Domanda di Fratture dei denti

Risposte pubblicate: 13

Accuso forte sensibilità

Scritto da anita / Pubblicato il
Buonasera sono andata dal dentista per farmi rimuovere le amalgame sul 36 e 37 inferiori perche mi davano fastidio. Accusavo come una scossa tanto e vero che consultando il sito avevo pensato a una frattura, sentivo un dolore nella masticazione Nella rimozione delle amalgame il dentista li ha trovati cariati ma non fratturati. Ora accuso forte sensibilità ma la cosa peggiore e che nella masticazione ogni tanto mi parte un dolore acuto come prima addirittura peggio tanto e vero che il dolore si attutisce ma dura delle ore Che cosa può essere? anche se il dentista ha fatto le prove del freddo e caldo la reazione e stata normale, cosi come il battere della percussione sul dente che cosa si deve ancora fare per capire? è reversibile? grazie
Gentile Anita, non conoscendo il suo caso e quale nuovo materiale il suo odontoiatra ha utilizzato non è possibile risponderle. In questi casi, personalmente, dopo la rimozione di vecchie otturazioni in amalgama procedo sempre ad una medicazione sedativa intermedia. Come di consueto, nell'ambito di questo portale, da parte di qualche Collega, troverà risposte prolisse e non idonee alla comprensione di un utente paziente e che non fanno altro che porla in maggiore confusione e, pertanto, le consiglio, qualora la sensibilità dovesse persistere, di contattare il suo odontoiatra che certamente provvederà, con la sua scienza e coscienza, ad eliminarle tale fastidio doloroso. Cordiali saluti e tanti auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Probabilmente in assenza di frattura la vicinanza alla camera pulpare determina uno stato irritativo-infiamamtorio da stimolarne il dolore; se così fosse la devitalizzazione diventa necessaria è importante anche che i contatti occlusali siano corretti. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora Anna, giustamente Lei dice "che cosa si deve ancora fare per capire?". Lo può fare e capire solo il suo Dentista. Se le prove di sensibilità agli stimoli termici e le percussioni assiali e trasversali sono state negative, spero che le siano stati testati anche gli altri denti vicini e lontani dalla zona per testare la sua soglia al dolore. Ci sono persone che pur avendo patologie non rispondono a questi stimoli solo perchè hanno una soglia molto alta al dolore a livello pulpare. Allora è l'esame clinico della profondità della carie, quello visivo e strumentale dello stato della dentina profonda e quello radiologico con Rx endorali che può portare alla diagnosi. Il problema è che saper leggere una Rx endorale, meglio se su pellicola perchè con più alta definizione, sembra una sciocchezza, ma sciocchezza non è. Bisogna saper cogliere i segni indiretti di sofferenza pulpare come la frammentazione della corticale ossea alveolare o l'aumento virtuale dello spazio parodontale periradicolare o il variare della direzione e frammentazione o assottigliamento o aumento o cambiamento di forma delle trabecole ossee periapicali. Tutti segni che indicano o una pulpite cronica in soggetto con soglia alta al dolore o semplicemente una iperemia attiva pulpare che fa entrare più sangue ma con la vena ancora sana per cui il sangue entra nel dente e vi rimane di più, creando pressione tanto da creare sofferenza ma esce con la vena che è sana e non si scatena il dolore. Solo quando anche la vena avesse patologia allora il sangue non potrebbe più entrare e la grande pressione in aumento costante scatenerebbe dolore forte e pulsante. Come vede le valutazioni clinica da fare sono molte per giungere alla Diagnosi e le può fare solo il suo Dentista che le avrebbe dovuto spiegare queste cose. Dovuto, insomma, personalmente le spiego, perchè trovo giusto che il mio paziente sappia tutto, altri invece no, non amano spiegare!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Anita, personalmente in questi casi preferisco effettuare una medicazione intermedia prima di eseguire la ricostruzione definitiva per vedere la risposta della polpa. Spesso se siamo in cavità profonde la polpa può nel corso del tempo raggiungere uno stato di iperemia reversibile e poi di iperemia irreversibile. I test spesso possono dare segni dubbi o addirittura falsi negativi/positivi. Una medicazione intermedia può risolvere questi dubbi. Comunque deve recarsi dal suo dentista che meglio di noi conosce la sua situazione. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Anna , non è assolutamente possibile rispondere ai suoi quesiti, solo la visita accurata e Rx potranno aiutare a fare diagnosi e quindi prospettare una terapia;pertanto si rivolga al suo dentista che sicuramente risolverà i suoi problemi. Buongiorno

Scritto da Dott. Antimo Perfetto
Sant'Antimo (NA)

Associandomi allo scritto del dottor Aldo Santomauro, l'avverto che il suo problema è solo un Caso Clinico Semplice, se trattato da mani esperte. Si affidi al suo dentista. Cordiali auguri.

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentma Sigra Anita, vorrei sbagliarmi, mi pare però che il problema lo abbia evidenziato qualche settimana fa o, poco più. Quindi: se non siamo stati esaustivi la scorsa volta, come vuole che lo siamo adesso? Se mi sbaglio le chiedo sin da subito scusa. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Si affidi ad un collega esperto

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentile signora Anita, l'odontoiatria è una branca medica in cui specialisti altamente qualificati e specializzati seguono un iter diagnostico e terapeutico idoneo al singolo paziente ed al singolo caso. Il suo odontoiatra sa benissimo tutte le tappe di questo iter, per cui non deve far altro che fidarsi di lui. Non può certo andare ad elencargli la lista dei test che le sono stati consigliati, o a disegnargli la forma delle trabecole ossee periapicali...lui queste cose le sa, e farà indubbiamente del suo meglio per ripristinare la sua salute. Buone feste!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Umberto Tersigni
Palermo (PA)

Sig. Anita, controlli se chi ha operato su di lei è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)