Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 7

Da circa 2 anni soffro di cefalee ricorrenti

Scritto da Leonardo / Pubblicato il
Salve, mi chiamo Leonardo e ho 35 anni. Descrivo la mia situazione... E' da circa 2 anni che soffro di cefalee ricorrenti, con frequenze variabili che vanno avvolte da 1/2 episodi a settimana e altre volte 1/2 episodi al mese. Le cefalee spesso iniziano al mattino in forma lieve per poi aumentare durante la giornata. Assieme alla cefalea compaiono anche dolori alla muscolatura del collo e fastidi all'articolazione delle vertebre cervicali, fastidi al muscolo trapezio. Per placare la cefalea ho fin'ora utilizzato MomentAct che risulta essere efficace dopo circa 1 o 2 ore dall'assunzione. Fino ad oggi ho eseguito vari consulti e vari esami, li riassumo qui sotto: TAC del rachide cervicale; Ortopanoramica delle arcate dentarie; Teleradiografia in laterale del cranio; Visita Gnatologica; Visita Chiropratica; Visita Odontoiatrica/Posturale; I referti degli esami strumentali ed i pareri delle visite, hanno evidenziato quanto segue: TAC Rachide Cervicale: Accentuata la lordosi fisiologica; Nella norma l'allineamento dei somi vertebrali; Non evidenti segni di disallineamento dell'atlante; Spondilo-disco-artrosi osteofitosica diffusa di lieve entità a prevalente estrinsecazione posteriore; Ernia discale posteriore mediana C6-C7 con discreta impronta sul sacco durale; Nella norma l'ampiezza del canale vertebrale; Ortopanoramica e Teleradiografia: Non si evidenziano lesioni ossee a focolaio a carico dei mascellari; Malocclusione di seconda classe; Parere Visita Gnatologica: Lo specialista attribuisce la sintomatologia alla malocclusione e prevede di risolvere la problematica mediante estrazione di 4 denti del giudizio e trattamento ortodontico mediante montaggio brackets su due arcate condotta con la tecnica MEAW; Parere Visita Chiropratica: Le problematiche riscontrate mediante un?analisi posturologica preliminare portano a dover richiedere un approfondimento in materia odontoiatrica/gnatologica in quanto vi sono segni di un adattamento/compensazione discendente della colonna vertebrale causata presumibilmente a monte da una problematica di malocclusione dentale. Parere visita Odontoiatrica/Posturale: Confermata la malocclusione di seconda classe. Al termine della visita posturale mi hanno prescritto, come soluzione immediata, l'utilizzo di un plantare biodinamico costruito sui risultati del test, per andare a correggere i difetti posturali nell'immediato. Dopodiché, per risolvere la problematica occlusiva mi hanno proposto due strade: una meno invasiva ma protratta a tempo indeterminato che prevede l'utilizzo di un bite (proposta dal posturologo) e l'altra più invasiva ma definitiva che prevede un intervento di chirurgia maxillo facciale più trattamento ortodontico e terapia di rieducazione muscolare (proposta dall'odontoiatra). Faccio presente che il difetto di malocclusione di seconda classe, è di circa 15 millimetri e che secondo l'odontoiatra, non è possibile risolverlo in maniera definitiva su un paziente della mia età, senza percorrere la via chirurgica, mentre il posturologo diceva che era possibile ottenere risultati accettabili anche solo col bite. Visto che mi hanno detto che l'utilizzo del plantare è a prescindere dalle due strade proposte, attualmente andrò a ritirare il plantare e lo userò in maniera da cercare di correggere sin da subito la problematica posturale e cercare di alleviare la sintomatologia sulla colonna... Ma alla luce di tutto ciò... Secondo Voi, un difetto di questa entità (15 mm di arretramento mandibolare), su un paziente di 35 anni, può essere risolto in maniera definitiva con metodi alternativi alla chirurgia? Ripristinando la corretta occlusione, col tempo, la colonna vertebrale dalla cervicale in giù fino ai piedi, potrebbe riallinearsi da sola? La cefalea, potrebbe essere assoggettata ad un malfunzionamento muscolare dei muscoli facciali/masticatori, oppure potrebbe essere la postura scorretta della colonna a stressare i muscoli cervicali e a far manifestare la cefalea? Grazie
Egr sig Leonardo mi sembra che lei abbia già fatto di tutto e di più quindi chiede un parere via web. Non avendo in mano nessun dato e considerando quello che riferisce è un caso complesso. Non è pensabile darle una risposta, l'unica cosa un bite fatto correttamente le potrebbe dare un beneficio non compromette nulla e fare una scelta ponderata. Cordialmente

Scritto da Dott. Gianfranco Tortora
Brescia (BS)

Arca Facciale di Trasferimento, Stabilometria Computerizzata, Vari tipi di Bite come Es di parte di Visita Gnatologica. Da Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi, di Cagliari
Caro signor Leonardo, buongiorno. Certamente possono avere importanza se non etiopatogenetica almeno scatenante, le alterazioni della postura ascendenti o discendenti che siano e Le Patologie Gnatologiche dell'apparato Stomatognatico! Manca tuttavia, la cosa più importante, la Diagnosi e tra i tanti specialisti ed esami non parla del Neurologo e degli Esami Neurologici Clinici e Strumentali! Esistono infatti diverse Cefalee, dalla cefalea tensiva alla Emicrania alla Cefalea a Grappolo e a tante altre, le cui causa, spesso sono da ricercarsi in "squilibrio" elettrochomici cerebrali, dei meccanismi di azione Biochimici, Elettrici, quantitativi e qualitativi dei Livelli di Serotonina, Dopamina, Endorfine e tanti altri e del funzionamento dell'Ipofisi, del sistema circolatorio vascolare endocranico e tanto altro! Tutte le Cefalee possono essere scatenate da situazioni di Stress, Ansia, Depressione ma anche da alterazioni posturali e soprattutto Gnatologiche! Le consiglio quindi di consultare un Neurologo esperto in Cefalee in Centri adibiti a questo. Ce ne sono eccellenti a Firenze, a Torino ed in altre Città! Il Suo Dentista e/o il Neurologo Stesso devono darle le indicazioni più appropriate anche in tal senso! Poi se Neurologicamente e vascolarmente si escludessero tutte queste cause, allora subentrerebbe il Dentista Gnatologo: Occorre una visita clinica gnatologica per palpare le articolazioni, i muscoli Pterigoidei e masseteri per valutarne la dolorabilità alla palpazione e il loro stato di contrazione fino alla contrattura che è una contrazione dolorosa che indica patologia presente. Bisogna valutare le tre disclusioni incisiva o protrusiva, laterale sin e dx o canina e massimamente retrusa coi denti posteriori a contatto o Relazione Centrica con valutazione di Over Jet ed Over Bite e delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monsen.Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Come vede la Visita Odontoiatrica è molto più profonda e seria di quanto si pensi.Gnatologia, occlusione e postura sono strettamente correlate Prima si valutano, diagnosticano e curano queste patologie Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. Che dirle ancora. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari .Le ho parlato dei diversi tipi di bite, dell'ortotico di riposiziopnamento, dei bite su arcata superiore e di quelli su arcata inferiore, dei bite terapeutici sintomatici e diagnostici. Le ho spiegato che occorre che si rivolga ad un Dentista Gnatologo molto esperto! Le ho sottolineato che le patologie dell'apparato stomatognatico (la bocca nel suo intero)) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica, oltre che Terapeutica!Le ho lasciato un Poster esplicativo! Le ho parlato dell'Arco Facciale di trasferimento. Sinceramente non so che altre indicazioni darle, senza vederla Clinicamente. Mi ripeto ma "Repetita Iuvant" : Tenga presente che la GNATOLOGIA studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione",precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d'occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d'occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!): aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio,(che determina la capacità di stare in equilibrio,ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali.Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta.L'ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione,ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture). Le lascio Una Foto Poster di parte di una Visita Gnatologica (come la intendo io Personalmente) Cari Saluti :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Egr. Signore, Lei è entrato in un giro dal quale dovrebbe cercare di uscire rapidamente. La cura delle cefalee è infatti da sempre un problema complesso e di non facile soluzione. Solitamente in questi casi subentra un principio base della medicina "primum non ledere", ossia la prima cosa non creare danno irreversibile. Quindi, bene il bite che non crea danno e alle peggio non fa nulla e bene i farmaci per il dolore che lo placano in poco tempo. Cordialmente

Scritto da Dott. Claudio Cirrincione
Firenze (FI)

Sig. Leonardo, dimostrare che la cefalea saltuaria dipenda dalla malocclusione non è semplice, ma nulla le vita di correggerla e chiaro non s'illuda di guarigioni miracolose. La strada da scegliere per correggere la malocclusione è ortognatodontica e potrebbe essere associata alla chirurgia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Stando solo alla sua descrizione, le ha una cefalea muscolo-tensiva. Sta scritto: "15 mm di arretramento mandibolare" sono un bel problema irrisolvibile con l'ortodonzia. Lei deve trovare un gnatologo vero, e poi fare una placca di svincolo non con criterio curativo, ma solo diagnostico. La placca di per se non cura una mala occlusione, come un termometro non cura la febbre. Ci vuole sempre un cervello che faccia una diagnosi. Nei casi di estrema malasorte , qui a Torino si usa fare uno scheletrato (dentiera senza i denti, che rimangono i suoi) in modo da trovare la guida di una posizione di masticazione terapeutica. Costi modesti. Il vantaggio di questa procedura è che non si squarciano i denti a colpi di trapano, si evita una ortodonzia pericolosissima, si evita la macelleria chirurgica. Stampi a futura memoria questo avvertimento, che riletto nel tempo alla luce di ulteriori negative esperienze, lei possa riconosce la saggezza di una linea di pensiero che al momento le sfugge. Cerchi una testa veramente sapiente di gnatologia, che basta senza altre macchinazioni. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Avesse inviato una registrazione dei lamenti per la cefalea che sostiene di patire ci sarebbe un piccolo segno per la diagnosi, i dentisti seri non sono indovini non hanno la lampada di Aladino, ha consultato tanti specialisti, non capisce niente nessuno?

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Gentile Sig. Leonardo, non si può sapere se la cefalea sia causata dalla molocclusione. Forse l'approccio corretto è costruire un bite a scopo diagnostico. Se i problemi compresa la cefalea migliorano è probabile che con un intervento di chirurgia maxillo-facciale tutto si risolva. Infatti il bite non cura mai definitivamente un problema occlusale, ma spesso è utile in fase diagnostica e per alleviare temporaneamente i fastidi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento