Domanda di Fistola

Risposte pubblicate: 8

Infezione periradicolare

Scritto da Enrico / Pubblicato il
Egregi dottori, espongo la cronistoria del mio caso nella speranza di un consiglio. Due anni fa, con lo svuotamento progressivo di una vecchia capsula del molare inferiore sx e mancandomi il dente vicino fui consigliato di inserire un ponte dato che si doveva "rovinare" un solo dente. Accettai la proposta del mio dentista contento di completare la dentatura e feci installare il ponte. Dopo un anno cominciarono dolori progressivi lancinanti sui denti interessati dal ponte e dopo varie sedute il mio dentista non trovava di meglio che farmi una lastra ogni volta e dirmi che il lavoro era stato eseguito in modo perfetto; non potendone più dal dolore mi decisi a cambiare dentista. Dopo una panoramica facciale fu evidente l'esistenza di un granuloma sotto il molare, fui operato alla scomparsa del dolore, dopo un trattamento antibiotico e fui trattato in apicectomia. Per un anno non sentii più nulla, ma qualche mese fa mi comparve sotto il molare una piccola pallina seguita da un formicolio e da un leggero dolore alla minima pressione sul punto indicato. Al ritorno dal secondo dentista, dopo una lastra mi confermò, sotto il molare, l'esistenza di una fistola, mi disse di lasciare così e che poteva durare anche 10 anni. Dopo alcuni mesi vedo che in effetti la situazione non cambia, leggero fastidio nella gengiva in prossimità del molare e dolore "sopportabile" se esercito una leggera pressione sulla guancia, nessuna fuoriuscita da parte della fistola ne rigonfiamento. Mi debbo rassegnare? Avrò conseguenze? Saluti e grazie per i Vs. graditissimi pareri.
Caro Sig. Enrico, la presenza di una fistola è segno della presenza di una situazione infiammatoria che si è cronicizzata e che in una fase acuta ha creato un tragitto ove il materiale purulento trova "sfogo". E' vero che il dolore in questi casi è sopportabile, ma attorno alle radici malate, l'infezione presente crea distruzione dell'osso periradicolare e tra poco il dente inizierà a perdere il supporto adeguato per rimanere solido. Purtroppo senza Rx non si può dare un giudizio più accurato, in ogni caso avendo già eseguito una apicectomia, bisogna valutare come sono le radici dopo l'esito della apicectomia precedente, e quanto è estesa l'infezione periradicolare. Chieda ulteriori spiegazioni al suo curante...non penso che avrà remore a spiegarle i pro e i contro di un eventuale rientro chirurgico versus una avulsione e un successivo posizionamento di un impianto. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Egregio Enrico, non si deve rassegnare ma bisogna intervenire per togliere del tutto l'infiammazione, anche perdendo il dente se è necessario. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Enrico, un mio professore all'università mi ha insegnato ciò che immodestamente ritengo sia uno dei principi fondamentali della medicina:"gli organi sani non si sentono" e quindi non danno ne segni e ne sintomi. Chieda al collega la risoluzione del suo problema, a qualunque costo, anche biologico: l'avulsione dentaria.

Scritto da Dott. Maurizio Matera
Casalnuovo di Napoli (NA)

Sig. Enrico, proprio la presenza della fistola le rende il dolore "sopportabile", come ci riferisce, ma così il problema non lo risolve. Torni dal suo curante per un trattamento risolutivo (estrazione?). Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Enrico, torni dal suo curante e valuti una proposta di eventuale estrazione con sostituzione tramite impianti osteointegrati, contestuale o differita,delle radici dell'elemento ritrattato.

Scritto da Dott. Maurizio Cirulli
Bologna (BO)

Credo che il Suo Caso Clinico meriti, finalmente una completa rivalutazione e l'assunzione delle decisioni opportune! Auguri

Scritto da Dott. Sergio Audino
Palermo (PA)

Sig. Enrico, il dentista cura e non fa miracoli, penso che siano state eseguite tutte le migliori cure, che purtroppo non hanno dato grandi risultati. Rivaluti il tutto con il suo dentista e prenda in considerazione un’eventuale riabilitazione implanto-protesica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Enrico, il suo problema non è risolto in quanto ha sempre infiammazione. Penso che su questo dente non ci sia piu' niente da fare per cui prenda in considerazione con il suo dentista la possibilità di una soluzione implanto protesica

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)