Domanda di Fistola

Risposte pubblicate: 6

Fistole sulla gengiva. A cosa andrò incontro?

Scritto da carlo / Pubblicato il
Salve, premetto che ho già preso appuntamento con il dentista ma sono preoccupato e vorrei sapere a cosa vado incontro. Circa 10 anno fa dopo un ascesso al dente situato accanto al canino andando verso i molari(arcata superiore) curato con antibiotici (zimox) mi si formano due fistole sulla gengiva esterna e rimane una piccolissima escrescenza sul lato del palato. Avendo il terrore del dentista e non avendo più dolore trascuro la cosa. Dalle fistole di tanto in tanto usciva pus. Il fenomeno con il tempo è andato svanendo ma praticamente sulle fistole ormai cicatrizzate la gengiva è come se si fosse ispessita tipo cheloidi. Circa un mese fa dopo una cura con antibiotici per altri motivi ho avuto una tumefazione al di sopra delle due fistole precedenti (come se se ne fosse aperta una terza) e ho un leggerissimo intorpedimento della guancia. Non ho gonfiore ne dolore di alcun tipo se non la sensazione descritta prima. Se premo su questa piccola tumefazione mi resta sull'ovatta una leggera velatura di sangue. Al tatto è come se sentissi una pallina fluttuante. Cosa può essere? a cosa andrò incontro? Sò che le diagnosi on line sono impossibili ma almeno potreste ipotizzare in base ai sintomi da me descritti? grazie anticipatamente.
Probabile sia un granuloma, una radiografia endorale permetterà una diagnosi corretta. Il ritrattamento o l'apicectomia sono terapia che solitamente si eseguono se trattabile il dente. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Carlo ci chiede un ipotesi! e se fosse un tumore? Questo ribadisce che deve sottoporsi a visita odontoiatrica al più presto.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Signor Carlo, buongiorno. Premette "Sò che le diagnosi on line sono impossibili ma almeno potreste ipotizzare in base ai sintomi da me descritti?" Guardi non è il caso di ipotizzare. Lei non ha idea di quante siano le patologie, dalle più banali alle più severe, che possono dare questi sintomi. Certamente c'è comunque una infezione e la fistola non è altro che un tramite di "spurgo" della stessa. Quello che è importante è che Lei sappia che oltre alle patologie Locali che vanno Diagnosticate e curate, per ovvi motivi, il pericolo di una infezione trascurata è la Malattia Focale!La malattia focale ha sintomi ben precisi che non le racconto perchè si suggestionerebbe ed anche non avendoli, li sentirebbe e confonderebbe le idee al suo Medico curante! In ogni caso questi sintomi li conosce benissimo un Dentista ma anche un Medico di Medicina Generale o meglio ancora un Medico Specialisata in Medicina Interna e sono sintomi oggettivi, soggettivi e di analisi di laboratorio che rivelerebbero insieme al sovrapporsi di questi sintomi, però, se no avrebbero un altro significato, che avrebbe una Aslo alta, Un Ra test alto, una Ves alta, Un Emocromo molto particolare con movimento verso l'alto di molti valori ed altri verso il basso, una Proteina C reattiva alta e tanto altro! Come vede entriamo un concetti di Clinica Medica ed Ematologica che poco hanno a che vedere con il fare solo ipotesi via Web!La malattia focale colpisce organi importanti come Cuore con Endocarditi batteriche, I Reni con Glomerulonefriti, l'occhio con Uveiti o altre Flogosi etc e possono, se trascurate essere gravi perchè diventano autoimmuni e quindi automantenentesi se non le si diagnosticano in tempo! Ma, per completezza dirò che la etiopatogenesi delle malattie focali prende origine da "Qualsiasi cavità dell’organismo comunicanti con l’esterno", ossia da retto, intestino, apparato gastroenterico, vie biliari, fegato, pancreas,faringe stomaco, orecchio esterno, medio ed interno, seni paranasali, vie respiratorie come faringe, laringe, trachea, bronchi, polmoni etc. Tra queste cavità comunicanti con l'esterno c'è la cavità orale con le sue infezioni, in particolare tasche parodontali e osteolisi periapicali trascurate e non curate adeguatamente! Però sono malattie rarissime e hanno sintomi prodromici molto particolari e ben precisi che qualsiasi Dentista o Medico o Specialista Internista conosce! Non li dico perchè se no si suggestiona e potrebbe falsare i sintomi inconsapevolmente! Ne parli col suo Dentista che valuterà tutto clinicamente! Rimanere con una infezione in bocca "che è appunto una cavità comunicante con l'esterno", può esporla alle malattie Focali come descritto. Questo a prescindere dalla patologia locale che è impossibile diagnosticare tramite internet e poi, scusi, ha già l'appuntamento col suo Dentista! Bella Fiducia e Stima ha in Lui! :) ma dovrei scrivere :( Cari saluti e stia tranquillo!!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Lei ha una infezione in bocca. Non è dolente perché è diventata cronica. La salute non si butta via a 32 anni, perché quando avrà il doppio o il triplo dei suoi anni se ne pentirà senza rimedio. La salute non è mai troppa. Si affidi ad un dentista affabile e paziente, che abbia la piccola virtù della competenza e anche la grandissima virtù dell'onestà. Non cerchi un dentista da negozio - che le chiede soldi subito - ma un dentista d'affezione, da amare come si ama un vero amico. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Carlo, è importante che lei faccia velocemente è subito una ortopantomografia e delle lastrine endorali per vedere che tipo di lesione può avere. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

La fistola non è altro che lo sbocco, verso l'esterno, di un infezione cronica (tipo granuloma o cisti), da non sottovalutare mai nè da trascurare MAI, per la salute dei suoi denti della sia bocca e del suo organismo in generale. Superfluo quindi rimarcare il fatto che abbia sbagliato ad attender così a lungo, pur avendo questo evidente problema. Se la causa, e dico se, è un granuloma apicale, il collega valuterà se trattare il dente con terapia endodontica (ortograda o retrograda a seconda della situazione) oppure estrarlo. Ha fatto bene a decidersi e a prendere appuntamento dal dentista.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia