Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 4

E' possibile che la pulizia fosse mal effettuata e abbia portato a questa problematica?

Scritto da Nicola / Pubblicato il
Buonasera, in data 23/09/14 ho effettuato una pulizia dei denti e, a seguito di questa, ho notato nei giorni seguenti che le gengive si sono ritratte parecchio e sono tutt'ora doloranti. Ho effettuato in passato varie pulizie ma senza nessuna conseguenza, provando questo nuovo dentista ho invece sanguinato parecchio dalle gengive durante il trattamento. E' possibile che la pulizia fosse mal effettuata e abbia portato a questa problematica? Spero le foto siano sufficentemente chiare e che mi possiate dare un'indicazione su come operare. Grazie in anticipo
Buongiorno, caro Signor Nicola. Le foto sono completamente sfuocate, non a fuoco, non dettagliate. Ha solo 20 anni ed è di sesso maschile. L'unica Parodontite esistente, ereditaria, che colpisce in giovane età, intorno ai 13 anni è propria del sesso femminile ed è la "Parodontite Giovanile", rara tra l'altro e del tutto particolare. Ma questo ora non interessa perché non la riguarda. Lo dico solo perché lei si tranquillizzi. Le altre Parodontiti è rarissimo che possano "colpire" a soli 20 anni! Detto questo è normale che ci possa essere sanguinamento durane e dopo una Pulizia dei denti Professionale in Studio. Se in passato dice di aver fatto varie "pulizie" ma senza nessuna conseguenza, non vuol dire niente. Magari ora aveva una Gengivite a livello della gengiva Libera e del solco gengivale e quindi una infiammazione che ha fatti sì che sanguinassero le gengive stesse oppure , semplicemente e apparentemente paradossalmente, questa pulizia è stata fatta meglio e più accuratamente delle altre. Come pensa che possa esprimermi senza visitarla clinicamente . Mi lasci dire che è veramente sconcertante il suo dire "provando questo nuovo dentista ho invece sanguinato" . Lei quindi prova i Dentisti come si provano delle scarpe? Cosa significa prvare un Dentista. Il Dentista è un Professionista e non si prova. Si va da Lui perché si ha Fiducia e Stima in Lui, guidato dalla Vox Populi, da segnalazioni, dal sentito dire, dalla Notorietà, dalla Fama. In questi tempi di "internet" da una ricerca che mostri il suo operato, il suo Curriculum, le sue Pubblicazioni etc etc etc! Non si prova così! Ma che modo di fare è mai questo. Che abitudini e che atteggiamenti irrispettosi stanno prendendo forma in questa Società malata, malsana, anche in questa mancanza di Stima e di Fiducia nel proprio Dentista tanto da cambiarlo come si cambia un paio di scarpe. Anzi, le scarpe costano di più, data la pessima ed oltraggiosa abitudine di mo,ti Dentisti di non far pagare la Visita, per il semplice fatto che per loro la Visita è una "occhiata" non una Visita! Legga nel mio profilo "Visita Parodontale" che poi è la visita Odontoiatrica Generale Completa che almeno io faccio sempre!La visita Odontoiatrica, ripeto , è un atto medico essenziale e "carico della cultura del medico e non può non essere fatta "pagare" con un giusto Onorario! Quindi se vuole un consiglio, scelga solo chi inizi una terapia o proponga o pianifichi una terapia, qualsiasi essa sia, solo dopo una adeguata visita Odontoiatrica completa e "colta"!Una visita Odontoiatrica è un atto medico importante e colto che richiede almeno un'oretta oltre un'altra mezzoretta per informare il paziente (consenso informato). Ciò detto mi permetto di sottolineare ancora, per l'ennesima volta l'importanza fondamentale della reciproca Fiducia e Stima tra Medico e Paziente ed allora le domando: "Lei ha Stima e Fiducia nel suo Dentista o no? Un consiglio, si limiti solo ad avere Fiducia e Stima nel suo Dentista! E' molto "antipatico" quello che fa! Cercare conferme sul Web anche se è un onore per Noi di Dentisti Italia ricevere tanta Stima e Fiducia e Credibilità da Lei. Però, vede, cerchi di capire che è essenziale che nel rapporto Medico-Paziente ci sia una base di Stima e Fiducia reciproca. Venuta meno questa "base", non avrebbe più senso il "Rapporto" Medico -Paziente. Parli quindi col suo Dentista ed abbia più Rispetto verso di Lui. Scusi se mi son permesso ma quello che fa è intellettualmente e Moralmente sbagliato. Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Una detartrasi, per quanto male e violentemente eseguita, può portare a qualche danno superficiale dello smalto, e ad una transitoria irritazione gengivale, nulla più. Nessuna recessione permanente o danno parodontale permanente. Quindi, premesso che non conoscevo la sua situazione clinica e dalla foto non si capisce molto, se ha subito qualche danno durante tale procedura, recupererà sicuramente.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Nicola, se l'ablazione fosse stata eseguita da un igienista dentale abilitato o un odontoiatra può stare tranquillo, altrimenti occorre al più presto nuova visita odontoiatrica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro sig. Nicola evidentemente, per la prima volta nella sua vita, le hanno fatto una pulizia fatta bene, togliendo il tartaro sottogengivale, e la piccola retrazione è sinonimo di guarigione, invece di prendersela con l' ultimo operatore se la prenda con chi ha eseguito le altre pulizie dando solo una pulitina di facciata, facendolo, si dice a Roma, " contento e " preso in giro"in più è evidente che se a 20 anni ha già fatto diverse pulizie la sua igiene domiciliare non è affatto buona.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)