Domanda di Gengivectomia

Risposte pubblicate: 9

Sono circa 10 giorni che ho due bozzetti sulle gengive

Scritto da CLAUDIA / Pubblicato il
Salve, sono circa 10 giorni che ho due bozzetti sulle gengive lato interno, sia destro che sinistra. Al tatto si presentano duri e indolore. Insieme a questi, è comparsa anche un'afta e rossore della gengiva sinistra interna verso la guancia (interna). Dopo 5 giorni circa, l'afta, il dolore e il rossore sono guarite, ma i bozzetti sono rimasti. Cosa sono? Devo preoccuparmi? Grazie
Cara Signora Claudia, buongiorno. No stia tranquillissima. Sono due esostosi che deve avere sempre avuto e di cui non si è mai accorta. Esostosi significa una "deformazione" ossea verso l'esterno che non ha nessun significato patologico. Non le succede niente. L'afta è guarita e non ha niente a che vedere con le due esostosi. Le esostosi sono comuni e simmetriche e compaiono proprio in questa zona tra il canino e i premolari. In ogni caso si faccia visitare dal suo Dentista perché il mio è solo un parere espresso via Web ed è più saggio avere una conferma Clinica Profesionale :) ma stia tranquilla e serena. Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Claudia, forse è meglio dire "10 giorni fa ho notato di avere due bozzetti sulle gengive lato interno, sia destro che sinistra" Perché probabilmente queste esostosi sono presenti da anni, in qualunque caso le consiglio una visita di controllo presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buon giorno Signora Claudia, fermo restando che una visita odontoiatrica è in grado dirimere ogni dubbio, è probabile si tratti di esostosi, denominati torus mndibolari. Non si deve preoccupare, non è nulla di grave, comunque le consiglio un controllo nel tempo. Cordialità

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Non dovrebbe essere nulla di grave, a prima vista sembrano torus mandibolari, in ogni caso è necessaria una visita da un collega speciazzato in patologia orale per valutare l'aspetto clinico delle esostosi. Distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Come scritto correttamente dai miei colleghi, probabilmente si è accorto solo ora di questi due "bozzetti" linguali! Si tratta appunto di esostosi ossee, deformazioni innovue ed assolutamente benigne, che vengono rimossi soltanto se vanno ad occupare troppo spazio all'interno del cavo orale tanto da risultare fastidiose per il paziente (solitamente sono ad accrescimento nullo o lentissimo). L'afta non è correlata al problema. È comunque sempre consigliabile una visita dal suo Dentista di fiducia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Dalla foto i due bozzetti che lei riferisce è strano e impossibile siano sorti ora la sua esostosi è di vecchia data, strano nessun dentista l'abbia notata. Se le da fastidio si toglie chirurgicamente ma se il suo dentista non le ha mai detto niente dipende da lei o da lui l'intervento e' di osteoplastica e si esegue in ambulatorio

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Gentile Sig.ra Claudia, i due bozzetti sembrano essere esostosi, pertanto le ha da molto tempo. Sono assolutamente benigne e sono presenti in molte persone. Pertanto non si preoccupi, per scupolo può chiedere una visita al suo dentista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Claudia, le confermo ciò che hanno già scritto altri colleghi. Sono senza dubbio due esostosi ossee, dette anche torus mandibolari. Non si preoccupi assolutamente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Buongiorno Claudia. E' abbastanza singolare che li abbia notati ora, comunque dalle immagini dovrebbero essere formazioni ossee benigne, chiamate tori mandibolari, che possono comparire anche sul palato accanto alla linea mediana, e che solitamente sono bilaterali, come nel suo caso. E' consigliabile tuttavia avere un dentista di riferimento cui affidarsi per controlli periodici.

Scritto da Dott.ssa Vanessa Ciaschetti
Marostica (VI)