Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 8

Esiste in commercio qualcosa che possa pulire queste macchie?

Scritto da michela / Pubblicato il
Salve, da quando ho memoria, ho sempre avuto delle macchiette, simili a puntine di spillo, che si formano su tutta la parete dentale;ricompaiono sempre anche dopo la pulizia del dentista;resto un pò senza e poi mi ripartono dai denti infondo e piano piano con il tempo arrivano fino agli incisivi. Si formano prima all'interno del dente(lato lingua) e poi fuori (lato guance). Da notare che appaiono anche su corone quindi su denti finti. Il mio dentista dice che è un fungo o la mia saliva e solo la pulizia del dentista lo toglie. La mia domanda è la seguente: esiste in commercio qualcosa (pasta, dentifricio, polvere)che possa "pulire" queste macchie, fermo restando che la pulizia del dentista è sacrosanta? Grazie
Gentile Sig.ra Michela, purtroppo il suo dentista ha ragione e le ha consigliato una terapia corretta. Non esiste comunque in commercio qualcosa che possa risolvere il suo problema. Forse potrebbe periodicamente usare un collutorio a base di clorexidina, per contrastare la formazione di queste fastidiose macchiette. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Michela, ovvio che si può rispondere alla sua domanda solo dopo una visita clinica e aver fatto un prelievo di queste "sostanze" per una analisi di laboratorio che permetta una diagnosi sicura isto-bio-patologica! A seconda della diagnosi poi si procederebbe ad una terapia definitiva che potrebbe essere stomatologica ma anche sistemica con l'ausilio eventualmente non solo del Dentista ma anche di un Medico Specialista in Medicina Interna, a seconda della Diagnosi!Questo se volessimo procedere in modo serio e definitivo come si dovrebbe sempre fare.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Michela, l'unica cosa che si dovrebbe fare prima di suggerirle un "qualcosa" è la diagnosi circa l'etiologia di tali macchie e che può fare il suo dentista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Michela, se la diagnosi del suo odontoiatra è corretta e per fungo intende che il tutto è sostenuto da miceti, la soluzione sta nell'eliminazione dei miceti con un semplice antimicotico. Complimenti per come correttamente lei considera la pulizia professionale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Antimicotici

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentile paziente, è difficile dalla sua descrizione capire bene da cosa esattamente possano essere dettate queste fastidiose macchioline che si presentano sui denti. Di certo andrebbe valutato meglio il tutto, del suo stato dei denti, usura, rottura dei prismi dello smalto, microinfiltrazioni da nicotina, caffeina, ed altre sostanze che possono sicuramente macchiare i suoi denti. Sè proprio non può sottoporsi ad igiene Orale, che per buona norma dovrebbe effettuarsi ogni 6 mesi, provi ad utilizzare come sostanza naturale il bicarbonato in polvere, ma non vorrei che il tutto fosse manifestato da cause di eziologia a noi non comprensibile. Cordiali saluti Dr. Tommaso Giancane
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Michela, perfettamente daccordo col dott. Petti, solo con una diagnosi precisa si può approntare una terapia risolutiva. Provvederà in tal senso il suo dentista. Buonasera

Scritto da Dott. Antimo Perfetto
Sant'Antimo (NA)

Una micosi sulla corona dei denti non l'ho mai sentita. A meno che non si confonda il nome di certi batteri con le micosi. Se i suoi denti "finti" sono resine e i suoi denti "veri" hanno delle asperita' potrebbe essere spiegato col tipo di alimentazione.

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)