Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 10

Da circa 7 mesi soffro di forti dolori alla nuca per cefalea miotensiva

Scritto da sabrina / Pubblicato il
Da circa 7 mesi soffro di forti dolori alla nuca con contrazione del collo, ho effettuato un lastra cervicale ed è nella norma, il mio medico curante sostiene sia cafalea miotensiva e mi ha consigliato un fisioteraspista che ha confermato la diagnosi sostenendo che sia a causa della mandibola che non chiude correttamente, ho effettuato per più di un mese massaggi e infiltrazioni alla testa con un lieve sollievo in più prendevo medicinali omeopatici ed effettivamente per il periodo del trattamento ho preso solo un paio di volte antidolorifici. Finito il trattamento il dolore è ritornato come all'inizio e sto vivendo con antidolorifici che, tra l'altro, iniziano a non fare più effetto dopo aver eseguito visita oculistica ho deciso di effettuare una panoramica ortodontica in quanto ho notato che il molare di sn si è sollevato, premetto che 8 anni fa avrei dovuto estrarre il dente del giudizio, ma dopo la brutta esperienza dell'altro di ds. allo stomatologico di Milano mi sono spaventata e non ho fatto più nulla. Il dente del giudizio si è appoggiato al molare e quindi lo sta spingendo in fuori, il dentista per sicurezza mi ha fatto fare una tac che ritirerò Lunedì Può essere questa la causa del dolore ? Io non ho mai sofferto di mal di testa. Cordiali saluti Sabrina
Ci mandi la foto della lastra.. Certo, può essere proprio quel dente del giudizio che spinge, scombina l'occlusione e l'equilibrio e magari si è anche infettato lui stesso. Dalla occlusione dipende la salute della articolazione temporo mandibolare e se questa soffre possono derivarne cefalee (un 10% delle cefalee idiopatiche deriva proprio da questo meccanismo) e disturbi di postura e muscolotensivi. Un dente del giudizio mal messo può scombinare l'occlusione e portare a questo. Stia tranquilla però, da quello che capisco si tratta di una estraz molto semplice..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Ci mandi la foto della lastra.. Certo, può essere proprio quel dente del giudizio che spinge, scombina l'occlusione e l'equilibrio e magari si è anche infettato lui stesso. Dalla occlusione dipende la salute dell' articolazione temporo mandibolare e se questa soffre possono derivarne cefalee (un 10% delle cefalee idiopatiche deriva proprio da questo meccanismo) e disturbi di postura e muscolotensivi. Un dente del giudizio mal messo può scombinare l'occlusione e portare a questo. Stia tranquilla però, da quello che capisco si tratta di una estraz molto semplice..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Vari tipi di Bite e in fondo Arco facciale durante una visita completa Gnatologica.Da casistica del Dr. Gustavo Petti Gnatologo in Cagliari
Cara Signora Sabrina, a parte il fatto che la diagnosi di patologie cervicali o vertebrali o posturali o sia quello che sia la può fare il Fisiatra o/e il Dentista Gnatologo e non il Fisioterapista, che si deve limitare a fare le terapie fisiatriche in base alle diagnosi ed alle linee dettate dal Medico fisiatra, lei ha fatto una terapia senza neanche una diagnosi e non va bene! Il Dentista a cui si deve rivolgere è lo Gnatologo:Devo fare un piccolo preambolo anatomico: sappia che dal nervo alveolare inferiore, prima che entri nel canale della mandibola, si diparte verso l'interno il nervo linguale che innerva la metà corrispondente della lingua ...da questo nervo ... a ritroso c'è un nervo ...detto "la Corda del timpano" a forma di "arco" che lo unisce al Nervo Facciale (importante come dice il nome per l'innervazione degli organi della faccia), passando per gli organi dell'orecchio...non solo ma lo stesso nervo linguale come ho già detto, è un ramo del nervo Mandibolare che nasce dal Ganglio del Famoso Trigemino e passa sotto o vicino al dente del giudizio nel Canale Mandibolare. Perchè le dico questo?... per farle capire che un "risentimento a livello della bocca" può dare i sintomi che ha lei....in particolare cause gnatologiche (cattivi rapporti tra le arcate dentarie) e delle Articolazioni Temporo Mandibolari...c'è un intera specialità dell'Odontoiatria che studia queste patologie: La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione"....precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione.....(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali …. Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta…..L’ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture)...Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide .... Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile..perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura…sia che essa sia discendente …ossia a partenza da una malocclusione …sia che essa sia ascendente…ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè...non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità...perchè senza averla visitata non è possibile ...infine …ci sono terapie…... di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile"…sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare…e non lo si può spiegare in due parole…tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio…senza averla visitata clinicamente …studiandone il caso…di persona. Sappia che in ogni caso...tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente….... sembra una "sciocchezza" ma non lo è...anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica,. ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere...poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo ...ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore...è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite...così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari... il cervello...per così dire...in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così...la nuova posizione della mandibola...quella "buona"..."corretta"...il bite infatti può essere terapeutico sintomatico...e diagnostico...una volta trovata la nuova posizione della mandibola si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia !!! MI occupo di Gnatologia oltre che di Parodopntologia da oltre 33 anni...mi creda occorre che si rivolga ad un Dentista Gnatologo molto esperto! Solo se è fattibile può servire un bite per una terapia unicamente sintomatica e/o diagnostica….per dirle qualcosa di certo…ossia fare una DIAGNOSI e PROGRAMMARE UNA TERAPIA…bisognerebbe vederla Clinicamente…questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata…è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La BOCCA NEL SUO INTERO) sono complesse e richiedono CULTURA, INTELLIGENZA E CAPACITA' CLINICA OLTRE CHE TERAPEUTICA!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Difficile che sia il dente del giudizio ma non lo si può escludere ovviamente, via mail, una visita da un collega gnatologo potrà esserle d'aiuto, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Sabrina, lei soffre di cefalea muscolo-tensiva di origine occlusale. Da uno studio da noi effettuato già molti anni fà si dimostrava che la maggioranza dei pazienti sofferenti di tale patologia presentavano valori elettromiografici al di sopra della norma durante la fase di riposo della mandibola indotti da una una alterazione del contatto dentale. Il nocciolo della questione stà in un alterato rapporto fra cranio e mandibola che provoca una contrattura continua dei muscoli masticatori e dei muscoli relativi alla postura della testa e del collo. Dunque il problema non è semplicisticamente legato alla presenza o meno del dente del giudizio,ma all'assetto generale della masticazione. Se persiste tale errore ogni trattamento fisiatrico,volto a decontrarre i muscoli del collo e della nuca ha, inesorabilmente, un effetto limitato nel tempo non avendo eliminato la principale spina irritativa. Deve,se vuole efficacemente affrontare il suo problema dovrà sottoporsi ad una indagine kinesiografica cranio-mandibolare ed analisi elettromiografica dopo stimolazione TENS dei muscoli mandibolari e di ouelli maggiormente coinvolti nel posizionamento della mandibola. Solo in base a cio' sarà possibile instaurare una efficace terapia mediante posizionatore mandibolare(ortotico) che è un apparecchio in resina trasparente applicato sulla arcata inferiore che le consentirà una vita di relazione assolutamente normale e sarà in grado di ristabilire un assetto fisiologico neuro-muscolare. Più tardi ,ridotta la sintomatologia contratturale, penserà al dente del giudizio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Bisognerebbe valutare più l'occlusione della sua bocca. Una malocclusione può causare un sovraccarico muscolare, che può indurre cefalea. Per una accurata diagnosi si rivolga ad uno gnatologo che le saprà consigliare la terapia migliore.

Scritto da Dott. Danilo Corso
Barrafranca (EN)

Se è assente l'antagonista del dente che deve togliere e questo si è alzato questo costringe i muscoli della mandibola ad un lavoro supplementare. Poichè la posizione mandibolare è strettamente legata alla tonicità dei muscoli sottonucali (cervicali) è molto probabile che con l'estrazione lei risolva i suoi problemi. Diagnosi differenziale con gli occhi ed eventuali colpi di frusta cervicali. Saluti

Scritto da Dott. Massimiliano Trubiani
Roma (RM)

Gentile Sabrina, credo che prima di fare inutili cure sarebbe stato meglio tenere presenti i rapporti tra ATM e colonna cervicale. A mio avviso è necessaria l'estrazione dell'ottavo, la valutaizone ortodontica del caso, un bite di riposo ATM. Cordiali saluti dr. Maria Grazia Di Palermo Odontostomatologo Via Gesù e Maria, 4 Carini PA

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Sabrina, segua i consigli del suo odontoiatra che dopo accertamenti le saprà dare le corrette risposte.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Sabrina sicuramente una disodontiasi degli ottavi può dare dolore alla testa ma deve essere caratterizzata da infiammazione difficoltà masticatorie e pus, dubito che sia il suo caso che considero più un problema di postura del capo durante la giornata probabilmente dovuta ad una abitudine viziata. se è una cefalea tensiva il problema ha riscontrato miglioramenti con l'uso dell'indometacina altrimenti deve valutare con attenzione la correzione del suo stile di comportamento. Smetta di utilizzare farmaci che equivalgono ad acqua fresca e non vada più allo stomatologico se si è trovata male distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Sullo stesso argomento