Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 8

Vorrei risolvere definitivamente il mio problema con il miglior gnatologo a Milano, sapete chi consigliarmi?

Scritto da Federica / Pubblicato il
Salve, da circa un anno soffro di vertigini, le quali mi impediscono di condurre una vita normale. Ad ottobre 2009 ho accusato dei forti giramenti di testa, quindi sono andata in pronto soccorso a Milano dove mi hanno fatto una TAC risultata negativa; dopo la TAC ho eseguito una risonanza magnetica encefalo anch'essa negativa. Poi ho fatto i raggi alla colonna cervicale e mi hanno detto che avevo la rettilineizzazione della colonna cervicale + lordosi e scoliosi e problemi alla mandibola (scroscio, difficoltà di apertura e chiusura), infatti ho dei dolori alla mandibola da molti anni. Quindi sono andata da un gnatologo che mi ha detto di correggere prima il problema alla colonna cervicale da un osteopata, e poi tornare da lui per un eventuale bite. Fatto anche 12 sedute dall'osteopata ma con scarsi risultati, perchè ad oggi ho ancora le vertigini. Gli ultimi esami effettuati sono: risonanza magnetica alla colonna cervicale dove è stato rilevato un principio di ernia e visita dall'otorino dove hanno escluso qualsiasi problema legato alle orecchie. Diagnosi: collare morbido per cervicale, cerotti transact, pomata artrosilene, ginnastica posturale, visita dal gnatologo e 3 compresse al giorni di microser 8 mg per 15 giorni. Quindi, andando per esclusione, avendo fatto tutti i controlli, le mie vertigini sembrano legate alla mandibola e alla colonna cervicale. Vorrei risolvere definitivamente il mio problema con il miglior gnatologo a Milano, sapete chi consigliarmi? Grazie per l'attenzione.
A Torino Prof Pietro Bracco, università. E' a livello internazionale, uno dei grandi maestri.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Fase di rivalutazione gnatologica con arco facciale di trasferimento per lo studio della posizione spaziale della base cranica e delle arcate.Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Federica...legga i Profili e entri nei siti Web dei dentisti di questo portale e troverà certamente chi a Milano faccia eccellente Gnatologia.....per quanto mi riguarda, rispondo:potrebbe essere tutto, è ovvio che deve vederla un dentista, si rivolga alla ASL della sua città o all'Ospedale, non potendosi rivolgere ad un dentista privato.......COMUNQUE....:.... esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata Poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certo che si arriva ad una diagnosi...Devo fare un piccolo preambolo anatomico : sappia che dal nervo alveolare inferiore, prima che entri nel canale della mandibola, si diparte verso l'interno il nervo linguale che innerva la metà corrispondente della lingua ...da questo nervo ... a ritroso c'è un nervo ...detto "la Corda del timpano" a forma di "arco" che lo unisce al Nervo Facciale (importante come dice il nome per l'innervazione degli organi della faccia), passando per gli organi dell'orecchio...non solo ma lo stesso nervo linguale come ho già detto, è un ramo del nervo Mandibolare che nasce dal Ganglio del Famoso Trigemino e passa sotto o vicino al dente del giudizio nel Canale Mandibolare. Perchè le dico questo?... per farle capire che un "risentimento a livello della bocca" può dare i sintomi che ha lei....in particolare cause gnatologiche (cattivi rapporti tra le arcate dentarie) e delle Articolazioni Temporo Mandibolari...c'è un intera specialità dell'Odontoiatria che studia queste patologie: La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione".... ora la prego chieda al suo Dentista che è il suo Dentista proprio, anche, per rispondere a queste domande...altrimenti la devo invitare a prendere un appuntamento nel mio studio per visitarla e arrivare finalmente ad una diagnosi giusta ed impostare una terapia idonea!...............poi per il Bite = il problema è molto più complesso di quanto pensi....mi sta descrivendo una sindrome ( = insieme di sintomi) abbastanza complessa da affrontare senza visitarla ... e complessa da spigare. Devo fare un piccolo preambolo anatomico: sappia che dal nervo alveolare inferiore, prima che entri nel canale della mandibola, si diparte verso l'interno il nervo linguale che innerva la metà corrispondente della lingua ...da questo nervo ... a ritroso c'è un nervo ...detto "la Corda del timpano" a forma di "arco" che lo unisce al Nervo Facciale (importante come dice il nome per l'innervazione degli organi della faccia), passando per gli organi dell'orecchio...non solo ma lo stesso nervo linguale come ho già detto, è un ramo del nervo Mandibolare che nasce dal Ganglio del Famoso Trigemino e passa sotto o vicino al dente del giudizio nel Canale Mandibolare. Perchè le dico questo?... per farle capire che un "risentimento a livello della bocca" può dare i sintomi che ha lei....in particolare cause gnatologiche (cattivi rapporti tra le arcate dentarie) e delle Articolazioni Temporo Mandibolari...c'è un intera specialità dell'Odontoiatria che studia queste patologie: La GNATOLOGIA: essa studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione"....precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d’occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d’occlusione.....(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali …. Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta…..L’ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture)...Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide .... Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile..perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura…sia che essa sia discendente …ossia a partenza da una malocclusione …sia che essa sia ascendente…ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè...non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità...perchè senza averla visitata non è possibile ...infine …ci sono terapie…... di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile"…sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare…e non lo si può spiegare in due parole…tra l’altro consigliandola su cosa sia meglio…senza averla visitata clinicamente …studiandone il caso…di persona. Sappia che in ogni caso... il Bite Plane…deve essere ben realizzato da persona competente….... sembra una "sciocchezza" ma non lo è...anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica...poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo ...ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore...è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite...così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari... il cervello...per così dire...in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così...la nuova posizione della mandibola...quella "buona"..."corretta"...il bite infatti può essere terapeutico sintomatico...e diagnostico...una volta trovata la nuova posizione della mandibola si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia !!! MI occupo di Gnatologia oltre che di Parodopntologia da oltre 33 anni...mi creda occorre che si rivolga ad un Dentista Gnatologo molto esperto! Solo se è fattibile può servire un bite per una terapia unicamente sintomatica e/o diagnostica….per dirle qualcosa di certo…ossia fare una DIAGNOSI e PROGRAMMARE UNA TERAPIA…bisognerebbe vederla Clinicamente…questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata…è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La BOCCA NEL SUO INTERO) sono complesse e richiedono CULTURA, INTELLIGENZA E CAPACITA' CLINICA OLTRE CHE TERAPEUTICA!!! ….......................... Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

CHI decide chi è il miglior gnatologo a Milano? Occorrerebbe una specie di campionato lombardo degli gnatologi. Ma come si sfidano? ..........Capisce come sia IMPOSSIBILE da parte di chiunque non sia presuntuoso indicarle il miglior gantologo. Le possiamo indicare delle PERSONE coscienziose, preparate, ma ognuna di loro (di noi) farà degli errori, non capirà delle cose... Personalmente conosco bravi gnatologi in Italia. Ma se la sua richiesta sottintende una forma di "garanzia" di risultato, mi spiace, non posso accontentarla. ............................................... Senza contare che la "diagnosi" che dipende esclusivamente dalla mandibola non mi sembra al di la di ogni dubbio. FORSE dipende dalla mandibola. FORSE dipende ANCHE dalla mandibola. Ma FORSE no.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Federica, sono bravi in gnatologia e/o in altre branche dell'odontoiatria tutti i professionisti seri e coscienziosi che riconoscano i propri limiti e sappiano consigliare al meglio per la salute dei propri pazienti. So che oggi è molto difficile trovarli, ma sicuramente qualcuno esiste e il consiglio che posso darLe è di affidarsi al suo buon senso ed eventualmente anche ai consigli di persone che hanno trovato una soluzione a casi analoghi. Cordialmente.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Federica, mi trova in accordo con la magistrale risposta del Dott. Petti, aggiungendo, che non sempre questi casi di labirintite si possono raggiungere soluzioni definitive, perché le cause possono essere multifattoriali e non solo legate alla gnatologia. ruffonidiego@virgilio.it

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Salve e perdoni se le rispondo in ritardo. Mi preme segnalarle in Milano la professionalità del dott. Michele Lasagna, sono certa che sarà la persona giusta per risolverle i problemi che riferisce. Ho avuto modo di conoscerlo e collaborare con lui, so che ha scienza e strumenti per aiutarla . Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Gentile signora Federica, non esiste una graduatoria di merito per la bravura dei professionisti, così come il professionista più blasonato non ha la bacchetta magica. Tenga presente che i disturbi di cui soffre potrebbero avere più cause. Buona cosa ovviamente quella di "mettersi in cammino" per tentare di risolvere i suoi problemi. Un centro ospedaliero potrebbe essere la soluzione. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Federica non esiste come le hanno detto i miei colleghi una graduatoria di gnatologi ufficiale, ad esempio io non mi ritrovo d'accordo su bracco, o lasagna. inoltre le vertigini sono un problema di tipo neurologico e possono anche essere associate ed un problema psicosomatico. lei ha fatto una visita neurologica approfondita? ha mai avuto problemi psichiatrici? la sua situazione richiede un approccio polispecialistico non credo che un bite sia sufficiente a risolverle il problema distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Sullo stesso argomento