Domanda di Fistola

Risposte pubblicate: 9

Mia figlia quando aveva 2 anni è caduta più volte picchiando i tre incisivi superiori centrali

Scritto da Daniela / Pubblicato il
Mia figlia di 4 ani e tre mesi quando aveva 2 anni è caduta più volte picchiando i tre incisivi superiori centrali. Un dente abbiamo dovuto strapparlo quando aveva 2 anni perchè si era formata una fistola. ora mi sono accorta che in un altro dente, sempre uno di quelli che ha picchiato tante volte, si è formata una fistola, che schiacciandola si svuota, e poi si riempie, ma è molto piccola. La mia domanda è: visto che la bimba non ha dolore al momento, cosa devo fare, deve strapparlo o basta tenerlo sotto controllo fino a che non fa male? circa 2 mesi fa abbiamo fatto un controllo dal dentista, uno nuovo perchè abbiamo cambiato, perchè ogni tanto gli fanno male i denti che ha picchiato, però il dentista ha detto che andiamo avanti così, e di mettere un gel plackout se ha dolori. Ricordo che il dente che avevamo strappato era un altro dentista, e quando abbiamo detto al nuovo dentista, lui ha detto che anche se c`era la fistola lui non l`avrebbe toccato il dente. Ora non sò cosa fare, mi dia dei consigli, mi viene male se devo ancora di nuovo strapparle un altro dente, poi proprio davanti. Grazie. Daniela mamma di Giulia.
Gentile Daniela, si affidi alle cure di un dentista con competenza pedodontica che saprà valutare se mettere un mantenitore di spazio e procedere alla cura del dente con fistola. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

La fistola è indicativa di una necrosi pulpare indotta dal precedente trauma, che avrebbe imposto un controllo rx immediato e un follow-up regolare a distanza ... fare finta di nulla in assenza di sintomi mi pare un atteggiamento sbagliato e rischioso, i denti da latte necrotici rappresentano un focolaio infettivo potenzialmente dannoso per le gemme dei sottostanti permanenti (e manca ancora almeno un anno e mezzo alla permuta...), senza contare che l'infezione può innescare un riassorbimento radicolare imponente che porterebbe ugualmente alla perdita precoce dell'elemento. Circa il "gel plackout", mi ha ricordato un' espressione piemontese che le traduco e che dice: "mettere un impacco su una gamba di legno", mi pare dica tutto sull'efficacia... le consiglio caldamente di rivolgersi a un collega esperto in pedodonzia nella sua zona o nelle vicinanze, ad esempio l'ottimo collega dott. Passaretti. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Cara signora Daniela, mi auguro che non abbia proceduto lei a fare diagnosi e a "strappare" i denti! Dico così perchè un Dentista, specialista o no in Pedodonzia, l'avrebbe curata. I dentini di latte vanno curati e non estratti! se no si creano tanti problemi di spazi per i denti permanenti e si formano discrepanze e disgnazie che poi vanno curate ortodonticamente! Per di più, la bimba non può convivere con una infezione cronica in bocca perchè può essere causa di malattie focali anche serie di organi ed apparati importanti a distanza, come reni, cuore, cute, occhi etc! Quindi la porti da un Dentista meglio se Pedodontista! Anche io come il Dr. Balocco le consiglio di rivolgersi al Dr. Passaretti, Dentista molto esperto ed affidabile, il cui indirizzo e recapito troverà in questo stesso portale sotto Consulenti Scientifici. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Ringrazio moltissimo i colleghi Dr. Balocco e dr. Petti per aver segnalato il mio nome. Sicuramente i denti rovinati come quello della bimba vanno tolti per evitare due tipi di danni. Quelli relativi alla salute generale (il fisico della bimba è impegnato a combattere, anche se in maniera relativa, l'infezione e quindi si indebolisce in questa delicata fase di crescita) e quelli relativi a fattori locali, come l'ipotesi ricordata dai miei colleghi di danni al dente permanente. In sostanza i denti da latte, o si curano perfettamente o si tolgono. Niente vie di mezzo assurde solo perchè sono denti da latte. In realtà i decidui sono denti come tutti gli altri, anzi, presentano problematiche molto delicate come la permuta etc. Quindi bisogna liberare il tragitto dell'eruzione dei denti permanenti da ostacoli nocivi come questi denti da latte da lei descritti. Certo c'è il problema del mantenimento dello spazio. Ma mettendo sui due piatti della bilancia tutti i fattori, a 4 anni lo spazio ormai non si perde più, mentre il frammento del dente rovinato può certo far danni come descritto dai colleghi..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Daniela, non si può fare nulla ed aspettare. O il dente si cura o si estrae. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Daniela, mi trova in accordo con la competente risposta del Dott. Passareti che in i pedodonzia è un vero cultore della materia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Effettivamente ,"strappare "un dente e' un termine un tantino forte che fa pensare a una sorta di violenza. In realta' se il dente ha una fistola e il bimbo ha 4 anni abbondanti, credo che non dara' molto traumatico estrarlo per far andare via l'infezione. Per curarlo andrebbe vista la lastra ma con un trauma subito due anni fa avra' l'apice grande e un riassorbimento radicolare in stato avanzato. Io lo toglierei

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

I denti da latte non vanno estratti (strappati) ma curati come i permanenti. Nel caso di un dente traumatizzato occorre trattarlo con terapia canalare per rimuovere il tessuto infetto che si è determinato dopo il trauma, terapia che non crea dolore e permette di mantenere il dente in arcata fino al tempo della sua caduta fisiologica, che probabilmente all'epoca opportuna deve essere aiutata perché la terapia canalare ritarda il tempo della sua caduta fisiologica. Ricordo di aver curato un bambino in quelle condizioni: il bambino si addormentava in macchina venendo allo studio, me lo portavano adddormentato e rimaneva dormendo durante la cura! prof.Giuliano Falcolini, già docente ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Non ci dice quanti anni ha sua figlia. Se ha ormai sei anni allora lo estrarrei, mentre se è un po' più piccola pensare a una devitalizzazione (si fa anche nei decidui anche se il trattamento è differente rispetto a quello dei denti permanenti).

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia