Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 7

Soffro da anni di problemi legati all'atm

Scritto da sabrina / Pubblicato il
Soffro di problemi legati all'atm da anni e ho provato diversi trattamenti della durata di 1 e 2 anni con bite. Vorrei che mi consigliaste uno specialista vicino a Padova in grado di diagnosticare con cura il mio problema e di risolverlo. Ho continui dolori all'articolazione mandibolare oltre ad una ormai ridotta apertura della bocca. Grazie
Arco facciale per l'esame gnatologico e la costruzione di un bite serio e le valutazioni Gnatologiche
Cara Signora Sabrina...per quanto riguarda lo Gnatologo in Padova...cerchi su questo sito in TROVA DENTISTA...digitando Padova e legga nei profili chi si occupa di Gnatologia..legga le pubblicazioni...il Curriculum...per "valutare" e scegliere...io posso solo aggiungere che...:...lei soffre di malocclusione e il sintomo che dovrebbe avere dovrebbe essere il bruxismo...poi soffre di Sindrome Algico temporo mandibolare ed ha bisogno di un accurato esame Gnatologico : Devono essere rispettati i concetti basilari della gnatologia: rapporto corretto cuspide-fossa, occlusione reciprocamente protetta, contatto simultaneo massimo tra tutti i punti di centrica in posizione di relazione centrica, una corretta guida incisiva e una sufficiente disclusione canina dei denti posteriori nei movimenti di lateralità (benché, se fosse già presente una funzione di gruppo in assenza di segni di trauma o sofferenza parodontale, potrebbe essere accettabile anche il mantenimento della funzione di gruppo posteriore). Si ricercano così i denti in trauma d’occlusione. § Valutazione Gnatologiche-Ortodontiche : Classi Dentali di Angle, a livello dei primi molari e dei canini, I Cl.Dentale, II Cl. Dentale (e se in I o in II Divisione), III Cl., Overbite e quindi se c’è deep bite, Overjet e quindi se è presente un open bite. Curva di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale, Rotazioni, Inclinazioni, Estrusioni, Intrusioni, Migrazioni, Faccette d’usura. § Visita A.T.M. (Articolazione Temporo Mandibolare) Rilevando se sono presenti Algie, Scrosci, Click, Sublussazioni, Contratture dei muscoli in particolare Massetere e soprattutto lo Pterigoideo. ...si controlla come avviene la deglutizione e se la lingua prende un appoggio giusto sul palato e valuta la qualità della respirazione nasale e se la masticazione viene effettuata bilateralmente . Si ricercano così i denti in trauma d’occlusione.(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio...(che determina la capacità di stare in equilibrio...ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione ...ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture), il modo di "caricare" i piedi da fermo ed in movimento ed i corsa. I due stremi...del corpo umano...cranio e quindi Occlusione e piedi...sono i più importanti perchè un loro "squilibrio" può causare deviazioni della colonna vertebrale, squilibrio di tutto l'apparato muscolare e propriocettivo del corpo intero, in modo reciproco...ossia lo squilibrio può partire dall'alto...dalla ("bocca"...per intenderci)e causare tutto questo squilibrio fino ai piedi ...o partire dai piedi...e risalendo arrivare all'apparato masticatorio etc). Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso...il Bite ... può avere funzione sintomatica ...o diagnostica per arrivare ad una terapia...mi spiego...sintomatica è il classico Bite con spessore di circa 1 mm sui denti posteriori, costruito rigido sull'arcata superiore, da portare la notte, con piani inclinati anteriori di circa 20-30°(guida o disclusione incisiva)...con creazione di guide canine opportune...con manipolazioni in bocca sul manufatto...solo alcune precise cuspidi controlaterali devono "toccare" il bite in modo da mettere a riposo muscoli pterigoidei e i masseteri e le articolazioni temporo mandibolari ed il sistema nervoso...i sintomi si attenuano fino a scomparire...se invece si vuole arrivare una terapia...deve sapere che il bite in pochi giorni fa dimenticare ...portato sempre...alla memoria del cervello la attuale posizione patologica della malocclusione e, una volta azzerata come una tabula rasa questa memoria...si toglie improvvisamente il bite e si cerca la occlusione "giusta" su cui "ricostruire l'intera bocca"... nel suo caso dopo ortodonzia ed altro da valutare correttamente in più visite complesse gnatologiche, parodontali, ortodontiche... ha bisogno quindi di un Dentista completa che sia specialista nelle tre branche dette sopra ed anche in riabilitazione orale completa in casi clinici complessi...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo, Ortodontista (la figlia Claudia Petti) e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi , in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile  Signora Sabrina,  nella città di Padova opera il Prof. Marco Finotti, punto di riferimento di Dentisti Italia nel campo odontoiatrico. Prof. Marco Finotti La Direzione di Dentisti Italia
CONTINUA A LEGGERE
Gentilissima Sabrina, se vuoi io sono a disposizione nel mio studio a Santa Maria di Sala (VE) a pochi chilometri da Padova. Le mie referenze le trovi nel Trova Dentisti nella Provincia di Venezia.

Scritto da Dott. Massimiliano Lanza
San Donà di Piave (VE)

Gent.le Sig.ra Sabrina, occorre innanzi tutto distinguere la natura dei Suoi disturbi e capire se siano prevalentemente di tipo scheletrico-articolare oppure prevalentemente di tipo neuromuscolare. Le segnalo la DentalFisioMed di Selvazzano Dentro (PD) in Via Euganea 151/E   dentalfisiomed.it dove opera il Dott. Stefano Salmini Sturli, perfezionato all'Università Statale di Milano sulle nuove metodiche diagnostiche strumentali dell'apparato stomatognatico. Il Dott. Salmini Sturli opera in collaborazione con la Dott.ssa Elena Frighetto, Fisioterapista, la quale si dedica da tempo alla fisioterapioa dell'apparato stomatognatico e dell'articolazione temporo mandibolare. Dott. Alberto Salmini Sturli
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Stefano Salmini Sturli
Selvazzano Dentro (PD)

Gentile sig. Sabrina, Lei evidentemente soffre di una sindrome algico disfunzionale della articolazione temporomandibolare già aggravata da dislocazione meniscale, vista la ridotta apertura della bocca. In tali casi una terapia empirica per mezzo di un bite difficilmente risolve la questione, funzionando al massimo come mezzo temporaneamente sintomatico. Le consiglio una terapia su base funzionale neuromuscolare ottenuta con un posizionatore madibolare che potrà portare senza impedimenti alla sua vita di relazione e che, verificato strumentalmente mediante un apposito studio computerizzato e calzato per il periodo necessario, consentirà il ripristino della funzione articolare e la scomparsa dei sintomi. Una volta accertata la posizione mandibolare ottimale potrà procedere spostando ortodonticamente (estrusione ortodontica guidata) i suoi denti naturali nella posizione fisiologica. Tale metodica deve essere necessariamente condotta con l'ausilio di strumenti computerizzati e con la necessaria competenza dell'operatore.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile sig.ra come può vedere in Padova vi sono numerosi professionisti cui può afferire. In ogni caso, è necessaria una visita approfondita per valutare il suo caso. Se ha piacere può trovare il nostro centro che è vicino alla stazione ferroviaria. Cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Gentile sig.a Sabrina, rispondo tardivamente constatando che altri Colleghi hanno risposto esaurientemente al Suo quesito esponendo quali possano essere gli approcci con cui si affronta la patologia da Lei descritta e immagino che chi l’ ha curata in passato lo abbia fatto secondo scienza e coscienza. Seguo da una ventina d’anni queste problematiche e, utilizzando tecniche di indagine neuro-muscolare non strumentali, ho potuto notare che in alcuni casi la patologia non risiede in sede articolare ma questa risente di spasmi di altra origine (metabolica, emozionale o strutturale o da una combinazione di queste). La possibilità di avanzare ragionevoli ipotesi di questo tipo, per risolvere il problema alle sue origini, esula dalle potenzialità delle analisi strumentali normalmente utilizzate. La invito, a questo proposito, a visitare il sito www.secondonatura.com : cliccando sul link “diete incongrue” contenuto nel capitolo “cibo e postura” potrà accedere ad un articolo che ho pubblicato nell’ormai lontano 1994. Se altri approcci non Le sono d’aiuto potrebbe esserlo questa via “alternativa” J Le faccio i migliori auguri Dr. Giuliano Pellizzari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuliano Pellizzari
Padova (PD)

Sullo stesso argomento