Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 2

Quanto devo aspettare per l'intervento di protesi fissa a carico immediato?

Scritto da Maria Giovanna / Pubblicato il
Buongiorno, ho una protesi fissa da più di venti anni all'arcata superiore e devo rimuoverla per mettere gli impianti e protesi fissa. Ho assunto per via intramuscolare fiali di NERIXIA da 25 mg dal 2007 al 2011, da dicembre 2011 a ottobre fiali di Clody da 100 mg, dal dicembre 2012 a febbraio 2013 ho assunto Nerixia da 25 mg, il 5 maggio 2015 ho preso una compressa di Bonviva da 150 mg. Le chiedo quanto devo aspettare per l'intervento di protesi fissa a carico immediato (sospendendo il BONVIVA). Nel 2006 ho messo degli impianti all'arcata inferiore laterale a sinistra, la gengiva si è ridotta, posso fare l'innesto gengivale. In attesa di una risposta la saluto cordialmente
denti molto compromessi e salvati con le terapie Conservative, Endodontiche, Protesiche, Chirurgiche Parodontali e Riabilitative in Casi Clinici Complessi. Da casistica Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Maria Giovanna, buongiorno. Il neridronato è un farmaco specifico per l' Osteogenesi imperfetta, Malattia ossea di Paget. L'Acido clodronico è un Bifosfonato molto attivo su diverse patologie ossee importanti. L'acido ibandronico è specifico per "prevenire" fratture ossee e in particolari Vertebrali. Tutti questi Bifosfonati (perché la famiglia di appartenenza dei farmaci descritti è proprio questa) sono pericolosi per le Necrosi Ossee che possono verificarsi a livello Mandibolare e Mascellare per Avulsioni (estrazioni) Dentarie e per interventi di Chirurgia Parodontale, Orale, Maxillo Facciale ed Implantologica! E' stata informata di questo? Per di più Lei non dice di quale Patologia soffra ma dai farmaci che assume si evince che sia "seria" anche perché sono farmaci molto lesivi per il Rene in particolare e se le sono stati prescritti ci deve essere ameno "concettualmente" una patologia seria, quindi Il Dentista deve fare una diagnosi della Patologia Orale attuale e valutare bene ed attentamente e con scrupolo se sottoporla ad avulsioni Dentarie ed implantologia! Poi perché tante avulsioni Dentarie? Possibile che i denti siano tutti da estrarre? Ciò detto, devo precisare che la Diagnosi è semplicissima e di normalissima routine Odontoiatrica. Ha bisogno di due visite cliniche strumentali, semeiologiche e anamnestiche, intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Le lascio un Poster con foto di denti molto compromessi e salvati con le terapie Conservative, Endodontiche, Protesiche, Chirurgiche Parodontali e Riabilitative in Casi Clinici Complessi per farle capire che prima di provvedere a "mutilare" la sua bocca con Avulsioni Dentarie e procedere alla loro sostituzione con impianti ce ne passa "di acqua sotto i ponti", come si suol dire! Poi bisogna valutare correttamente le relazioni di queste sue patologie orali con quelle Sistemiche di cui soffre e di cui non ci ha detto niente e spero tanto per Lei che sia stata fatta una Anamnesi ben fatta, in sede di Visita Clinica e di Diagnosi e Prognosi e Terapia Implantologica! Sono molto perplesso, non le nascondo che ciò mi preoccupa molto. Non posso dirle altro senza informazioni anamnestiche più specifiche e senza Visita Clinica! Non sottovaluti queste mie parole. Parlo unicamente per il suo "Bene"! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La sospensione dei bifosfonati dovrebbe essere di almeno 5 mesi anche se la somministrazione per via orale e la localizzazione nell'arcata superiore dell'intervento di riabilitazione implantare riducono il rischio di osteonecrosi. Tale considerazione generale va però calata nel suo caso clinico tenendo conto di eventuali infezioni, processi patologici, ecc. Il suo Implantologo sarà sicuramente in grado di offrirle la soluzione migliore

Scritto da Dott. David Marri
Firenze (FI)

Sullo stesso argomento