Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 10

A mio marito, quando smette di fumare, gli si riempie la bocca di afte

Scritto da Rosita / Pubblicato il
salve non sono sicura di poter ricevere una risposta su questo problema ma ci provo lo stesso, a mio marito quando smette di fumare gli si riempie la bocca di afte ormai sono anni che smette e riprende per la disperazione ha provato a resistere una volta non ha fumato per 5 anni ma alla fine ha ricominciato...Il fatto è che visitando questo sito ho letto di persone con afte e i consigli sono stati quelli di non fumare x quale ragione allora a mio marito succede l'opposto? Grazie per l'attenzione attendo un a vostra risposta, cordiali saluti  Rosita.
Gentile Rosita, non è certo facile rispondere senza aver alcun esame e neanche una visita. E' proprio sicura che trattasi di afte? E' stata fatta una sicura diagnosi? Se effettivamente si tratta di afte è possibile che la brusca interruzione e astensione dal fumo possa provocare un forte ed improvviso stress emotivo. Tutti i tipi di stress fisici o psichici provocano una riduzione del cortisolo circolante che deprime le difese immunitarie e nelle persone particolarmente predisposte e sensibili la comparsa di una o più afte cosparse sulla mucosa orale. Suo marito potrebbe rientrare e far parte di questi casi ma ripeto si tratta solo di una ipotesi non confortata da nessun dato obbiettivo. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

L'eziologia multifattoriale della stomatite aftosa comprende anche la voce "stress"...posso ipotizzare che l'organismo di suo marito risponda così quando (giustamente) lascia la sigaretta, utile un consulto presso uno stomatologo o un patologo orale.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

L'origine delle afte è ancora argomento sul quale non c'è uniformità di consensi. Al momento la teoria più accreditata è che lo stress riduca i livelli di cortisolo in circolo e che abbassi le difese immunitarie, favorendo la formazione di afte. Con buona probabilità il fatto di smettere di fumare rende suo marito più nervoso e forse più stressato. Ricorra a tecniche di training autogeno quando smette di fumare e vedrà che anche la salute della sua bocca ne troverà giovamento. Faccia anche un profilo delle Igg che monitori il livello della sua risposta immunitaria e che escluda altre patologie da iperreattività. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Cara Signora Rosita.....La stomatite aftosa è una patologia caratterizzata da presenza di vescicole sul palato, sulla lingua, sulle mucose della bocca e sulla faccia interna delle guance . La causa delle afte rimane a tutt'oggi sconosciuta, è conosciuta, invece, l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa. Tra questi ricordiamo: Virus deficit alimentari, carenza di vitamina B12, B6 e B1 carenza di acido folico, carenza di ferro, presenza di stress, ansia, nevrosi , patologie psichiatriche Morbo Celiaco, malattie debilitanti sistemiche, Esistono dei preparati sotto forma di gel che applicati alle lesioni donano una sensazione di sollievo immediato. La maggior parte di questi è composta da acido ialuronico vitamina B12/B6/B1 ferro o acido folico Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica Etc. per cui è consigliabile farsi visitare da un Patologo Orale o da uno Stomatologo e se non si arrivasse ad una diagnosi certa e/o ad una terapia risolutiva...anche da un Clinico Medico (Internista)...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora, qualche tempo fa venne da me un quarantenne accompagnato dalla moglie. Costui lamentava la manifestazione di afte alla mucosa orale e di herpes labialis, che comparivano puntuali alla vigilia di matrimoni ai quali partecipavano come invitati. Eliminai subito gli antibiotici ed il forte colluttorio a base di clorexidina che utilizzava, prescrissi vitamine del complesso B e colluttorio salino ben diluito e richiesi una serie di analisi. Il Paziente non tornò più ma lo rividi dopo un paio d'anni per un dente cariato. Gli chiesi notizie riguardo la sua aftosi e l'herpes e mi disse che aveva risolto il problema, evitando di accompagnare la moglie alle cerimonie nuziali dei loro amici o parenti. Ricordo anche di com'era soddisfatto di aver risolto "rimettendo in armonia il suo equilibrio psico fisico"...(?!). Cosa consigliare adesso a lei? Certamente di rivolgersi ad un odontostomatologo di sua fiducia, ma anche di esser clementi davanti a qualche vizietto che può, a volte, rappresentare una valvola di sfogo al complesso sistema dell'organismo umano...!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora, come spiegato precedentemente dai colleghi sull'eziologia delle afte non c'è uniformità di pareri, ciò che è ceto è che lo stress è un importante fattore di rischio quindi probabilmente è per questo motivo che si manifestino le afte subito dopo aver smesso di fumare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Sig. Rosita, se ho ben capito suo marito, ha convissuto con aftosi ricorrente per 5 anni(max periodo di non fumo)senza una visita da un patologo orale? Poiché la cura per aftosi non è il tabagismo, le consiglio di smettere di fumare e in seguito un controllo da un patologo orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Ma le afte semplicemente spariscono alla ripresa del fumo? Ne ha mai sofferto durante il periodo in cui fumava? Davvero è curioso che questo si verifichi. Suo marito è motivato nel voler smettere? Ha provato una terapia sostitutiva. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Lo stress fa diminuire le difese immunitarie e in pazienti predisposti fa aumentare la presenza di afte. Pertanto a Suo marito consiglierei una visita da un medico internista per valutare il suo stato di salute generale con relativi esami del sangue e una visita da un patologo orale per gestire l'aftosi. Inoltre se desidera smettere di fumare, cosa peraltro caldamente consigliata, si appoggi a dei centri antitabacco per il controllo dello stress da carenza improvvisa di nicotina. Distinti saluti. Dr. Procaccini Sandro.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sandro Procaccini
Avigliana (TO)

La stomatite aftosa, ha come causa scatenante principale lo stress, quindi dal momento che suo marito smette di fumare, entra in uno stato di stress che fa scatenare questa patologia. Quindi consiglio che nel momento in cui smette di fumare, dovrebbe aiutarsi con metodi anche omeopatici che lo rendano piu' tranquillo e meno soggetto a stress. Saluti. Dott. Fabio Gramaglia

Scritto da Dott. Fabio Gramaglia
Alessandria (AL)