Domanda di Gengivectomia

Risposte pubblicate: 12

Dopo l'allungamento di corona clinica è possibile incontrare problemi per un impianto futuro?

Scritto da patrizia / Pubblicato il
Buongiorno, mi è stata proposta un'allungamento di corona clinica per apporre una capsula su un molare superiore. Probabilmente si dovrà oltre alla gengivectomia praticare un abbassamento dell'osso. Siccome nello studio dentistico dove mi reco operano svariati professionisti, cui ovviamente ho sottoposto le mie perplessità e le opinioni sono contrastanti, chiedo ora a voi professionisti la vostra esperienza. Dopo l'allungamento di corona clinica è possibile incontrare problemi per un impianto futuro (previsione possibile dato che quel dente è molto "conciato")? O altre complicanze? E' possibile che permanga un'elevata sensibilità, o comunque come sarà il decorso? Grazie per l'attenzione.
Se il collega ha valutato che il dente puo' essere mantenuto, sicuramente e' meglio conservarlo e effettuare l'allungamento. La ostectomia che si fa durante un allungamento non e' molto estesa (altrimenti non conviene) quindi credo che la strada sia giusta

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Sig.ra Patrizia, nella tecnica di allungamento di corona clinica non si abbassa l' osso di molto, generalmente si migliora solo la sua geometria. Altrimenti bisogna parlare di chirurgia parodontale resettiva, che è tutt'altra cosa. Si ricordi comunque che bisogna sempre cercare di salvare un dente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, l'allungamento di corona clinica richiede osteotomie limitate, specie sui poliradicolati, che dal mio punto di vista non cambiano minimimante i fattori ossei relativi ad un futuro inserimento implantare. D'altro canto il poter mantenere ancora per diversi anni il proprio dente naturale, se questo è possibile con una buona predicibilità, è un'ottima cosa.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Allungamento di corona clinica con Gengivectomia Palatale e Lembo Riposizionato Apicalmente ed Osteotomia Osteoplastica Vestibolarmente. Presumo tipo il suo cara Signora. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Patrizia, stia tranquilla, in futuro potrà fare tutti gli impianti che occorressero, anche nella zona dell'allungamento della corona clinica del dente. La corona clinica del dente è la parte di dente che emerge dalla gengiva. A quanto dice, deve essere fatta una osteotomia-osteoplastica con un lembo a spessore totale riposizionato apicalmente. Per quanto l'osso possa essere resecato e rimodellato, è sempre "niente" in confronto a quanto ne servirebbe per un impianto! Quindi serena e tranquilla! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Leggo "opinioni contrastanti"? Buon segno, perché dentro lo studio che la cura c'è ricchezza culturale. L'allungamento di corona clinica configura una operatività da caso clinico semplicissimo. L'impianto è una seconda scelta, da considerare con dispiacere quando le prime scelte sono finite. Non è il suo caso. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, concordo in pieno col parere espresso dai Colleghi che mi hanno preceduto...voglio addentrarmi ulteriormente per tranquillizzarla, se possibile ancora di più, riguardo l' eventuale futuro, molto futuro, impianto: se mancasse osso si può sempre ricorrere ad un innesto di osso omologo od eterologo. Tranquilla adesso? Cordialmente.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Gentile Patrizia, nell'allungamento di corona clinica l'azione di rimodellamento dell'osso è poco rilevante, appena sufficiente per esporre una parte sana della corona. Non è determinante per il futuro inserimento di un impianto. Comunque molto meglio allungare la corona clinica e tenere il proprio dente che estrarlo. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Patrizia, per darle delle risposte sicure alle sue domande occorre conoscere il suo caso clinico.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Come già espresso dai miei colleghi, mi sembra corretto mantenere il suo dente, se sano il più possibile. Non capisco cosa intenda col termine "conciato", ma sicuramente i colleghi che l'hanno visitata, sanno meglio di chiunque altro valutare la prognosi di quell'elemento! buona giornata!

Scritto da Dott. Claudio Parodi
Castelnuovo Don Bosco (AT)

...per un impianto futuro (previsione possibile dato che quel dente è molto "conciato")? ....:be', aggiungerei che, se dall'esame clinio e radiografico (che non vedo) il dente puo' essere mantenuto allora vale la pena, altrimenti se i colleghi danno per scontato una sua prossima"estrazione"allora conviene ovviamente non toccare l'osso ma eseguire gia' subito un a implantologia ("postestrattiva"se possibile) che almeno ad oggi ha una lunga previsione di mantenimento. Distinti saluti dr.Luca Bolzoni-milano.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Bolzoni
Milano (MI)