Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 7

Ho estratto il molare in posizione 26 in pulpite mal curata e poi fratturato

Scritto da Maria Grazia / Pubblicato il
Salve, ho estratto il molare in posizione 26 il mese di settembre 2015, in quanto in pulpite mal curata e poi fratturato. Il dentista ha proceduto con un impianto a carico immediato che ho dovuto rimuovere un mese dopo in quanto infetto. Ho fatto trascorrere 3 mesi e il 23 aprile il dentista ha proceduto con un impianto di qualità superiore con tecnica flapless. L'impianto mi ha causato forti dolori sin dal primo giorno e dopo due settimane l'ho dovuto rimuovere. Dalla tac, che allego, mi è stato detto che c'è una comunicazione con il seno mascellare, la quale si sarebbe rimarginata da sola. Attualmente ho ancora molto dolore, e anche altri dentisti non hanno saputo farmi una diagnosi. Spero che qualcuno possa indicarmi la causa e come procedere. Vi ringrazio.
Dr.Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari. Fase di chiusura chirurgica di una perforazione oro-antrale con osteotomia osteoplastica, membrane e lembo trapezoidale di Sigillo.
Cara Signora Maria Grazia, buongiorno. Un impianto inserito due volte e fallito due volte: è ovvio che c'è qualche cosa che non "quadra"! Per la perforazione del seno mascellare, bisogna valutarla Clinicamente (non basta una Rx postata nel Web)! Bisogna valutare se è rimasta integra la membrana di Shneider che spesso ha uno spessore di pochi decimi di millimetro ma che è importante per il tipo di terapia necessaria dopo, sempre che perforazione ci fosse stata! A livello dl "pavimento osseo del seno sembrerebbe di si ma la membrana di Shneider? Bisogna fare una Visita Clinica, Semeiologica ed Anamnestica. Sapere se quando beve un bicchiere di acqua o qualsiasi altro liquido, esso esca o no dalla narice omolaterale, che confermerebbe la comunicazione oro antrale che andrebbe chiusa. Le lascio una foto di una fase di chiusura chirurgica di una perforazione oro-antrale da me curata su un paziente che ne soffriva da anni con una sinusite cronica e misconosciuta che complicava tutto. Si faccia Visitare da un Parodontologo. Glielo dice un Parodontologo. Non si lascia un paziente con una comunicazione oro antrale così. Le complicazioni diventano tali da poter dover richiedere un intervento molto severo per risolvere la patologia, come l'intervento di Caldwell-Luc. Personalmente, come già detto! L'intervento che personalmente eseguo è un Lembo trapezoidale mucoperiosteo proprio per creare il "tessuto che manca", aggiungendo un innesto Libero di Gengiva se non bastasse, dopo aver escisso la fistola che sempre si forma ed aver chiuso il pavimento del seno con una membrana ed osso artificiale riassorbibile, se fosse il caso! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Maria Grazia, effettivamente dalle radiografie inviate sembra essere presente una comunicazione oro-sinusale probabilmente dovuta agli interventi precedenti. Credo comunque molto difficile che una comunicazione con il seno mascellare possa risolversi spontaneamente ma sarà necessario intervenire chirurgicamente per chiudere la comunicazione. Le consiglio di rivolgersi ed affidarsi ad un buon dentista esperto in chirurgia orale che valuterà la dimensione della lesione e la terapia più appropriata. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Maria Grazia, un altro caso di complicanze implantologiche, carico immediato impianti di qualità superiore con tecnica flapless, sembra quello che scrivono nelle pubblicità, peccato che non scrivono mai questi risultati. Ora chiede in internet perchè c'è tanto dolore, ci parla di odontoiatri che non sanno dare un sospetto diagnostico chissà cosa c'è? Speriamo che non sia un tumore. Il suo odontoiatra cosa dice: la abbandonata ad internet, un consulto da chi ne sa più di lui non lo propone? Mi permetto di darle un serio consiglio ricerchi un semplice odontoiatra senza pubblicità che le faccia pagare la visita senza nomi di tecniche o altro che con parole povere le spiega tutto e le consiglia le migliori cure prendendosi tutte le responsabilità. A sua disposizione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Purtroppo la comunicazione oro-sinusale è evidente dalla Tac che ci allega, difficilmente, come suggerito dal collega, si potrà risolvere spontaneamente. È opportuno un consulto, inviato dal suo dentista, presso un chirurgo orale o maxillo - facciale che possa gestire e risolvere questa problematica (e quindi chiudere la comunicazione e risolvere il conseguente quadro flogistico correlato).

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Maria Grazia, mi sembra di vedere una sofferenza del seno mascellare, oltre a una comunicazione oro-sinusale. Sarebbe saggio un consulto presso un otorino esperto in questa materia (non tutti lo sono). Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno dalla TAC eseguita dal centro di cui mi avvalgo pure io , che reputo ottimi come qualità lavorativa, ritengo di valutare una flogosi a livello del sito incriminato, ma prima di diagnosticare sarebbe opportuno una visita accurata perchè ci sono alcuni quesiti che vorrei porLe. Per esempio perchè prima le inseriscono un impianto dentale di bassa qualità e poi uno di qualità migliore? dubbia analisi...ora che dolori riferisce di che genere insomma si faccia visitare da un Odontoiatra che la possa aiutare. Buona giornata 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Gentile sig.ra Maria Grazia, che un impianto possa fallire, capita, raramente ma capita; che ne falliscano due non mi è mai capitato, poi, ma che discorso è il primo era di bassa qualità, se era di bassa qualità non lo doveva usare, poi perchè ha aspettato solo tre mesi, quando si sa che per una corretta riformazione dell'osso dopo una perimplantite, è necessario attendere almeno 6 mesi, procedendo comunque poi al grande rialzo del seno mascellare al momento del reinserimento dell' impianto, oppure le doveva dire che era meglio eseguire il più classico dei ponti, non è che adesso esistono solo gli impianti. Non lo so ci sono molte zone d' ombra nel comportamento del suo dentista, io fossi in lei andrei a farmi vedere da un altro dentista per valutare un eventuale contenzioso legale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Sullo stesso argomento