Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 8

A cosa è dovuto questo movimento fastidioso?

Scritto da Elisabetta / Pubblicato il
Salve, ho quasi vent'anni e da almeno 4 soffro di gengivite lieve, che quasi mai si aggrava. La placca, probabilmente per acidità elevata della saliva, si riforma in fretta e spesso non riesco a dedicarmi con cura alla pulizia dei denti. Nonostante ciò non capisco il motivo per cui nonostante ablazioni del tartaro almeno ogni 5-6 mesi c'è una zona che rimane sempre un po' più arrossata rispetto al normale. Non sanguina molto, ma è più scura, come se fosse infiammata. Altra cosa strana, quando passo il filo interdentale fra alcuni premolari questi per almeno 3 giorni successivi a ogni pressione che sia di cibo o altro poi si muovono leggermente, ma se tocco con un dito non succede più. questo spesso mi capita anche senza motivo con altri denti (solo incisivi inferiori), che facciano come dei"clic" che io percepisco ma non ne conosco la causa. A cosa è dovuto questo movimento fastidioso? è grave? perchè quella zona arrossata e a volte dolorante non torna omogenea rispetto al resto? Premetto che il dentista mi ha assicurato che non c'è nessun problema e per sicurezza ho fatto la radiografia, che ha confermato le sue parole. Mi preoccupa un po' questa situazione. In attesa di risposta, porgo cordiali saluti.
Sig.Elisabetta, il clic, dato dal filo interdentale dopo aver superato il punto di contatto è normale, le consiglio un colloquio con un igienista dentale per imparare il corretto utilizzo degli ausili utilizzati per la corretta igiene orale domiciliare.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

E' molto probabile che lei abbia una malocclusione: se i denti non chiudono bene, si può sviluppare una sofferenza gengivale. Essendo così giovane le consiglio di fare trattamento ortodontico se necessario e possibile, specie se questi disturbi dipendono da questo..!!

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Elisabetta, è probabile che sbagli qualcosa nelle manovre di igiene. Le consiglio di chiedere al suo dentista di insegnarle il corretto spazzolamento dei denti. Comunque una saliva acida dà problemi di carie, non parodontali. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gengivite e sua terapia. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari e della dr.ssa Claudia Petti Odontoiatra sempre di Cagliari
Cara Signora Elisabetta, che senso ha dire "da 4 anni soffro di gengivite lieve". La Gengivite se Diagnosticata e confermata si deve curare e guarire se no diventa pericolosa per il parodonto e per la formazione di tasche parodontali e difetto ossei se si aggravasse in Parodontite! Un sondaggio parodontale le è mai stato fatto? Insei punti per ogni dente di tutti i denti? Una visita Gnatologica è stata fatta? Una Visita Ortodontica con eventuale ceck up ortodontico e cefalometria è stata fatta se avesse una disgnazia? Preciso questo perchè sono tutte situazioni cliniche che possono rendere vana ogni terapia Gengivale!Quindi deve far curare la Gengivite e nello stesso tempo mettere la bocca in condizioni tali che questa Gengivite possa essere curata! Ora è giovane ma la malattia Parodontale, se si aprissero tasche parodontali, procederebbe con una velocità media di circa 1/2 mm l'anno e in pochi anni avrebbe patologie anche gravi. E' imperativo quindi "stroncarle" ora, sul nascere!Le lascio un Poster di una Gengivite e sua terapia con curettage e scaling ripetuto e da ripetere periodicamente come terapia di mantenimento.Il clic che sente è dato dal passaggio del filo interdentale atraverso il punto di contatto, si deve preoccupare nel caso dove non c'è perchè significherebbe che il punto di contatto interprossimale non esiste o è debole e questo rende vulnerabile la papilla, la gengiva lebera ed il parodonto! Poi la mobilità non si saggia da solo e soprttutto non col polpastrello che dà delle false sensazio ni di mobilità, ha bisogno come detto di una visita Parodontale e Gnatologica ben fatta e completa!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Elisabetta, lei riferisce i sintomi dovuti a complicanze di una malocclusione non curata. Le consiglio una visita gnatologica! Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente dai dati riportati non si comprende quale sia il problema. Consulti un collega esperto in parodontologia. Cordialità.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

In condizioni normali le gengive non sanguinano ed i denti non si muovono per cui è inevitabile che vi sia qualche patologia nonostante la giovane età. Sicuramente c'è un'infiammazione che giustifica il sanguinamento e necessariamente va eliminata con igiene curettaggio, e se necessario terapia parodontale e poi si valuterà la situazione dentale se migliora eliminata l'infiammazione dentale come normalmente succede in assenza di patologia odontoiatrica o se invece necessiti di trattamenti specifici agli elementi dentari il consiglio di un'altra valutazione da collega esperto può esserle utile, cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, la gengivite è una cosa seria e va controllata spesso, la cosa più importante è una corretta metodica di igiene orale che evidentemente Lei non riesce ad ottenere in un determinato quadrante della bocca. Poi la cosa potrebbe essere aggravata da qualche precontatto con i denti "opponenti" in quel caso andrebbe fatta una visita ortodontica per correggere eventuali malocclusioni e se queste non fossero presenti allora bisognerebbe valutare la possibilità di eseguire un molaggio selettivo. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)