-80% oppure con gli impianti zigomatici con percentuali di successo molto più alte 98% circa. In ogni caso si tratta di trattamenti che per la parte chirurgica richiedono una grande esperienza (vengono eseguiti i spesso in anestesia generale)mentre la parte protesica può essere eseguita dal proprio dentista. Se ha piacere di una valutazione grossolana può mandarmi una copia digitale della radiografia panoramica di suo marito e così potrò dirle se (in linea di massima) suo marito è un candidato potenziale agli impianti zigomatici. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Sullo stesso argomento