Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 12

Impianti dentali in titanio e corone

Scritto da ilario / Pubblicato il

Varia letteratura dice che su impianto in titanio sarebbe meglio mettere corone in titanio (si evita che materiali con differenti potenziali elettrici siano a contatto, inoltre il titanio e biocompatibile, non è tossico e non è allergenico). Però quasi tutti i dentisti propongono di fare corone con metalli diversi dal titanio (oro, palladio, cromo-cobalto, etc.). Perchè?

Se ho ben capito l'impianto è fatto da due parti. La prima è la parte in titanio che viene avvitata nell'osso. Trascorsi i 4-6 mesi si pone una seconda parte "pilastro" sul quale poi ci si cementa la corona (supponiamo la corona sia metallo ceramica). Domanda: il "pilastro" è tipicamente di titanio (come la vite) o del metallo della corona? Supponendo si possa scegliere, c'è differenza di prezzo tra pilastro in titanio e pilastro in altra lega (esempio oro)?

Caro Sig. Ilario, l'impianto endosseo ed il moncone sono generalmente entrambi in titanio mentre la travata della protesi che andrà a ricoprire gli impianti in titanio è una lega costituita da metalli da Lei citati. La ragione per cui non si adopera il titanio per la costruzione della travata è semplice e consiste nella difficile lavorazione del titanio in laboratorio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Ilario, molte volte certi tipi di lavorazione non dipendono certo dalla capacità del dentista ma piuttosto da motivi logistici.Non tutti i laboratori che eseguono le corone sono attrezzati per le fusioni in titanio soprattutto per gli alti costi delle fonditrici per il titanio. Per mia esperienza posso aggiungere che le corone in titanio hanno dei vantaggi come ad esempio la leggerezza e il peso nettamente inferiore agli altri metalli comunemente utilizzati. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Il pilastro è in titanio, ed è il materiale migliore in cui può essere anche se oggi nei settori frontali in molti casi utilizziamo lo zirconio. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Ilario, il moncone degli impianti è generalmente costituito da titanio, nei settori estetici si può usare la zirconio. Per quanto riguarda le corone il titanio è poco usato per gli elevati costi di lavorazione , ma l'uso di altri materiali non pregiudica il buon lavoro protesico. Cordialmente dott. D. Cianci.

Scritto da Dott. Dario Cianci
Milano (MI)

Qualunque riabilitazione effettuata con materiali metallici, comprese le otturazioni in amalgama i perni endocanalari e lo zirconio, provoca una differenza di potenziale elettrico con passaggio di correnti galvaniche. Questo non vuol dire che queste correnti siano necessariamente dannose. Se lei non ha altri metalli in bocca può chiedere al suo curante di usare solo il titanio, magari spendendo qualcosa in più, proprio per i motivi tecnici che le sono già stati illustrati, ma nel caso lei avesse altre protesi o otturazioni metalliche non si faccia questi problemi ed usi i materiali convenzionali. Per ulteriore chiarezza la informo che nel caso serva un moncone personalizzato (motivi estetici, disparallelismi o quant'altro) questo comunque deve essere realizzato con metalli nobili, senza che questo la danneggi. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Gentile Ilario, solitamente anche il moncone è in titanio come l'impianto. I prezzi della componentistica protesica sull'impianto variano molto dalle case costruttrici. Cordialmente

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Zirconioceramica come esempio.Da casistica Dr. Gustavo Petti e Dr.ssa Claudia Petti
Caro signor Ilario...il problema non sussiste...perchè le correnti galvaniche si formano tra materiali nobili e materiali non nobili e di "infima qualità"...il titanio lo si può equiparare ad un materiale nobile anche se in realtà non lo è, quindi con la corona in oro o oroplatino, non succede proprio niente...in ogni caso si può usare la corona con cappetta in zirconio (assolutamente neutro).........Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari,Gnatologo, Implantologo, Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi, Ortodonzia e Pedodonzia (con la figlia Claudia Petti), Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Ilario, mi complimento per la capacità di formulare un quesito che poggia il proprio razionale sui dati della letteratura scientifica. Per Sua utilità, mi pregio di rispondere alle Sue osservazioni/domande come segue: #1- La letteratura che suggerisce la realizzazione di corone in titanio su monconi in titanio è veramente esigua [e comunque trascurabile rispetto ai risultati a lungo termine (e ben consolidati) che vedono protagoniste le tecniche in metallo-ceramica, oro-ceramica e, recentemente, in zirconia-ceramica; così come trascurabili sono le correnti elettro-galvaniche che si formerebbero, specie se oltre al titanio (inerte) vi sia la presenza di uno o due metalli). #2- L'utilizzo di metalli diversi dal titanio dipende dalle attrezzature di laboratorio, dalle difficoltà tecniche di realizzazione delle cappette (in metallo o zirconia) e -si badi- dall'affinità di legame tra metallo e ceramica [in quest'ottica il titanio è il materiale meno performante rispetto alle leghe (o agli altri materiali) comunemente utilizzate/i e consolidati dagli studi prospettici a lungo termine]. #3- Il pilastro è preferibilmente del materiale dell'impianto per motivi meccanici [ossia è ideale avere una struttura monolitica (e dalle stesse proprietà fisiche) che si ingrani nell'alloggio dell'impianto]; tuttavia, funzionano benissimo anche altri metalli e la combinazione zirconia/titanio. #4- La differenza di prezzo tra titanio-ceramica e metallo(oro)-ceramica ovviamente esiste (per i motivi di cui sopra) ed è svantaggiosa e non altrettanto affidabile rispetto alle tecniche sia tradizionali che moderne oggi in utilizzo routinario (oltre che, a mio personale avviso, non corroborata da una quantità di studi sufficiente ad indicarne l'impiego ... almeno per il momento). Con l'augurio di una efficace riabilitazione protesica su impianti; Antonio Scala, Brescia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Ilario, le rispondo da medico-odontoiatra e non da metallurgo. Quando metalli diversi, cioè con differenti potenziali elettrici, vengono a contatto tra loro direttamente o tramite un "medium" (nella bocca il medium è l'ambiente salivare), allora si crea il fenomeno del galvanismo. Alla corrente galvanica dovrebbe seguire una elettro-erosione delle strutture metalliche, con possibile intolleranza da parte dei tessuti biologici. Questo non avviene tra metalli nobili (oro, titanio, argento) o semipreziosi (leghe auree o amalgami a base di argento). Fenomeni galvanici in bocca avvengono invece di frequente tra metalli vili o leghe vili, specie in presenza di leghe ferrose o acciaiose. Gli impianti dentali sono costituiti interamente in titanio: metallo biocompatibile in quanto inerte. Il moncone sull'impianto è in genere pure in titanio. La corona sul moncone può essere in titanio, in lega aurea, in lega semipreziosa o in zirconio. Differenze di prezzo non dovrebbero esserci perchè per le protesi su impianti non si usano leghe vili. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Ilario, è possibile realizzare delle corone su titanio, richieda il preventivo al suo odontoiatra

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento