Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 9

Bruxismo o altro?

Scritto da Consuelo / Pubblicato il
Buongiorno, io ho un problema sul 37° dell’arcata inferiore sinistra. Premetto che questo dente aveva già subito una otturazione molti anni fa, dovuta ad una comune carie. Circa un mese fa ho cominciato ad essere sensibile a caldo e freddo e la mia sensazione era che la sensibilità fosse interessata ad almeno due, tre denti nella zona del 37°. Sono subito andata dal mio dentista, che non ha trovato nessuna carie su nessun dente, quindi ha stimolato la sensibilità su tutti i denti dell’arcata inferiore Sx riscontrando che l’unico veramente sensibile al freddo e dolorante per masticazione era il 37°. Mi ha subito fatto una radiografia, ma non ha riscontrato nessuna anomalia. Guardando bene il dente ha notato una piccola frattura in superficie ma che non sembra risultare dalla radiografia. Inoltre dice che tutti i miei denti hanno delle micro fratture. Come primo passo il mio dentista ha riaperto il 37° dente e non trovando niente di anomalo lo ha richiuso con una nuova otturazione. Successivamente a questa nuova otturazione non ho più avuto sensibilità, ma continuo ad avere dolore solo se ci mastico sopra. In questo arco di tempo, mi sono anche accorta che durante la notte mi sveglio all’improvviso perché probabilmente stringo i denti stimolando quindi il dente dolorante. Inoltre ho spesso mal di testa e al mattino ho decisamente il collo rigido e dolorante. Sono di nuovo andata dal dentista che ha di nuovo stimolato il mio dente, ma sento solo dolore se mastico. Dice che non si sente di devitalizzare o estrarre perché secondo lui non risolverei il problema. Secondo lui dovrei provare con una placca di svincolo prima di provvedere a devitalizzare o estrarre perché il problema potrebbe essere il bruxismo. A questo punto vorrei chiedere il vs. consiglio. Ps. Non so se può interessare ma nell’arcata inf. Destra mi manca il 46° da circa 10 anni. Grazie in anticipo
Gentile Signora, controllerei la masticazione con attenzione (con quella cartina colorata, vedere se lascia il segno) e valuterei la possibilità di un bite (una dispositivo che, interposto fra i denti, permette di valutare/controllare i movimenti della mandibola) comunque se la sensibilità a caldo e freddo sono cessate dopo la riotturazione dell'elemento, una infiltrazione (otturazione che non chiude più bene) è probabile che ci fosse. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Eugenio M. Caggianelli
Milano (MI)

Se non sente dolore al caldo e al freddo, ma lo sente alla masticazione è possibile che sia un problema di adesione tra il suo dente e l'otturazione (penso che l'otturazione sia bianca ), oppure potrebbe essere una micro frattura che potrebbe dare questa sintomatologia, ci faccia sapere.

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Signora Consuelo, se Lei è bruxista va intanto affrontato questo problema ( microfratture usure ), il 37° di sicuro non sarà da estrarre, da valutare eventuale terapia canalare. Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Consuelo, se è presente una frattura verticale questa può essere diagnosticata soltanto dal suo dentista con un test alla masticazione. Le fratture verticali non sono visibili ai rx. Il collega mi sembra che stia procedendo con cautela e per esclusione, come è giusto che sia. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Dai sintomi che descrive potrebbe esserci una frattura come probabilmente ha sospettato il suo dentista. E' possibile che con il sondaggio si evidenzi una piccola e stretta "tasca" nella linea di frattura. E' ipotizzabile che la frattura sia dovuta anche al fatto che lei sia un bruxista, per cui un bite miorilassante sarebbe comunque indicato

Scritto da Dott.ssa Monica Casadei
Ravenna (RA)

Gentile Consuelo innanzi tutto complimenti al suo dentista poichè mi sembra un collega scrupoloso attento e prudente... In secondo luogo la precisazione che lei fa alla fine della sua mail è fondamentale. Anche Lei converrà del fatto che in mancanza di uno dei denti fondamentali per la masticazione, il 46, lei ha masticato per tanti anni prevalentemente a sx, per cui è plausibile un sovraccarico del 37 o una sua possibile frattura verticale che giustificherebbe la sua sintomatologia come correttamente spiegato dagli altri colleghi. Io sarei per temporeggiare a Sx, e riabilitare con un impianto il 46 per distribuire megllio i carichi masticatori e stabilizzare l'occlusione. In un secondo tempo nel giro di 2 mesi se non ci fossero, nel frattempo complicazioni gravi, riaffronterei il problema del 37... Questione di punti di vista... ne parli con il suo dentista e deciderete il da farsi insieme. Magari nell'attesa in bite e un controllo accurato dell'occlusione. Ci faccia Sapere. Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Palumbo
Pescara (PE)

Penso che debba seguire fiduciosamente i consigli del suo curante che la sta seguendo con attenzione

Scritto da Dott. Dario Spinelli
Bari (BA)

Sig. Consuelo, ritengo la proposta del suo dentista valida, perché la mancanza del 36 da dieci anni sicuramente ha provocato degli spostamenti dentali e di conseguenza occlusali, la terapia suggerita non è invasiva. Una trattamento rilevante al dente sarà sempre effettuabile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gent.ma Sig.ra Consuelo, il modus operandi del collega che la sta seguendo, mi sembra per il momento assolutamente corretto, scrupoloso e prudente. Probabilmente, escludndo la frattura verticale, non evidenziabile in Rx, la necessità di portare un bite di scarico, per il suo problema di digrignamento è forse la prima cosa adesso da effettuare: la mancanza di un dente controlaterale potrebbe in effetti averle provocatouno sbilancio occlusale. In seguito e solo se il problema persiste bisognerà valutare la possibilità di effettuare una devitalizzazione. Si affidi alle valutazioni del collega che la sta seguedo con scrupolo e attenzione. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Sullo stesso argomento