Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 20

Non c'è stata una visita accurata, non mi ha neanche guardato in bocca o la postura

Scritto da Concetta / Pubblicato il
La settimana scorsa mi sono sottoposta a visita gnatologica presso una struttura milanese famosa di cui non faccio il nome, poiché è da 3 settimane che ho forti dolori alla mandibola/denti dell' arcata inferiore dx più qualche episodio di dolore dentro l'orecchio. Soltanto con l'elenco dei sintomi che ho appena citato il dottore mi propone un byte, mi da un elenco prestampato di accorgimenti da seguire per i successivi 15 gg (impacchi caldi, non aprire troppo la bocca, mangiare a piccoli bocconi ecc ecc.) e mi liquida così, non c'è stata una visita accurata, non mi ha neanche guardato in bocca o la postura non so, ma non è così che immaginavo la visita, magari sbaglio e quindi Vi chiedo se è così che sarebbe dovuta avvenire.... Io ad oggi ho ancora dolori e non so cosa fare anche perché il preventivo del byte si aggira attorno ai 1000,00 euro e non sono neanche sicura visto come NON si è svolta la visita che sia la soluzione giusta, grazie.
Probabilmente non lo è, o lo è solo in parte. Ma siccome non voglio ripetere eventuali errori, le dico che una soluzione, se c'è, va trovata con una visita degna di questo nome, alla quale faccia seguito un piano di lavoro degno di questo nome. Torni pure nella struttura dove è stata, a suo dire, non visitata. Se è famosa un motivo ci sarà, e magari sono i più bravi del mondo. Forse dietro adeguata richiesta ("!") avrà spiegazioni adeguate. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Diversi tipi di Bite ed Arco Facciale di Trasferimento per lo Studio dei rapporti Spaziali della base cranica con la mandobola e le articolazioni ATM nella valutazione corretta e approfondita di una Patologia Gnatologica Grave. Da casistica Dr. Gustavo Petti Gnatologo Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Concetta, un Consulto Gnatologico via Web, non ha assolutamente senso se non per rispondere semplicemente, per educazione e correttezza, a quesiti eventualmente posti da un paziente! Lei mi sta descrivendo una sindrome ( = insieme di sintomi) abbastanza complessa da affrontare senza visitarla e complessa da spigare. Devo fare un piccolo preambolo anatomico: sappia che dal nervo alveolare inferiore, prima che entri nel canale della mandibola, si diparte verso l'interno il nervo linguale che innerva la metà corrispondente della lingua ...da questo nervo ... a ritroso c'è un nervo ...detto "la Corda del timpano" a forma di "arco" che lo unisce al Nervo Facciale (importante come dice il nome per l'innervazione degli organi della faccia), passando per gli organi dell'orecchio...non solo ma lo stesso nervo linguale come ho già detto, è un ramo del nervo Mandibolare che nasce dal Ganglio del Famoso Trigemino e passa sotto o vicino al dente del giudizio nel Canale Mandibolare. Perchè le dico questo?... per farle capire che un "risentimento a livello della bocca" può dare i sintomi che ha lei....in particolare cause gnatologiche (cattivi rapporti tra le arcate dentarie) e delle Articolazioni Temporo Mandibolari...c'è un intera specialità dell'Odontoiatria che studia queste patologie: La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione".aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali …. Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta…..L’ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. l'Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture)...Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide .... Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile..perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura…sia che essa sia discendente …ossia a partenza da una malocclusione …sia che essa sia ascendente…ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè...non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità...perchè senza averla visitata non è possibile ...infine …ci sono terapie…... di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile"…sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare…e non lo si può spiegare in due parole…tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio…senza averla visitata clinicamente …studiandone il caso…di persona. Sappia che in ogni caso... il Bite Plane…deve essere ben realizzato da persona competente….... sembra una "sciocchezza" ma non lo è...anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma ci sono altre situazioni cliniche che richiedono invece di posozionarlo in quella inferiore, dipende da tante valutazioni!...poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo ...ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore...è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite...così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari... il cervello...per così dire...in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così...la nuova posizione della mandibola...quella "buona"..."corretta"...il bite infatti può essere terapeutico sintomatico...e diagnostico...una volta trovata la nuova posizione della mandibola si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia !!! MI occupo di Gnatologia oltre che di Parodopntologia da oltre 34 anni...mi creda occorre che si rivolga ad un Dentista Gnatologo molto esperto! Solo se è fattibile può servire un bite per una terapia unicamente sintomatica e/o diagnostica….per dirle qualcosa di certo…ossia fare una DIAGNOSI e PROGRAMMARE UNA TERAPIA…bisognerebbe vederla Clinicamente…questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata…è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La BOCCA NEL SUO INTERO) sono complesse e richiedono CULTURA, INTELLIGENZA E CAPACITA' CLINICA OLTRE CHE TERAPEUTICA!!! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Concetta, è vero che poteva essere svolta una visita diversa, ma la proposta sarebbe stata la medesima, dal momento che il byte da solo è in grado di mettere a riposo le ATM e ridurre quindi le afferenze nervose che le danno tanto fastidio. La prego però di non ritenere che, se la visita non è fatta secondo le sue previsioni, sia sbagliata. Veda come va e chieda spiegazioni, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

No, cara Concetta, non ci sono proprio giustificazioni: se questo "dottore" non l'ha visitata, peggio, se non l'ha nemmeno guardata in bocca, vuol dire che non può averle fatto una diagnosi! Come fa a prescrivere un bite? Molto probabilmente le ha solo dato dei consigli e fatto qualche proposta informativa, per poi visitarla in seguito, e lei ha mal compreso. Se così non fosse, la fama di tale struttura è dovuta solo a motivi commerciali e di marketing, e non certo per meriti sanitari! Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Concetta, effettivamente è strano. Raccogliere una adeguata anamnesi è importante, poi viene la visita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Concetta, già i bites eseguiti con concetti empirici ed antiquati funzionano poco o nulla, se poi si fanno senza neanche visitare il paziente si figuri lei !!! Nei casi come il suo si eseguono oggigiorno dei tests computerizzati che servono per emettere una diagnosi adeguata e per creare un apparecchietto praticamente invisibile e non fastidioso in grado di risolvere brillantemente problemi come il suo a costi praticamente assimilabili a quello richiestole. Cordiali saluti Michele Lasagna
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Concetta, da quello che descrive, lei non ha avuto una visita ma un semplice preventivo, diffidi sempre quando propongono visita gratuita.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buongiorno, Le consiglio di recarsi presso un altro studio medico dove sarà sottoposta ad una visita accurata e consona al suo caso in quanto anche se la struttura milanese è famosa ed immagino quale sia non vuol dire che i medici che ci lavorino siano in grado di risolvere il suo caso, io ho in cura un paziente che proviene da quella struttura e ..non proseguo, ma non si preoccupi vedrà che ottimi medici esistono non desisti, mi dispiace solo non poterLa aiutare ma come potrà immaginare via web non è mai possibile effettuare un corretta diagnosi che è la base della medicina, al fine di valutare una idonea terapia. LA VISITA MEDICA è LA VIA PIù CORRETTA. DISTINTI SALUTI
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Ho i brividi. Impostare una corretta diagnosi gnatologica è una cosa molto seria. Come dice l'amico dr Ruffoni, le è stato fatto solo un preventivo, secondo me non ha senso ritornarci perchè se erano in grado di farlo all'inizio l'avrebbero sicuramente già fatto sicchè... nel frattempo può approfondire qualcosa sul mio sito sez gnatologia. La saluto e in bocca al lupo. Dr Orazio Bennici (Catania)

Scritto da Dott. Orazio Maximilian Bennici
Catania (CT)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Paziente, come le hanno già spiegato i colleghi, è ovvio che non si può aver effettuato una diagnosi precisa ed aver proposto una terapia corretta senza una visita accurata. I sintomi che lei descrive possono essere compatibili anche con il bruxismo cioè serramento e strofinamento dei denti che può essere diagnosticato, oltre che con una visita clinica accurata, con semplici apparecchiature, derivate dagli strumenti usati per la polisonnografia, le quali rilevano l'eventuale contrazione muscolare e la inibiscono per "rieducare" il muscolo. Sarà compito dello specialista consigliarle l'eventuale associazione ad un bite. Si rivolga ad un bravo gnatologo che le potrà fornire tutte le spiegazioni di cui lei necessita. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Sullo stesso argomento