Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 6

Seguito alla domanda: Non ho assolutamente intenzione di portare scheletrati

Scritto da catia / Pubblicato il
Per gent.mo dr. Renda: sono sempre Catia, volevo dirLe che per non fare un nuovo impianto sui molari superiori, mi è stato prospettato una estensione incapsulando i due premolari superiori per crearne uno fittizio. Il medico che mi ha proposto questa soluzione dice che è molto valida (e anche lo studio è quotato); come fa a dire che i premolari superiori sono cosi' deboli? Grazie per sua gen.ma risposta
Cara Signora Catia .Lei sarà in ansia per avere una risposta pur essendo la domanda per il collega ed amico Dr. Renda, ritengo utile per lei sentire anche la mia opinione, in attesa della sua: 1) Il dente in estensione è concettualmente errato perché crea una leva fisica di ribaltamento, anche se "ancorato" a due premolari questo perché il carico che si ha sul molare in estensione, essendo più vicino al fulcro dell’asse cerniera della bocca è enormemente maggiore di quello che si ha sui premolari pensi semplicemente al fulcro di uno schiaccianoci le nocciole più dure le mette vicino al fulcro (alla cerniera) se non riesce a romperle lo stesso succede in bocca!...- 2) I Premolari poi sono i denti più deboli dell’arcata intera .- 3) Il problema dell’estrusione dell’inferiore rimarrebbe e provocherebbe problemi gnatologici e parodontali = tutto questo porterebbe ad una azione di ribaltamento distale dei premolari che causerebbero oltre che possibili fratture dei denti o delle radici, soprattutto un danno parodontale con formazione di una tasca intraossea parodontale, per l’aprirsi di una tasca gengivale distale, che si potrebbe poi curare con la chirurgia parodontale e la riabilitazione della sella edentula o con impianti (DA PREFERIRE) o con la protesi rimovibile che le ho già descritto nel precedente post, con attacchi di precisione, fresature, bracci d’appoggio e coulisse maschi e femmine (senza ganci) quindi e molto sofisticata pensi che si possono inserire attacchi ammortizzati per ricreare il confort masticatorio dei denti naturali certo sono protesi che bisogna sapere fare quindi si dovrebbe rivolgere ad un Dentista molto esperto in riabilitazioni orali complesse le allego una foto di una bocca riabilitata con chirurgia parodontale estesa e impianti e nell’arcata superiore con una protesi con attacchi fresature etc come descritta .è in bocca da 30 anni circa ...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia, Implantologia e Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Catia, utilizzare due premolari per tenere un molare NON E' DA FARE. Il braccio di leva che si crea è totalmente sfavorevole, e porterebbe rapidamente alla perdita dei denti nel giro di alcuni anni. Nel disegno che le ho preparato, è illustrato il gioco sfavorevole di leva. La conseguenza dopo alcuni anni dell'allestimento di una protesi del genere è prevedibile nel momento stesso in cui la si esegue.

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

No non è una grande soluzione signora Catia, è solo un ripiego, anche costoso direi. La cosa è ampiamente dimostrato che causa frattura dell'elemento distale. Cordialmente Orazio Ischia

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Ritengo che le risposte dei dottori Petti e Formentelli siano piu che esaurienti, poiche' cio' che le e' stato proposto e' un concetto fisico e meccanico applicato all'odontoiatra che trova gli stessi fallimenti. Spesso la protesi tradizionale, se ben progettata ed eseguita, risolve casi come il suo senza grossi sforzi e sacrifici

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Sig. Catia, concordo con i colleghi che il sistema protesico prospettato, potrebbe dare qualche complicanza futura.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara sig.ra Catia la ringrazio.. anche se mi riesce difficile aggiungere altre congetture ad un quadro clinico che non conosco.. comunque, in linea di massima, mi limiterò a darle nozioni circa la fattibilità di un ponte con estenzione. l'estenzione è fattibile. la scienza dice che l'elemento in estenzione (chiamato cantilever) non sia più "lungo" della metà degli elementi pilastro.. ovvero, che il cantilever non sia più grande della metà del dente che lo sorregge. questa grandezza, si riduce quanto più ci si avvicina al fulcro di leva.. (come spiegava il sapiente dott. Petti). per cui, come nel suo caso, il cantilever si ridurrebbe alla grandezza esigua di un "piccolo premolare"..cosa poco estetica, poco rispettosa della biologia (limare 2 premolari buoni per sostituire 1 dente) e poco funzionale.. in parole povere fallimentare. ecco perchè i colleghi ed io stesso le consigliamo di riabilitare il suo molare superiore mediante implantologia. cordialmente, gianluigi renda.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Sullo stesso argomento