Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 5

Impianto di tipo tradizionale o a carico immediato?

Scritto da Nicola / Pubblicato il
Salve, innanzi tutto Vi ringrazio per la vostra disponibilità e cordialità. Ho 20 anni e a breve dovrò farmi un impianto al 12, poichè esso non mi è nato dopo il dente da latte. Tuttora porto una protesi mobile; il dentista che mi ha tenuto finora in cura vorrebbe eseguire un impianto di tipo tradizionale, mentre un secondo dentista mi ha consigliato un impianto a carico immediato. Il problema è che le versioni dei due dottori, ovviamente, essendo completamente opposte (l'uno mi consiglia il tradizionale e sconsiglia fortemente il carico immediato ritenendolo più rischioso dal punto di vista estetico su un paziente così giovane etc.... e l'altro viceversa con il carico immediato) mi hanno confuso un pò le idee e non riesco a prendere una decisione. Quindi vorrei sapere quale, tra i due interventi, è il migliore dal punto di vista della riuscita estetica, dal punto di vista della durata (considerando eventuali piccoli assestamenti e movimenti dei denti durante gli anni), delle conseguenze sulla gengiva, quale tra i due è più consigliabile da eseguire su una persona della mia età etc... quindi tutti i pro e i contro che questi interventi comportano. Ringraziandovi ancora per la Vostra gentile attenzione e rimanendo in attesa di una Vostra risposta, Vi porgo Distinti saluti. Nicola
Vedo che le idee (anche dei dentisti) sono poche ma confuse. Vediamo di fare un pò di chiarezza. Innanzitutto il concetto di "tradizionale": è nato prima il carico immediato (in Italia, cosa spesso dimenticata, e non in Svezia o America) del carico differito; è preferibile non usare quindi espressioni come "tradizionale" o "innovativo", perchè nel carico immediato di innovativo c'è ben poco. Parliamo sempre dell'impianto singolo, perchè quando gli impianti da inserire sono più di uno tutto quello che scrivo sotto a proposito delle previsioni non vale più. ---------------------------------------------------------------------- IN LINEA TEORICA il carico immediato è sempre da preferire, perchè fa maturare meglio l'osso che viene sollecitato nel modo giusto da subito. Ma spesso non è possibile. Se inserisco subito il dente provvisorio, devo essere CERTO che questo reggerà DA SUBITO le sollecitazioni meccaniche imposte dal carico funzionale (anche se con opportuni accorgimenti posso ridurle). Se non vi è questa certezza è preferibile optare per un più sicuro carico differito. ----------------------------------------------------------------------- IN PRATICA io non posso promettere prima che l'impianto che andrò a inserire sarà in grado di "tenere" da subito. Lo posso dire dopo. Posso prevedere, in base alla mia esperienza, se PROBABILMENTE posso fare carico immediato o no. Non so come è l'osso, non so che durezza ha, neppure se faccio una TAC o dentalscan. PRIMA faccio il buco, cerco di farlo bene, cerco di farlo adatto al carico immediato, e poi avvito la vite. Devo avere la "SENZAZIONE" di tenuta (o un numero, se uso dei sistemi elettronici), e poi decido se quell'impianto può reggere da subito le sollecitazioni funzionali a cui sarà soggetto. ----------------------------------------------------------------------- Spero di avere utilizzato parole comprensibili e di aver chiarito le idee. Saluti dr. Sergio Formentelli - - - www.caricoimmediato.com
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Sergio...sono in pieno accordo col collega Formentelli ... molto di più in ogni caso si può dire dopo averla visitata...poi...e la getto lì...dato che si parla di tradizione...e un classico ponte a tre elementi, non le andrebbe proprio?...lo scarta a priori? coi materiali estetici e le tecnologie di oggi, si costruiscono delle protesi fisse talmente estetiche e talmente sicure che qualsiasi impianto al loro cospetto ..."scompare"...questo se vuole veramente estetica, funzionalità e soprattutto estrema sicurezza di esecuzione e durata...Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Nicola, probabilmente entrambi i consigli sono validi, la giusta scelta può essere dettata dalla quantità e qualità d'osso, più che dall'estetica che è raggiungibile in entrambi i casi. Un impianto a carico immediato può avere un diametro minore, rispetto un impianto con connessione con il moncone. Facilmente la giusta scelta dovrà avvenire durante l'intervento, in cui sono valutate tutte le eventuali complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se possibile è meglio un carico immediato. La decisione, comunque, spetta a chi effettua l'intervento

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Grazie per la Chiarezza Dott. Formentelli. Se possibile e ha osso sufficiente, quindi da non modificare, le consiglierei il carico immediato. Ho pubblicato numerosi casi clinici in merito su questo portale: carico immediato one to one, ed appunto carico immediato. Però è sempre l'implantologo che decide in base al torque che può imprimere all'impianto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sullo stesso argomento