Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 6

Quali sono le caratteristiche che deve avere un bite?

Scritto da silvio / Pubblicato il
Soffro di bruxismo ( ho un serraggio dei denti durante la notte, e ho dei piccoli segni d'usura, ma ho una perfetta occlusione ), mi è stato consigliato un bite ho chiesto diversi consulti, con diverse cifre, quindi la domanda è: Quali sono le caratteristiche che deve avere un bite ( spessore, materiale, su 1 o 2 arcate etc... ) Quali sono le indagini da eseguire prima e dopo (pedana, o altri strumenti diagnostici e per messa a punto ) Grazie
Sig. Silvio, occorre in primis un diagnosi certa supportata da accertamenti diagnostici che non ci racconta, ottenuta questa si possono stabilire le caratteristiche del bite.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Poster dimostrativo di una analisi podometrica statica, di un arco facciale con articolatore a valore medio e di diversi tipi di bite in uno studio Gnatologico. Da casistrica del Dr. Gustavo Petti Gnatologo Parodontologo di Cagliari
Caro Signor Silvio, che abbia una perfetta occlusione è da dimostrare e valutare clinicamente gnatologicamente. Non basterebbe un corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria per risponderle. In ogni caso, in senso lato e solo dal punto di vista Culturale cercherò, per quel che potrò, di soddisfare la sua curiosità! l'apparato Stomatognatico è costituito dal rapporto tra tre organi essenziali: L'Articolazione statica e dinamica dei denti, ossia l'Occlusione. L'Articolazione Temporo Mandibolare. Il Sistema Neuro Muscolare, che governa il tutto. In queste tre componenti si inseriscono diverse varianti importanti, quali la Masticazione, la Fonazione, la Deglutizione, la Postura, l'Interazione tra Cuspide, Fossa, Parodonto, le Tre Corve cosiddette di Compensazione, ossia le curve di Spee, Wilson e Monsen, il Muscolo Pterigoideo Esterno. Ed ancora, l'Overjet e l'Overbite, i Precontatti in Relazione Centrica, in Centrica Abituale, in Massima Intercuspidazione, in Protrusiva, in Lateralità, sul Lato lavorante e sul Lato non lavorante. Ed ancora i Movimenti Mandibolari nei Tre Piani Spaziali e l'Angolo e meglio ancora il Movimento di Bennet, il movimento del Condilo Lavorante e di quello Bilanciante. Le spiego ancora qualcosa o almeno ci provo, perchè l'argomento è complesso per i "non addetti ai lavori": ripeto, devono essere rispettati i concetti basilari della gnatologia: rapporto corretto cuspide-fossa, occlusione reciprocamente protetta, contatto simultaneo massimo tra tutti i punti di centrica in posizione di relazione centrica, una corretta guida incisiva e una sufficiente disclusione canina dei denti posteriori nei movimenti di lateralità (benché, se fosse già presente una funzione di gruppo in assenza di segni di trauma o sofferenza parodontale, potrebbe essere accettabile anche il mantenimento della funzione di gruppo posteriore ( ma bosogna valutarne il contesto in cui avviene). Si ricercano così i denti in trauma d’occlusione. Valutazione Gnatologiche-Ortodontiche : Classi Dentali di Angle, a livello dei primi molari e dei canini, I Cl.Dentale, II Cl. Dentale (e se in I o in II Divisione), III Cl., Overbite e quindi se c’è deep bite, Overjet e quindi se è presente un open bite. Curva di Spee, di Wilson, come detto, per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. Rotazioni, Inclinazioni, Estrusioni, Intrusioni, Migrazioni, Faccette d’usura. Visita A.T.M. (Articolazione Temporo Mandibolare) Rilevando se sono presenti Algie, Scrosci, Click, Sublussazioni, Contratture dei muscoli in particolare Massetere e soprattutto lo Pterigoideo. Valutazione delle Gengive e Parodonto. La Gnatologia deve sapere inoltre, studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione", precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione, (tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!), aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi, l'apparato Cocleare dell'Orecchio, che determina la capacità di stare in equilibrio, ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali. Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile, perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura, sia che essa sia discendente, ossia a partenza da una malocclusione, sia che essa sia ascendente, ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari, occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente …studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari il cervello, per così dire, in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così la nuova posizione della mandibola, quella "buona","corretta", il bite infatti può essere terapeutico sintomatico e diagnostico e, una volta trovata la nuova posizione della mandibola, si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia definitiva di riequilibrio occlusale. Ma il Bite non è la cura per il bruxismo se non è usato a tal fine!Tutti i bite non sono uguali e soprattutto non tutti i Dentisti sanno come usarli e quindi cosa ottenere con il loro uso! Le lascio una foto, dove vedrà in basso anche un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente!Il movimento di lateralità è bene studiarlo anche clinicamente con la palpazione perché è determinato dalla contrazione dello pterigoideo esterno del lato opposto a quello verso cui si sposta la mandibola. Un dolore durante questa palpazione indica una contrattura del muscolo e quindi la presenza di una patologia articolare. Palpazione che va fatta non solo in lateralità ma anche in apertura. Solo così si può arrivare ad una corretta DIAGNOSI che porta poi ad una terapia. Ci sarebbe tanto altro da dire ma penso di essere già stato esaustivo per farle avere un'idea di cosa sia la Gnatologia e il suo "disturbo"! Le lascio un Poster dimostrativo di una analisi podometrica statica, di un arco facciale con articolatore a valore medio e di diversi tipi di bite in uno studio Gnatologico come conduco di solito nel mio Studio! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Lo strumento "Hawley bite plane" - inventato oltre cento anni fa, oggi scritto bite e detto bait - è stato declinato in tutte le forme di fantasia possibili, e ha molta popolarità presso i dentisti perché non ha mai fatto male a nessuno. Il materiale antico fu la vulcanite, oggi è la plastica in diverse varianti. Prodotto semplicissimo, e di prezzo vile. La maggioranza dei dentisti lo applica all'arcata superiore dei denti. Fa eccezione un piccola scuola di pensiero che preferisce appenderlo all'arcata inferiore. Questo bite di plastica è uno strumento magico, che agisce da interruttore di contatto. Fatto il bite l'autore deve arroventarsi le meningi per capire le conseguenze implicite. Il bite parla sempre a chi capisce il suo linguaggio. (Facciamo quasi sempre.) Sta scritto: "ho una perfetta occlusione". Non sono d'accordo: lei non ha una perfetta occlusione, perché soffre di bruxismo. Che cosa è il bruxismo? E' la ricetta perfetta per l'invecchiamento accelerato della dentatura. Per suo conforto, il bruxismo non è mortale, dunque lei non è in pericolo vita, ma è in pericolo solo la sua qualità di vita. Per sapere tutte queste e altre cose non è necessario confezionare un bite, ma basta la comunicazione di un cervello illuminato (anche leggermente illuminato, non da luminare). Per avere qualche probabilità di finire in mani esperte, tenga ben stretto il portafoglio, e si affidi a chi può garantire un risultato in cambio dei suoi soldi. Prima un risultato a metà, poi i soldi a metà. Sia volubile, e cambi spesso dentista, appena il suo uomo comincia a balbettare. Oppure tace, oppure si dispera. Lei sia maleducato, ma solo un pochino, e io glielo chiedo per favore. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Silvio, se le é affetto da bruxismo, non gode affatto di una buona occlusione, tale parafunzione infatti si manifesta per eccitazione del sistema neuromuscolare che cerca, invano di correggere, consumandola, la chiusura dei denti. Il bite rappresenta solo un empirico spessore in resina che viene consumato al posto dei suoi denti ma non corregge la posizione mandibolare in modo fisiologico. Attualmente si eseguono dei tests computerizzati (kinesiografia, elettromiografia ) in grado di fornire le informazioni necessarie al conferimento di un posizionatore mandibolare in grado di esaurire il problema.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Ci sono in realtà solo 2 tipi di bite: il primo tipo sono quelli che FUNZIONANO e il secondo tipo sono quelli che NON FUNZIONANO. Un bravo dentista fa per lo più bite del primo tipo, un cattivo dentista del secondo tipo. Una capra azzecca un bite solo quando sbaglia. --------- . ------- . ------- . ------- . ------- In realtà dire bite è come dire pillola. Ce ne sono di tanti tipi per tanti scopi. Non ci sono neppure degli esami clinici da effettuare prima. L'unico veramente indispensabile è la visita. Tutto il resto dipende dall'operatore, dal suo percorso culturale, dalla sua formazione. Lo stesso per il tipo di registrazioni da fare. Alcuni le fanno prima, con articolatori individuali, e praticamente nessuno alla consegna. Altri (fra cui il sottoscritto) realizza il bite in modo semplice, e lo regola dopo in sedute successive. --------- . ------- . ------- . ------- . ------- Va bene tutto, purché lo si sappia fare. Non cerchi un gatto di un dato colore per prendere i topi: ne cerchi uno che sappia farlo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Sig. Silvio, bite è un termine generico che indica molti tipi di dispositivi. Va confezionato su misura dopo una visita approfondita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento