Domanda di Fratture dei denti

Risposte pubblicate: 10

Mia figlia, a scuola, ha preso una botta agli incisivi superiori permanenti

Scritto da Angela / Pubblicato il
Buongiorno. Mia figlia a scuola durante l'ora di educazione motoria, scontrandosi con un compagno, ha preso una botta agli incisivi superiori permanenti. Ha 9 anni e porta un apparecchio ortodontico fisso (quello con le "piastrine", mi scuso per la mancata proprietà terminologica). Le è stata fatta una radiografia per verificare la vitalità dei denti (dalla quale non si capisce bene) e la prova del freddo e due denti risultano meno sensibili rispetto agli altri. La dentista la rivedrà la prossima settimana e parla, nel caso di vitalità in parte compromessa, di un'eventuale devitalizzazione. Volevo sapere se non ci sono altri rimedi per "recuperare" un po' la vitalità e se l'unica strada è davvero quella. Grazie.
La tattica è corretta. L'apparecchio forse ora ha una funzione positiva di stabilizzazione. Essenziale e di vitale importanza l'igiene perfettissima sempre ma specialmente in questa fase (può essere determinante per richiedere la devitalizzazione se non si lava perfettamente, anche se fa male o è impaurita a passare lo spazzolino). Quanto alle cose da fare, oltre aspettare e verificare che i denti mantengano vitalità (meglio però il test elettrico molto superiore al ghiaccio per valutare), c'è il laser che grazie alla fotobiostimolazione LLLT (legga il mio articolo qui e nel mio sito), secondo numerose autorevoli ricerche di fonte USA e Australia, può contribuire a evitare la devitalizzazione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Angela, la collega cui lei si è rivolta sta agendo correttamente seguendo i protocolli utili in questi casi e cioè di valutare periodicamente la vitalità dei denti traumatizzati e successivamente decidere in relazione al risultato dei tests. Stia tranquilla e segua i consigli della collega con fiducia. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Angela, mi dispiace anzitutto per quanto è accaduto a sua figlia. Sappia che la Scuola è responsabile dal punto di vista Medico-Legale per l'accaduto e può quindi richiedere i danni. Si rivolga ad un Avvocato e ad un Medico Legale meglio se Dentista Legale. Per la sospetta necrosi da trauma, giustamente verificata dalla sua Dentista, sappia che un trauma può creare una sofferenza alla polpa del dente. La Polpa è l'insieme di arteriole, vene, linfatici e sistema nervoso del dente. Si potrebbe trattare di una iperemia attiva per sofferenza arteriosa, del tutto reversibile dovuta allo stress traumatico del peduncolo vascolare del dente e della sua polpa (nervo)provocando un danno arterioso che scomparirebbe! Se invece si trattasse di iperemia passiva, ossia di un danno venoso, che porterebbe alla pulpite e quindi a dover curare endodonticamente il dente (devitalizzazione), lo vedrà nei prossimi giorni la sua Dentista. Tutto questo lo sa solo la sua Dentista, ne parli quindi con Lei con piena Fiducia!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Angela,lei è in buone mani.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Angela, purtroppo non rimane altro che aspettare. Dopo un trauma spesso i test di vitalità sono dubbi e incerti. Dopo un lasso di tempo variabile ritornano ad essere attendibili. Pertanto la dentista sta agendo correttamente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Angela, in tali situazioni occorre molta pazienza e molto tempo. I tests di vitalità, e sopratutto quello elettrico hanno in genere scarsissima affidabilità. Bisogna attendere e valutare la situazione per i sei mesi successivi a meno di eventi di tipo ascessuale o algico. Chiarimenti molto interessanti si possono ottenere mediante esame rx endorale con opportuni centratori per valutare un eventuale allargamento dello spazio parodontale. Non bisogna avere alcuna fretta a devitalizzare i due denti, atto irreversibile e invalidante per una bimba di 9 anni. Risulta abbastanza infrequente la morte pulpare per trauma nei soggetti di così giovane età per cui la decisione non deve essere precipitosa. Personalmente non ho mai visto o sentito di sicuri effetti mediante biostimolazione laser. Preferisco affidarmi ad esperienze cliniche convalidate nel tempo. Cordiali saluti Michele Lasagna.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile paziente la terapia proposta è corretta, il tempo sarà maestro. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Se la vitalità è solo compromessa e non perduta, l'unica via è quella di non fare nulla e di riprovare le prove di vitalità periodicamente: la polpa dentale ha possibilità di ripresa. Solo qualora le prove di vitalità diventino chiaramente negative è indicata la terapia canalare per asportare il tessuto pulpare necrotico (non è esatto parlare di devitalizzazione in quanto si procede solo quando il dente sia già devitalizzato in conseguenza del trauma. Prof.Giuliano Falcolini, già docente ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Fermo restando che i risultati dei test possono dare risultati non veritieri nei primi giorni successivi al trauma. Vanno ripetuti a distanza di sei mesi, e poi a scadenze regolari, perchè la necrosi, se sopraggiunge, può farlo anche a distanza di anni. In caso di necrosi accertata comunque l'unica soluzione è devitalizzare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Alessandro Francini
Reggio Calabria (RC)

Concordo con la risposta del dott. Francini. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia