Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 11

Dolore persistente dopo l'applicazione di due impianti

Scritto da natalina / Pubblicato il
20 giorni fa ho fatto due impianti centrali inferiori, ho fatto l'estrazione e poi mi hanno messo subito i due impianti (viti). Subito ho preso per tre giorni l'antibiotico e un antidolorifico, il male inizialmente era sopportabile poi invece di passare è sempre aumentato fino ad essere insopportabile, ho preso altri antidolorifici ho fatto impacchi di camomilla, risciacqui con dentosan, ma niente. Il dentista dice che secondo lui è tutto a posto, di prendere ancora l'antibiotico per cinque giorni. Ho ripreso ieri l'antibiotico, ma metà della mia bocca brucia tutta e in alcuni momenti il male è ancora forte. Non riesco a continuare cosi'. Ho gia' fatto altri impianti sia superiori che inferiori ma non ho mai avuto male. Cosa posso fare se anche con l'antibiotico il male non passa? E' possibile togliere l'impianto? Attendo una vs. sollecita risposta e ringrazio.
Cara Natalina, vorrei sapere se vicino agli impianti ci sono altri denti e in che condizioni sono, cioè se hanno problemi gengivali (parodontopatia)

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Cara sig.ra senza rx prima e post intervento, è difficile darle una risposta. il bruciore alla bocca è probabilmente legato al farmaco antibiotico assunto per tanto tempo, (stomatite da farmaco) prenda delle vitamine del complesso b ed anche dei fermenti lattici. attenda ed abbia fiducia nel suo medico odontoiatra. saluti

Scritto da Dott.ssa Roberta Araceli
Viterbo (VT)

Sicuramente il suo dentista ha effettuato una rx di controllo per verificare l'esatto posizionamento degli impianti. Se tutto è ok non deve fare altro che prendere la terapia antibiotica. Perchè togliere gli impianti. Non sono certamente questi che le danno fastidio.

Scritto da Dott. Luciano Rita Maria Amelio
Catanzaro (CZ)

Signora Natalina, in medicina non ci sono certezze. Forse la terapia antibiotica doveva essere proseguita per più giorni. Ho la sensazione che abbia ritardato a riferire al suo Odontoiatra il dolore ancora presente a fine ciclo perchè probabilmente non Le avrebbe prescritto "impacchi di camomilla e risciacqui con dentosan" ma Le avrebbe prolungato la terapia antibiotica. I pazienti devono quanto prima comunicare con il proprio medico quando la guarigione presenta delle varianti. Prosegua con scrupolosità la cura e tenga informato il suo curante. Ultimo dettaglio: esistono alcuni collutori che creano alerazioni della mucosa della bocca...anche per questo chieda consiglio medico. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Una copia dei rx sarebbe utile per darle dei consigli.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara signora Natalina, Perchè ha fatto gli impianti?...se c'erano dei denti? Perchè sono stati estratti?...Sarei curioso di conoscere la sua storia clinica...per risponderle...non posso dirle altro...torni da chi le ha fatto gli impianti ... Cordialmente

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Natalina, noi da questo sito senza radiografie, senza poterla analizzare clinicamente, senza conoscere la sua storia clinica pregressa, possiamo fare poco e niente. Continui a consultare il suo dentista e insista su questi suoi sintomi, lui saprà trovare la risposta.

Scritto da Dott. Adolfo Braga
San Giustino (PG)

Gentile paziente, un impianto di 20 giorni che fa male ha qualcosa che non va. Impossibile dire di più, senza una visita. Sicuramente il segnale dolore non può essere trascurato. L'osso nella zona degli incisivi inferiori è uno dei più difficili da trattare, è durissimo, scarsamente vascolarizzato. E' verosimile che l'osso subito a contatto dell'impianto sia morto in virtù del trauma chirurgico. --------------------------------------------------------------------------- Andrebbe verificata la stabilità degli impianti (che deve essere perfetta), la loro dolenzia alla percussione (la radiografia a 20 giorni spesso non dice nulla) e, una volta fatta la diagnosi, ovvero capito perchè fa male, toglierlo (o toglierli). Dopo 2-3 mesi l'impianto eventualmente tolto potrà essere rimesso in genere senza problemi: l'implantologo si troverà davanti ad un osso in rigenerazione, riccamente vascolarizzato, molto migliore e recettivo di prima. --------------------------------------------------------------------------- Si rivolga al suo implantologo per la soluzione del problema, e ci tenga informati se venisse "condita via" con frettolosità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Concordo nel pensare che c'è qualcosa che non è andato per il verso giusto, perchè nel 99% dei casi dopo 20 giorni si ha la completa scomparsa della sintomatologia post operatoria. Poter diagnosticare cosa non va può certamente rendersi conto che on-line è praticamente impossibile. Mi sento solo di consigliarle, nel caso le cose non dovessero migliorare, di chiedere un consulto da un altro specialista, preferibilmente implantologo portandogli tutto ciò di cui lei è in possesso (rx, analisi del sangue, cartelle cliniche di eventuali pregressi trattamenti). Cordiali Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vittorio Milanese
Piano di Sorrento (NA)

Concordo pienamente il collega Milanese Vittorio, dopo 20gg si ha la completa scomparsa della sintomatologia. Mi sembra strano che il collega che ha effettuato l'intervento le dica che è tutto ok. A borgomanero ci sono 15 colleghi. Si faccia vedere da un altro collega. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Fabrizio Remotti
Novi Ligure (AL)

Sullo stesso argomento