Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 11

SEGUITO ALLA DOMANDA: Può un dente devitalizzato far male?

Scritto da angelamaria / Pubblicato il

Gentili Dottori buongiorno e grazie per esserci e darci questa preziosa possibilità di chiarire i nostri dubbi. Seguito alla domanda del 30/11/2010. Riassumo: Luglio 2009 mi sono stati fatti due impianti il 45 e il 46. Dopo ciò io avverto una sensazione di dolore al 44 e fastidio ai denti contigui dal 41 al 44, come se fossero un blocco unico e se fosse rimasto un leggero residuo di anestesia. Inizialmente ho pensato fosse un normale postumo dell'intervento, poi dopo alcuni mesi ho chiesto chiarimenti al dentista curante, il quale mi ha fatto radiografie e mi ha detto che era tutto a posto. Ho continuato a lamentare questa sensazione di dolore silente e fastidio, fino a che mi ha fatto la prova di vitalità sul 44 diagnosticando che il dente era morto e bisognava devitalizzarlo. A maggio 2010 è stata fatta la devitalizzazione, ma non è cambiato niente, stesso dolore al 44 e stesso fastidio ai denti contigui 41-44. Dopo ulteriori richieste il dent. curante mi propone di togliere il dente e reimpiantarlo, aggiungendo che me lo avrebbe fatto gratuitamente. A questo punto ho fatto il dentascan da cui risulta: il perno 45 appare obliquato e manifesta stretti rapporti di contiguità con la radice dentaria del 44. Chiedo un vostro gentile consulto sia diagnostico e sia su come comportarmi, posso ancora fidarmi di questo dentista? Cosa fare visto che ho altri lavori in corso con lui? Potrebbe un altro dentista continuare i lavori ancora in sospeso? E' vero che dopo ogni impianto è lecito rilasciare un qualcosa che certifichi la natura e il tipo di perno impiantato? Vi ringrazio tantissimo in attesa cordiali saluti

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/devitalizzazione/3467_puo-un-dente-devitalizzato-far-male.html

Gentile Sig.ra, se il suo dentista curante non la soddisfa e ritiene che non può più fidarsi del suo operato, può richiedere la documentazione relativa ai lavori già effettuati e rivolgersi ad un altro professionista. Ritengo, comunque, che prima sia corretto parlargliene e tentare di trovare una soluzione. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Signora AngelaMaria, non capisco perchè continui a ripetere ciò che ci ha già detto l'altra volta ed io come l'altra volta le rispondo, aggiungendo di chiedere una visita presso un altro Professionista più qualificato per sentire un parere che abbia "peso":Cara Signora Angelamaria, è impossibile rispondere senza visitarla! Le posso solo dire che, se ho capito bene, il voler fare una avulsione del premolare ed un reimpianto dello stesso è molto azzardato secondo il mio modesto parere perchè si crea una anchilosi della radice e/o una rizolisi della stessa!Per il resto il suo racconto è talmente ingarbugliato che non si capisce quale sia la realtà dei fatti. Ripeto occorre una visita clinica ben fatta!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Ritengo che sia consigliabile l'esecuzione di una tac della zona interessata. Questo esame potrà fare luce sui rapporti degli impianti col nervo alveolare inferiore, e con la radice del premolare che continua a fare male. E' un esame che può essere univocamente interpretato, è di sua proprietà, ed ha valore medico legale. La disamina di queste immagini potrà dare suggerimenti utili per risolvere le problematiche che la affliggono sia al curante che eventualmente ad un collega. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Angelamaria, certamente dal momento che accetta una protesi su impianti deve essere a conoscenza di alcune cose fondamentali, come 1. cosa sia un impianto 2. i motivi per cui una protesi implantare mantiene nel tempo l'osso della faccia 3. quali possibili conseguenze sui denti vicini 4. come funziona l'impianto 5. cosa succede nell'osso dopo aver inserito un impianto 5. quando non si può utilizzare l'implantologia, tanto per citare alcune cose che vanno scritte e approvate prima di porsi in cura, che si chiama "consenso informato". In una protesi implantare è molto importante prevedere e quindi studiare preventivamente l'occlusione, controllare bene i rapporti interprotesici o interdentali dopo aver applicato la protesi, bisogna stare attenti. In particolare, dato che l'osteointegrazione prevede un rapporto tra spire dell'impianto e l'osso di tipo osteosclerotico, è possibile qualche reazione a carico dei denti adiacenti, ed è quindi indicato preventivamente devitalizzare almeno il dente adiacente all'impianto. Comunque , in questo caso, mi sembra opportuno registrare bene i rapporti protesici, cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Angelamaria le consiglio di fare una visita presso un altro professionista visto che mi sembra stia perdendo un po di fiducia. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Annalisa Ciriello
Vigonza (PD)

Sig. Angela, non conosco il parere del suo odontoiatra per affermare se merita la sua fiducia. Il referto Dentalscan cosa cita a carico del 44? Reimpiantare un dente è possibile ma occorrono le indicazioni, perchè limita la vita di questo dente. Le consiglio di parlare al suo odontoiatra di questo portale, qui il collega può iscriversi gratuitamente e accedere al forum riservato, dove potrebbe trovare soluzioni alle sue complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La vicinanza alla radice del 44 può giustificare il fastidio al dente, ma non all'intera area. La sintomatologia che lamenta sembra di tipo neurologico e probabilmente iatrogena (legata all'intervento del dentista), pertanto potrebbe essere utile contattare un neurologo od un neurochirurgo per una visita. Altri dentisti possono sicuramente terminare i lavori iniziati dal suo dentista precedente. Quando un paziente perde fiducia nel curante è lecito che il curante fornisca tutte le informazioni utili alla prosecuzione delle cure presso un altro professionista (come da Codice di Deontologia Medica).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Dovrebbe esserci un rapporto di fiducia medico paziente che mi sembra si stia logorando; ovviamente lavorando può capitare di sbagliare e il fatto che gratuitamente voglia ripristinarle la masticazione in sede 44 fa capire l'impegno a risolverle il problema. L'impegno morale quindi non è in discussione; cerchi parlando con il collega se si può ripristinare la tranquillità e la fiducia preesistente, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con i colleghi. Senza un esame radiologico accurato ed eventualmente una tac, non si può fare diagnosi

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Milano (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

La descrizione dei sintomi porterebbe a pensare che oltre alla patologia derivante dal contatto dall'impianto con la radice del 44, ci sia anche una "sofferenza"da riferire a compromissione di strutture nervose .Ripeta un esame TAC-Dentalscan e valuti attentamente la possibilità di un consulto presso altro professionista. Cordialmente.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

Sullo stesso argomento