Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 11

Seguito alla Domanda: Da poco mi è stato estratto un impianto

Scritto da David / Pubblicato il

Sono il ragazzo di 30 anni che ha rimosso l'impianto. Mi spiego meglio, ringraziandovi moltissimo per le risposte. circa 5 anni fa ho iniziato il calvario presso un dentista che mi disse "hai i denti da latte vanno assolutamente tolti", io da povero ignorante mi sono fidato e cosi fu fatto, allorche' mise 2 impianti, il primo alla quarta volta e' riuscito a metterlo, il secondo ci ha proprio rinunciato dopo più di 4 volte che tentava affermando che erano tutti rigetti. Dopo tutti questi anni ho deciso di far rimuovere l'impianto perche' puntualmente ogni santo giorno sentivo delle fitte a mo di puntura. Il dentista che mi ha estratto l'impianto (un altro per l'appunto) conosciuto da poco, ma che tutti ne hanno parlato positivamente, ha controllato l'ortopanoramica facendomi poi fare un dentalscan, accorgendosi che l'impianto era posizionato proprio sul nervo, diciamo appena appena appoggiato. Il dentista attuale mi disse "se fosse sceso di altri 2 mm ti avrebbe troncato di netto il nervo" (ecco a cosa si riferivano i 2 mm, non era la distanza tra l'impianto e il nervo, non sono stato chiaro io chiedo scusa), da qualche giorno, quindi dopo 10 giorni dall'operazione sono iniziati dolori strani, e la parte sinistra del viso ha iniziato a perdere elasticita', come ad esempio raggrinzire il naso mi e' difficile farlo, l'occhio sinistro non si chiude a dovere, e sotto la mandibola sento una forte puncicata, nonche’ un leggero frizzicolio alla lingua come fosse anestesia, nel contempo sono andato a giocare a calcetto cosa che avrei dovuto evitare ma nessuno mi aveva detto di non poter fare niente altrimenti ovvio non ci sarei andato, e ieri sera mentre calciavo la bocca rimaneva storta con questo effetto di una corda tirata dalla gola alla mandibola. Il dentista mi ha prescritto ora una cura a base cortisonica, allorche' andando dal mio medico curante per farmi prescrivere le medicine mi ha chiesto il motivo, spiegandoglielo mi ha detto "devi fare urgentemente una ortopanoramica perche l'osso potrebbe essersi infettato". Mi sono fidato e l'ho fatta (che ora vi allego). Ho chiamato il dentista, si e' risentito del fatto che io abbia fatto questa ortopanoramica e che avrei dovuto solo fare cio' che aveva detto (premetto che probabilmente ha ragione, ma essendo io in un periodo per varie cose molto delicate sono molto suscettibile) mi sono lasciato un po prendere dal panico e l'ho fatta, anche dovuto dal fatto che ho perso molta della fiducia dopo che mi sono sentito dire da più dentisti "e' una sciocchezza si risolve subito"...questa e' sempre stata la frase ricorrente ed invece eccomi qua, sborsato migliaia di euro per ritrovarmi cosi. Voglio rinnovare la fiducia al settore con questo nuovo dentista. Purtroppo non vuole vedere la nuova orto panoramica, anche se non so il motivo forse lo immagino. Quindi la posto qui…e’ un paese libero e se voglio sentire opinioni lo faccio aldila’ di chi si possa offendere o meno. Grazie mille a tutti.

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/implantologia/3708_nervo-infiammato.html

Non riesco a capire; Lei , da quello che dice, presenta: infiammazione della corda del timpano, infiammazione del nervo facciale, artrosi mandibolare con eventuale dislocazione della mandibola, infiammazione del nervo ( o ramo del nervo ) linguale , per un interessamento sia della mascella che della mandibola ; ma dove era situato questo impianto, nella mascella ( superiore ) o nella mandibola ( inferiore )?; e poi in che modo è stato estratto l'impianto? è è stato levato come un dente mobile, cioè con molta facilità oppure si è dovuto spaccare l'osso ( come sarebbe normale se l'impianto si fosse osteointegrato bene )? ; mi sembra di capire che il problema sta tutto qui ( non centra nulla l'appoggio sul nervo dell'impianto , il massimo che può dare è una parestesia più o meno prolungata , non certo disfunzioni motorie ); il cortisone va bene per le sintomatologie che lei lamenta , ma non risolve la causa; Le consiglio una visita in un buon centro Maxillo-faciale specializzato nei traumi orali. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Leonardo Manfrin
Moglia (MN)

Implantologia dopo studio implantologico. Inserimento impianti come esempio. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Ma scusi a questo punto il consiglio è di fare un tradizionale ponte di tre elementi sia a sinistra che a destra inferiori per mettere i denti che mancano. Li fa in zirconio-ceramica, il massimo dell'estetica ed insieme all'oro-porcellana il massimo della qualità, e risolve in modo eccellente il problema denti che mancano. Per quello che è successo ripeto quanto già detto : il nervo alveolare inferiore è sensitivo e non motorio e avrebbe una parestesia (formicolio) non i disturbi che racconta. Evidentemente è successo qualche altra cosa. Si faccia visitare da un noto e sicuramente esperto Chirurgo Maxillo Facciale per avere Diagnosi e terapia certa e non a tentativi. Mi sembra tutto così improvvisato, maldestro e fuori dell'Odontoiatria seria, l'approccio all'implantologia e forse anche alla rimozione dell'impianto!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sicuramente i 2 impianti non erano stati messi bene, altrimenti non avresti dovuto perderli entrambi; però credo che tutti quei sintomi che riferisci non possano dipendere dagli impianti, peraltro rimossi. Quello che potrebbe residuare è tuttalpiù una parestesia (formicolio) nella zona del labbro inferiore, o alla lingua, ma questi sono sintomi che, a maggior ragione avresti dovuto avere prima, quando c'erano ancora gli impianti; tutto il resto dovrebbe passare adesso che non c'è più una causa che possa provocare qualcosa. Se non c'è gonfiore, non c'è nemmeno infiammazione. Ti consiglio, se hai ancora voglia di riavere una dentatura completa, di rivolgerti ad un implantologo di provata esperienza, ed, eventualmente, anche ad un avvocato se vuoi ottenere un rimborso di ciò che hai speso inutilmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Continuo a non capire la cosa. Prima di togliere l'impianto che sintomi aveva? Se l'impianto non era integrato, qualche disturbo lo doveva pur avere. E se non era integrato allora la sua rimozione non dovrebbe essere stata una cosa tragica, lo si svita ed è finita lì, alle volte nemmeno si sutura. Ma la lastra dimostra che l'intervento non è proprio stato una cosa leggera(a meno di artefatti), ma allora l'impianto era integrato. E allora perchè è stato tolto? Il collega dentista non si deve arrabbiare se il medico di base le ha consigliato una OPT, uno del proprio medico di base si deve fidare, mica può decidere a priori che consigli seguire e quali invece no, non le pare? Torni dal suo dentista e spieghi la situazione e vedrà che i dubbi verranno spianati. Se dal suo dentista invece non dovesse trovare soddisfazione, allora si faccia dare copia della sua cartella clinica con cui sarà più facile spiegare ad un collega di un centro maxillo facciale cosa è stato fatto. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Vabbè.. sul rigetto stendiamo un velo pietoso.. Esiste l'infezione (perimplantite) che nulla ha a che fare col rigetto. come dice il dott. Colla, perchè l'impianto è stato tolto? questo potrebbe dircelo o non lo sa? intendo dire: aveva una sintomatologia dolorosa? una parestesia che giustificasse la sua rimozione? per l'esame opt sono daccordo col suo dentista. non c'è necessità di un esame così invasivo per visionare una zona così piccola di mandibola.. sarebbe bastata una lastrina endorale. se è in cura da un odontoiatra che conosce bene la sua situazione orale, deve seguire i suoi consigli e non quelli di un medico di medicina generale.. se non si fida di lui lo cambi.. è sicuro di avvertire così come ce li ha descritti, questi sintomi? sarà un po preso dalla situazione del momento? Mi scuso per le troppe domande.. Il consiglio di recarsi in una struttura ospedaliera che abbia il reparto di maxillo facciale è la giusta strada da seguire. Cordialmente, Gianluigi Renda.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

I disturbi da lei lamentati sono riferibili ad una paresi facciale ( impossibilità a chiudere l'occhio, parestesie facciali e linguali, difficoltà a " raggrinzire " il naso ). Ma cosa c'entra l'impianto con il nervo facciale ? Il nervo facciale emerge dalla base cranica e si immette immediatamente nel contesto della ghiandola parotide andando ad innervare la musculatura dell'emiviso corrispondente e stando ben lontano dal sito dell'impianto. Si faccia visitare da un chirurgo Maxillo Facciale. A Roma non avrà difficoltà a trovarne.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Caro David, la tua storia odontoiatrica iniziata 5 anni fa al fine di posizionare due impianti per reintegrare l'agenesia dei premolari e conclusasi senza impianti e denti mi sembra davvero una via crucis! L'esame OPT prescritta dal tuo medico di base mostra qualcosa di anomalo a livello del 3.4 (artefatto?) ma, cmq, la sintomatologia che accusi non è consona all'intervento di estrazione dell'impianto. Il consiglio che posso darti è quello di chiedere una consulenza presso un collega specialista in neurologia o in neurochirurgia che sicuramente dall'esame obiettivo potrà capire meglio. Cordiali saluti e tanti auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. David, la mancanza di fiducia nel suo odontoiatra porta a trovare il dentista arrabbiato che si rifiuta di osservare la panoramica prescritta dal collega. Purtroppo nella sua domanda non si rileva il perchè le è stato rimosso l'impianto. Visionando la sua OPT si nota un’area radiotrasparente a carico degli apici di 43 e 42 e delle aree radiopache sotto le selle edentule. Le consiglio di rappacificare i rapporti con il suo odontoiatra e mostragli l'OPT che è un minimo esame prima di posizionare un impianto. Una diagnosi potrebbe nascere da una Cone Beam che in questo caso potrebbe essere indicata.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro David onestamente è una sintomatologia piuttosto strana per essere dipendente dalla sola rimozione dell'impianto inoltre il nervo alveolare inferiore sembra intatto dall'opt le consiglio una visita neurologica o neurochirurgica per capire meglio la situazione distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Caro David, hai tutta la mia comprensione, hai fatto bene ad agire come hai agito, la bocca è la tua, nessuno può incolparti dal momento che hai voluto vedere qualcosa che tuttavia l'Rx OPT non ti fa vedere, cioé il decorso puntuale del nervo, ovvero se c'è qualche danno al nervo. data la risoluzione, puoi vedere qualcosa ma senza dettagli. Comunque, io ti consiglio di lasciare stare -per favore - altri tentativi di implantologia e provare una nuova soluizone che non è una operazione, ma una semplice ortodonzia! Ti aiuterebbe a colmare lo spazio, anzi questa soluzione alla tua età doveva essere presa in consideraizone prima di proporre impianti. Caro David, mi dispiace molto quello che hai sofferto, tuttavia i problemi nervosi spesso guariscono con tante vitamine e un pò di tempo. Ricordati: cambia branca, tanti cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento