Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 8

ULTERIORE SEGUITO ALLA DOMANDA: Ho fatto un intervento lunedì per l'inserimento di 3 impianti al 35, 36, 37

Scritto da stefania / Pubblicato il

Ho già posto alcune domande in merito al mio intervento di implantologia, faccio un riepilogo: 27/6 tolgo il 37 ed inserisco 3 impianti al 35, 36 (mancanti da oltre 10 anni) e al 37 dopo aver eseguito una tac e una panoramica che viene eseguita anche due giorni dopo l'intervento. La parte del labbro/mento sinistra inferiore resta con parestesia (dicono temporanea), inizio a prendere delle pastiglie di vitamine B, mi viene dato "un giro" all'impianto 35, non cambia nulla, eseguo una tac ma è tutto a posto, in ogni caso l'implantologo svita ancora un po' il 35, non cambia nulla. Ad oggi il labbro sembra (ma non si vede nulla) gonfio e appena lo schiaccio punge e sento un po'di dolore. Quando mangio è come se mi si gonfiasse, è sempre una mia sensazione perchè non si vede nulla. Il mento è come sotto anestesia (a sx) e ogni tanto punge. Inoltre ho spesso dolori improvvisi brevi nella zona del 35, del 37, all'orecchio e alla gola a sx sotto la mascella, i dolori non sono contemporanei. Il dolore (e leggero bruciore/pizzicore) al 35 è quello più persistente, il dentista ha detto che è tutto normale e il fastidio che sento è il nervo che dà impulsi perchè si sta riprendendo, dicono che si tratti di un ematoma interno che schiaccia il nervo alveolare. Ormai da 1 mese prendo quasi tutti i giorni almeno un antinfiammatorio/antidolorifico. Sono andata anche al pronto soccorso (San Paolo Milano) e mi hanno detto che è tutto a posto, hanno fatto una lastra e dicono che sicuramente il 35 non può aver toccato il nervo poichè molto distante. C'è anche chi mi ha detto di fare una visita neurologica per essere certa che non ci sia una infiammazione del trigemino... cosa faccio? I dolori che sento sono del tutto normali? Per quanto devo ancora prendere la VITAMINA B? Grazie

 

Precedenti:

 

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/implantologia/4309_intervento-impianti-dentali.html

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/implantologia/4295_intervento-impianti-dentali.html

 

Implantologia con studio preimplantologico. Da casistica Studio Petti di Cagliari
Cara Signora Stefania, mi dispiace ma non è tutto normale, quale che sia la causa. Evidentemente è mancato o uno studio preimplantologico ben fatto o, pur avendolo fatto, non sono state usate quelle precauzioni per inserire a regola d'arte l'impianto, come la dima chirurgica o altro! Gli impianti sono stati svitati quindi una Tac direbbe poco sulla reale loro posizione rispetto al canale mandibolare dove passa il nervo alveolare inferiore che poi emerge dal forme mentoniero a livello della parte periapicale mesiale del secondo premolare ma che può presentare spesso anomalie anatomiche di posizione. Quello che ha è una parestesia per sofferenza o lesione del nervo, cosa che non è normale, ripeto. Purtroppo è molto fastidiosa e non ho elementi clinici per dirle se sarà temporanea come è molto probabile o se la lesione è più grave! Solo il suo Dentista lo sa! Sarebbe interessante sapere se all'inizio della terapia implantologica è stata informata sulle eventuali complicazioni, tra cui questa. L'implantologia non sempre si può fare o meglio a volte bisogna fare chirurgia preimplantare di aumento di osso o di fornice o di gengiva aderente! Non tutte le bocche possono ricevere impianti. E non sempre l'implantologia è la panacea risolutiva. L'implantologia è meravigliosa e guai se non esistesse e se non la si usasse, ma in quei casi in cui va usata. Esistono tante altre soluzioni protesiche sicure nei casi problematici come il suo. Legga sul mio profilo gli articoli di protesi fissa e mista con attacchi di precisione, fresatue , bracci d'appoggio e coulisse, sottolineando che nel mio studio viene fatta una eccellente implantologia, ma siamo abituati a salvare i denti curandoli, non ad estrarli per fare impianti, così tanto per fare impianti e non dimentichi che l'impianto è il risultato di un insuccesso terapeutico, a volte inevitabile ma troppo spesso evitabilissimo dalla Sana e Colta Odontoiatria Riabilitativa totale:"Le protesi dentali fisse,Excursus su i vari tipi di protesi fisse. Consigli e suggerimenti per i pazienti" e "La protesi dentali mobili: miste e rimovibili Excursus su i vari tipi di protesi dentali mobili: miste e rimovibili. Consigli e suggerimenti per i pazienti".Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Stefania, nella precedente domanda le è stato già risposto che se la tac è stato eseguita dopo aver svitato l'impianto la stessa tac non può essere affidabile e veritiera poichè non consente di stabilire la posizione iniziale degli impianti rispetto al Nervo alveolare. Le consiglio una visita neurologica per stabilire se effettivamente c'è un coinvolgimento del nervo. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Stefania a distanza di quasi un mese l'edema non si è riassorbito? Probabilmente lei è un caso particolare dove gli edemi hanno difficoltà a riassorbirsi in pochi giorni, visto che tutti dicono che è "tutto a posto". La visita neurologica è consigliata, anche senza il sospetto d’infiammazione del trigemino. Probabilmente lei non è carente di vit.B, comunque può eseguire degli esami ematochimici, dove viene valutata questa vitamina e poi rivalutare il trattamento.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sentiti i pareri basati su esami radiologici ( quindi dati oggettivi) che affermano che vi sia lontananza tra gli impianti e il nervo mandibolare, resta solo la possibilità di uno schiacciamento di un piccolo collaterale (spesso non visibile) o dell' ematoma. Ci tenga informati su come procede la cosa. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Le consiglio una visita da un neurologo per avere più informaziomi

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentile Signora Stefania, i dolori che sente non sono del tutto normali. Per quanto riguarda la terapia farmacologica, è utile che si faccia visitare da un buon neurologo, che valuti l'eventuale patologia prescrivendoLe la giusta terapia. Cordialmente. Dott. Angelo R. Izzi

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Cara signora Stefania, il suo problema è abbastanza serio, come da lei spiegato con l’inserimento dell’impianto del 5 inf ha iniziato ad evidenziare la parestesia del labbro. Avendo fatto la tc, la tc non rivela nulla in particolare. Ma lei dovrebbe fare una tc particolare che si chiama tc cone bean dove la tridimensionalità dello spazio può evidenziare eventuali lesioni. Oppure chiedere al centro radiologico se hanno un programma per elaborare in 3d le immagini della tc. Un ottimo programma si chiama facilitate – dell’astra zeneca. Questo programma è in grado di vedere le lesioni. Spero di esserle stato d’ aiuto e spero per lei che non sia nulla di grave. Con affetto dott. Polito Vincenzo odontoiatra Ariano Irpino Avellino
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vincenzo Polito
Ariano Irpino (AV)

Cara Signora vista la sua continua preoccupazione ed insistenza le consiglio una visita da una caro amico e collega che è tra i massimi esperti in Italia sulle lesioni nervose e si trova a Milano: Professor Federico Biglioli in internet potrà cercare dove riceve ecc. cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento