Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 7

Nel 2010 ho dovuto devitalizzare un molare e incapsularlo

Scritto da Ivan / Pubblicato il
Salve a tutti, sono un 34enne che da anni cerca una soluzione al quanto particolare per questo problema, nel 2010 ho dovuto devitalizzare un molare e incapsulare, dopo vari mesi ho iniziato ad avere fastidi, la capsula toccava tanto con il suo antagonista, e il mio bravo odontoiatra iscritto regolarmente all'albo ha deciso di abbassarmelo in modo tale che toccasse nel modo giusto. Nel 2012 ho avuto un forte ascesso a questo molare devitalizzato con un gonfiore accentuato poi risolto e attenuato con antibiotico e ritrattamento canalare. Nell'arco di questi anni soffro di una malocclusione, non so da cosa sia nata, fino a 4 anni fa o i miei incisivi nella chiusura sovrapponevano perfettamente adesso non si sfiorano nemmeno, unica cosa che mi viene in mente che ho notato di notte digrigno tanto e al mattino mi svegliavo con dei denti da un lato che sfregavano tanto, purtroppo dopo avermi fatto visitare svariate volte dal mio dentista iscritto all'albo regolarmente mi ha detto che la mia chiusura è sempre stata cosi, ma mostrandoci delle foto che avevo fatto nell'arco di questi anni mi ha detto di rivolgermi da uno gnatologo (da li ho capito che egli non fosse tanto competente) mi rivolgo dopo da uno gnatologo e dopo avermi fatto anche la misurazione con Arco facciale, mi ha detto che il problema lo risolveva. Prima cosa che mi ha fatto è stata una nuova corona provvisoria sempre sul dente che avevo ritrattato perché era fatta male. una volta finito questo lavoro, ha deciso di farmi il bite, e mi ha detto di aspettare qualche mese per vedere come va, ma mi ha confermato che la mia chiusura resterà questa quasi sicuramente, altrimenti devo incapsulare tutti i denti. Ah volevo dirvi che ho avuto un trauma cervicale ernia c5 c6 nel 2008.Scusate per la mia espressione poco professionale ma non ho più fiducia nemmeno di lui. Vi mostro le mie foto sono della stessa persona e non sono qui per prendere in giro voi che fate un lavoro straordinario, ce l'ho perché notavo che mi stesse cambiando qualcosa. notate la differenza se qualcuno mi può dare un consiglio lo accetto volentieri. Ringrazio tutti voi che crediate in questa cosa e che mi sappiate consigliare.
Buongiorno Ivan, La terapia gnatologica è indispensabile per trattare un disordine cranio-mandibolare. Il bite o splint occlusale è uno dei diversi presidi. Nel suo caso sembra si tratti più di un problema ortodontico o solo occlusale. Le due foto della sua bocca sono scattate in due posizioni diverse, la prima è in occlusione mentre la seconda è scivolata in avanti. Se fosse così si tratta solo di una differente posizione mandibolare e non di una reale modifica dell'occlusione. Corretto l'operato del collega che ha scelto una corona temporanea per poter gestire con la resina il suo contatto. Sicuramente ci sono metodi di Check occlusale più validi. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pietro Leone
Napoli (NA)

Lei non si fa mancare nessuna disgrazia. La gnatologia non è una parolaccia, ma l'essenza stessa dell'odontoiatria, come condizione necessaria e sufficiente, perché i denti devono andare all'impatto di masticazione come una scure va all'impatto su un tronco di legno. L'impatto è balistico (chieda). Il dentista specialista solo in gnatologia non esiste, come non esiste un cuoco specialista solo in carne alla brace. Arrivato a questo punto della storia, lei deve conoscere un dentista bravo e navigato nella sua arte. Lo scoprirà perché la gnatologia si presta a rituali da messa cantata prolungata.  Lei ha bisogno di un dentista serio come persona, e che le voglia bene come essere umano bisognoso. Il nostro che sa, vede e fa quel che deve, subito. Se dovesse essere una dentista donna, ricambi il suo affetto, ma non da rovina famiglie. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, da quanto descrive, lei è un bruxista. La Gnatologia si occupa della fisiologia e della patologia del Sistema Stomatognatico (SSG) e del trattamento di questo sistema in base all'esame dei sintomi, alla diagnosi ed al piano di trattamento stabilito per quel paziente e non genericamente. Per Sistema Stomatognatico (SSG) si intende quel complesso funzionale di tessuti che presiedono alla masticazione, all'occlusione, , alla mimica, alla fonetica, alla deglutizione ed alla respirazione. Appartengono al SSG le ossa mascellari, i muscoli, la lingua, i legamenti della testa e del collo, l'Articolazione Temporo-Mandibolare (ATM), i denti con il loro supporto dento-parodontale, i tessuti molli delle guance, delle labbra, del palato, le ghiandole mucose e salivari ed il sistema neuro-muscolare e linfatico. Il SSG vero e proprio è costituito, sinteticamente, da tre componenti fondamentali: Articolazione Temporo-Mandibolare (ATM), Sistema Neuro-Muscolare (SNM) ed Apparato Dento-Parodontale (ADP). La visita gnatologica è quella a cui lei dovrebbe sottoporsi. Essa comprende l'anamnesi generale ed odontoiatrica, l'esame dell'Articolazione Temporo-Mandibolare, l'esame dei rapporti occlusali fisiologici e patologici preesistenti o successivi a terapie protesiche e/o conservative incongrue, la palpazione dei muscoli intra ed extra orale, l'esame di eventuali radiografie e fotografie, l'esame dei modelli delle arcate dentarie montate in articolatore a valori individuali mediante registrazione con arco facciale. Prima di qualsiasi passo va fatta la diagnosi. Pericoloso precipitarsi a rifare protesi o restauri conservativi. Risolvere prima i problemi relativi al bruxismo ( serramento e/o digrignamento), all'incoronazione condilo-meniscale dell'Articolazione Temporo-Mandibolare, agli spasmi muscolari, ai dolori; poi passare, se necessario, ad interventi sui denti che sono sempre irreversibili. Le terapie vanno dal bite che va personalizzato per quel caso clinico e non realizzato in modo affrettato o, peggio, standardizzato, ai rilievi elettromiografici con apparecchi che agiscono con meccanismi di biofeedback, a riequilibri occlusali ( conservativa, protesi.ortodonzia). Ho visto, nella mia esperienza di gnatologo, pazienti vagare dagli ortopedici ai fisioterapisti, dagli psicologi agli psichiatri, dagli omeopati agli osteopati, prima di approdare dallo gnatologo. Se uno gnotologo ha esperienza di riabilitazioni protesiche complesse sarà molto più padrone di una materia che ha aspetti multidisciplinari come poche. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Macrì
Napoli (NA)

Si è accorto a sue spese che tipi odontoiatri circolano con la licenza di provocare danni, è stato mal devitalizzato il molare pertanto la terapia endodontica va rifatta dopo di chè si fa una corona sul dente in causa, quindi un esame semplice occlusale si fa molaggio selettivo un impronta da mettere su articolatore se il gnatologo è preparato risolve senna difficoltà la situazione

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo Riabilitatore Orale in Casi Clinici Complessi, di Cagliari. Parte di Esame Gnatologico con Arco Facciale e Stabilometria Computerizzata e Vari tipi di Bite
Caro Signor Ivan, Buongiorno. Dire "soffro di una malocclusione" è talmente "Generico" che non ha nessun Significato. Evidentemente ha problemi Gnatologici e/o Ortodontici! Nella seconda foto postata, lei mostra la protrusiva e, sembra (perché non si vede bene frontalmente e da una foto, che abbia precontatti posteriori in partocolare a Destra, che non dovrebbe avere a meno che non si tratti di una funzione di gruppo che potrebbe anche essere accettabile nella economia gnatologica della sua bocca!! Non capisco perché dica di non avere più fiducia neanche in lui! Un Professionista che in una valutazione Gnatologica rilevi la posizione nello spazio della base cranica ed il movimento di Bennet con un Arco Facciale di Trasferimento è un Professionista Preparato e Competente! Ringrazi di avere trovato un buon Gnatologo, evidentemente. Non immagina quanta Ignoranza ci sia sulla Gnatologia in Generale e sull'uso dell'Arco Facciale di Trasferimento, di cui le lascio una foto -poster, in particolare che, addirittura, insieme ad esami importanti quali quello Stabilometrico computerizzato, viene disconosciuto perché non conosciuto e non capaci di eseguirlo ed interpretarlo, una volta montati i modelli sull'Articolatore a Valore Medio o Semindividuale o addirittura Individuale, da alcuni Dentisti non Preparati e che non si preoccupano di Diagnosticare se la Patologia Gnatologica sia Ascendente (Veda il Suo trauma cervicale ed ernia c5 c6) o Discendente né di valutare la posizione della mandibola rispetto alla posizione reale spaziale della base cranica né di valutare l'importantissimo e fondmentale Movimento di Bennet! Purtroppo l'Ignoranza e l'incompetenza è molta! bisognerebbe valutare Gnatologicamente le tre disclusioni incisiva o protrusiva, laterale sin e dx o canina e massimamente retrusa coi denti posteriori a contatto o Relazione Centrica con valutazione di Over Jet ed Over Bite e delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monsen. Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia valutando anche movimento di bennet e se sia immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Come vede la Visita Odontoiatrica è molto più profonda e seria di quanto si pensi. Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Cari Saluti e si faccia Visitare da un Parodontologo Gnatologo esperto in Riabilitazione Orale! Le lascio un Poster per farle capire cosa sia una parte almeno di una valutazione Gnatologica per arrivare ad una diagnosi corretta! Si metta in mani buone e sapienti! Il Suo non è un caso semplice. Il Dentista deve essere veramente molto esperto in Riabilitazioni complete in casi complessi, in Parodontologia ed in Gnatologia!!! :) ! Lasci perdere chi le facesse discorsi "distruttivi" su Arco Facciale e Stabilometria e fili. La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente ...studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari il cervello, per così dire, in questo modo dimentica la posizione errata patologica memoriata da esso e si può trovare anche così la nuova posizione della mandibola, quella "buona","corretta", il bite infatti può essere terapeutico sintomatico e diagnostico e, una volta trovata la nuova posizione della mandibola, si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia definitiva di riequilibrio occlusale. Tutti i bite non sono uguali e soprattutto non tutti i Dentisti sanno come usarli e quindi cosa ottenere con il loro uso! Ci sarebbe tanto altro da dire ma penso di essere già stato esaustivo per farle avere un'idea di cosa sia la Gnatologia. Il Poster di cui le ho parlato è dimostrativo di una analisi podometrica statica, di un arco facciale con articolatore a valore medio e di diversi tipi di bite in uno studio Gnatologico come conduco di solito nel mio Studio!Legga nel mio profilo "Visita Parodontale" che comprende però tutte le Specialità Od ontoiatriche e capirà di più. Tenga inoltre presente che la visita Odontoiatrica deve essere totale. Legga, ripeto,nel mio Profilo "Visita Parodontale" che poi è la Visita Odontoiatrica che io Parodontologo ma anche Odontoiatra ed anche Medico faccio sempre, così come mia figlia Claudia, per qualsiasi motivo un paziente venga da noi! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Ivan, mai abbandonare il primo odontoiatra! ora se ci sono delle responsabilità a chi le scarica? C'è da sentire un odontoiatra dedicato alla gnatologia! bene, il dottore scrive una relazione e lo invia al collega, l'esperto parla con il dottore e poi si cura il pazienze. Le foto che pubblica e che mostra agli odontoiatri sono obsolete, senza alcun valore scientifico, perché non sono state eseguite con tecniche corrette, chiunque può produrre foto in centrica e in protusione senza avere alcuna particolare patologia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Ivan, le due foto non sono uguali, una è fatta in centrica ed una in protusiva. Non penso che abbia volontariamente cercato la seconda chiusura. Pertanto bisognerebbe capire perché adesso va a cercarla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento