Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 9

Ho portato l' apparecchio per più di tre anni e ho messo l' impianti dei due incisivi

Scritto da Valentina / Pubblicato il
Gentili Dottori, ho portato l' apparecchio per più di tre anni e ho messo l' impianti dei due incisivi sinistri (21 e 22), mi sono stati tolti cinque denti, ho speso tanti soldi e i risultati non mi piacciono affatto. La gengiva dove sono stati fatti gli impianti è molto ritirata e nella parte sinistra accanto all'impianto dell'incisivo sinistro c' era molto spazio ed è stato chiuso con un incisivo più grande, La linea mediana degli incisivi superiori è spostata di circa due millimetri a desta rispetto al centro, attendo consigli. Grazie
Sig, Valentina, le foto non sono delle migliori, non tutte le cure ortodontiche possono raggiungere il 100%, l'estetica di una riabilitazione implantologica non può essere equiparata all'estetica del dente naturale. Si potrebbe rivedere il tutto con un buon studio del caso e valutare quali obiettivi si possono raggiungere.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

denti ritenuti incurabili ed invece salvati ed in bocca da 30 circa. Da casistica Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi
Ma scusi, cara signora Valentina, ha solo 31 anni e le sono già stati estratti ben cinque denti e fatti due impianti? Mah! Sono sconcertato. Non è possibile che tutti e cinque i denti fossero tutti irrecuperabili terapeuticamente. Lo dico per esperienza, che è tanta, mi creda. Una vita dedicata alla Parodontologia ed alla Riabilitazione Orale in Casi Clinici Complessi. Si possono curare anche le radici! Come mai io personalmente faccio pochissime "estrazioni", da contarle sulle dita di due mani in decenni e lei a 31 anni ha già subito cinque "estrazioni"? Le racconto un Aneddoto: in 37 anni ne ho estratti pochissimi tanto che mia figlia quando era all'Università in Odontoiatria non aveva denti, dati da me, per fare le esercitazioni! I suoi Colleghi ne avevano a chili! Questo solo basterebbe per farle dubitare che quel dente estratto forse lo si sarebbe potuto salvare ed un Dente è un Dente, un impianto non è altro che un pessimo "succedaneo", una seconda scelta, una protesi che sostituisce una articolazione. Sì perché il Dente ha una articolazione, che è il ligamento parodontale ed alveolo dentale, che l'impianto non ha. Ha una attacco gengivale che protegge l'osso sottostante, che l'impianto non ha! Quindi l'impianto lo si fa solo come ultima indispensabile ed insostituibile scelta! Ma prima ce ne sono tante altre! Le lascio a dimostrazione un Poster di denti ritenuti incurabili e da estrarre e sostituire con impianti e che invece io ho curato con terapia Parodontale, conservativa, perni monconi, endodonzia, etc e salvato 25-35 anni fa e che sono ancora in bocca sani e salvi. Ovviamente i pazienti erano "Collaboranti e ben motivati" e sono stati immessi in un "circuito" di Igiene Orale professionale e controlli con richiami periodici.Insomma curati in pazienti collaborativi! Ma un mio paziente non può essere non collaborativo :) C'è un detto: un Dentista è tanto più bravo quanto meno denti estrae e quanto meno impianti fa, per il semplice fatto che i Denti si devono curare! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Da quel poco che si vede dalle foto si capisce però che prima dell'applicazione del dente c'era gia' una recessione gengivale perche' se no si vedrebbe il metallo dell'impianto (almeno credo; non sara' stato inserito con forza il dente sull'impianto...) Quindi il problema e' a monte cioe' quando e' stato fatto l'intervento; a questo punto pero' sembra che ci siano spazi di miglioramento; consulti un dentista competente in parodontologia, lui fara' le valutazioni necessarie per poter migliorasre la sua estetica
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Se non è soddisfatta del risultato acquisito (in effetti sembra di intravedere alcune problematiche estetiche a riguardo), l'unica cosa che può fare è rivolgersi ad uno studio presso cui operi un collega esperto di Chirurgia Mucogengivale ed Implantologia, per valutare un eventuale piano di trattamento migliorativo sulla sua situazione implanto - protesica. Sul risultato dell'Ortodonzia non ho sufficienti elementi per pronunciarmi. Si nota sì una deviazione della linea mediana, ma non sapendo nulla del prima e del resto della sua occlusione (che comunque sembra corretta), non posso consigliarle di ri -metterci nuovamente mano.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

L'odontoiatria industriale da negozio porta a far credere alla gente che i denti non sono pezzi del corpo umano, ma come i mattoni di un muro, i quali se danneggiati si cambiano con nuovi e il muro alla fine migliora anche. Non è possibile questo ragionamento da meccanico d'auto se il criterio viene applicato alla carne battezzata. La conseguenza delle sue relazioni scriteriate, è che lei per risparmiare non si capisce cosa, adesso andrà a spendere di più, per migliorare di poco il livello gengivale. Si ricordi (per i suoi figli futuri) che l'impianto è impresa da poco, alla portata di tutti i dentisti, mentre i dentisti più bravi sono quelli che mettono meno impianti. Penso che forse lei ha conosciuto un dentista che avrà chiesto 600-1000 euro per curare il dente dove ha l'impianto. Adesso lei andrà a spendere 6000 euro nei prossimi dieci anni per rimediare poco poco alla mutilazione subita. Lei dovrebbe adesso accontentarsi, risparmiando questi soldi per la prossima volta di vera necessità, da mettere nelle mani di un dentista sicuro e serio. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Non so giudicare l'operato del suo dentista, se lei l'ha scelto ci sarà un motivo, è talmente lontano dal mio operato la soluzione chirurgica che resto sconcertato ma chi è causa del suo mal....mi scusi ma veramente non me la sento di giudicare chi non conosco

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Purtroppo non si vede molto. a fine lavoro molto non si potrà fare per correggere l'estetica anche riprendendo l'ortodonzia, la posizione implantare condiIoma la posizione dentale e il livello gengivale.
Non abbiamo documentazione per esserle d'aiuto e ci manca la documentazione. radiografica che permetterebbe di avere ulteriori informazioni.
Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno Valentina. Ho idea che ci siano state diverse lacune nelle precedenti terapie se alla sua età ha già perso 5 denti naturali. Sia lei che i colleghi che l'hanno seguita avrebbero dovuto evitare di giungere a questa situazione, perché i denti naturali sono insostituibili, altrimenti madre natura ce ne avrebbe forniti come gli squali, disposti su più linee consecutive. Ora che la situazione è questa, bisogna evitare di peggiorare. Dalle foto si capisce ben poco, ma la lunghezza degli elementi 21 e 22 pare tale che probabilmente prima di procedere alla riabilitazione implanto-protesica sarebbe stato saggio e corretto eseguire rigenerazione ossea. Il mio consiglio è di affidarsi a un bravo chirurgo orale, che sappia pianificare correttamente le dimensioni prima di procedere con viti varie. Se vuole che le suggerisca un nome, mi contatti in privato. Conosco un bravo collega che opera nella sua città, che potrebbe farle una visita non impegnativa. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Vanessa Ciaschetti
Marostica (VI)

L'IMPLANTOLOGIA è una scienza che deve contemplare la previsione ed il "management" dei tessuti molli gengivali. Cioè in zone così estetiche bisogna programmare se possibile il livello della gengiva, la forma dei denti etc. Se, come dice il dr. Carpinteri, lei è stata in un centro low cost, è ben difficile che abbiano fatto questo perchè low cost uguale low quality.. Ci sarebbe voluto un implantologo che avesse competenze di chirurgia parodontale, gengivale e che in collaborazione con l'ortodontista avesse pianificato in maniera più accurata tutto l'intervento..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento