Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 6

Due anni fa presi una fortissima scottatura agli incisivi anteriori

Scritto da Ivan / Pubblicato il
Salve, due anni fa presi una fortissima scottatura agli incisivi anteriori posteriormente dove c'è la papilla palatina. Oggi a distanza di due anni non riesco a spazzolare quella zona (in mezzo ai due incisivi posteriormente) per colpa del forte bruciore ma esteticamente è chiara come il resto delle gengive e se non la tocco non mi da alcun fastidio. Esiste qualche trattamento di perenne desensibilizzazione di quella zona? come mai a distanza di due anni ho questi sintomi? Grazie
Caro Ivan, non credo che il tuo problema possa essere riferito ad una ustione di circa due anni fa in quanto il tempo trascorso è troppo lungo per avere ancora fastidi. Credo invece che un non adeguato spazzolamento iniziale prolungato nel tempo possa aver causato un problema parodontale come ad esempio una tasca che solo una adeguata visita con un sondaggio parodontale corredata da RX con centratore può rilevare in quanto la gengiva può apparire completamente sana alla vista. Ti consiglio di recarti presto in uno studio professionale per gli accertamenti del caso. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Ivan, non sei chiaro circa i sintomi tranne il fatto che non riesci a spazzolare la zona interessata dalla scottatura, che è una zona anatomica importante ove decorrono strutture delicate e che non mi pare che sia avvenuta alcuna lesione delle stesse. Ti consiglio di farti visitare dal tuo dentista di fiducia. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gengivite. Da casistica del Dr. Gustavo Petti e Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Caro signor Ivan.... la scottatura di due anni fa può essere la causa dei suoi problemi, a meno che non fosse stata una vera e propria ustione con perdita di sostanza a livello della papilla..ma altamente improbabile!!!......... la papilla interincisiva nella sua porzione palatale è una struttura anatomica molto importante: sotto passa il canale naso palatino che mette in comunicazione le fosse nasali con la cavità orale ed in cui transita il nervo naso palatino sfenopalatino ramo del nervo mascellare, seconda branca del nervo trigemino. Bisogna verificare lo stato di salute della gengiva e la eventuale presenza di tasche parodontali, di lesioni ossee e tanto altro...è incredibile che lei sia rimasto così due anni!...si faccia visitare dal Dentista, meglio se Parodontologo...le lascio una foto di una gengivite......Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Ivan, sotto la papilla interincisale palatina c'è un foro osseo da dove emerge un nervo che si sfiocca per innervare tutta quella zona sottogengivale. Può darsi che l'ustione di due anni fa abbia provocato un leggero danno con una parestesia permanente, limitata alla papilla. Vai da un bravo dentista che valuterà la reale situazione, "mapperà" la zona interessata con uno strumento appuntito e prenderà provvedimenti per alleviare il fastidio che provi. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro sig Ivan, la papilla interincisale palatina rivela l'emergenza del canale che contiene il nervo nasopalatino. Per aver generato una lesione da parestesia però deve aver beccato una scottatura di quelle micidiali, (gli anglosassoni hanno coniato un termine anche per quelle: "pizza burns" = bruciature da pizza) al punto che dovrebbero averne risentito anche i denti vicini. La neurologia insegna che un nervo danneggiato solo in casi rarissimi si riprende, e se lo fa cio avviene nei primissimi tempi dopo l'offesa. Ciò che spesso succede a distanza di tempo è un parziale miglioramento dei sintomi a causa di altri nervi che "vicariano" quello leso, che però nella zona da lei menzionata difettano alquanto. Mi spiace. Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Ivan, occorre visita odontoiatrica con diagnosi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)