Domanda di Espansore palatale

Risposte pubblicate: 15

Morso incrociato posteriore in bambino di 6 anni.

Scritto da Luca / Pubblicato il
A mio figlio di 6 anni è  stato diagnosticato un morso incrociato posteriore (dal canino al molare su un lato chiude al contrario) prima classe. Il bambino presenta anche problemi di respirazione notturna con russamento e apnee. L'otorino ritiene di tentare con l'ortodonzia prima pensare di rimuovere le adenoidi. Le domande sono due: 1) Il primo ortodontista ci ha detto che difficilemnte l'apparecchio risolverà la respirazione quindi lui aspetterebbe più avanti (1 o 2 anni ancora) per lavorare poi insieme su altre cose, senza fare un primo intervento ora e poi un altro più avanti. Per la respirazione dice che l'otorino dovrebbe valutare di togliere le adenoidi. Il secondo ortodontista consultato dice che l'espansione è molto importante per la respirazione, che migliorerà sicuramente. Come genitori a questo punto preferiamo tentare la strada di aprire subito, ma, per la vostra esperienza, si riesce realmente a risolvere un problema di apnee notturne con la sola espansione del palato? (credo ci saranno oltre 4 mm da dilatare). O rischiamo come dice il primo consultato di buttare via tempo (del bambino sulla sedia dell'ortodontista) e denaro dovendo poi affrontare eventuali altre cose in futuro? 2) Ci sono state richieste due radiografie (panoramica e laterale) ma come genitore non intendo al momento sottoporre il bambino a radiazioni "solo" per un espansore rapido, ma di sottoporlo eventualmente in futuro, nel caso intervenissero eventualmente problemi nell'eruzione dei denti (al momento gli e' caduto un solo incisivo e non ha ancora i primi molari permanenti. E' possibile eseguire correttamente la espansione del palato senza radiografie? Grazie
Sig. Luca, gli accertamenti diagnostici sono consigliati, prima dell'inizio di una cura. Espandere il palato senza conoscere il numero e posizione dei denti permanenti, non è indicato. Le rx richieste sono indicate e meno dannose dell'apnea notturna. Ottenute rx e studio del caso con giuste diagnosi, è possibile stabilire le migliori cure del caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sig. Luca, sono d'accordo col secondo ortodonzista, anche se preferirei applicare un BASS (apparecchio ortopedico mio-funzionale con viti d'espansione. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Gent.le sig.ra  Luca, certamanete l'espansione dell'arcata superiore ha una notevole efficacia nel migliorare la respirazione nasale. Verosimilmente sarà necessario anche ircorrerre alla rimozione delle adenoidi. Non c'è dubbio che il collega ha agito in modo più che corretto richiedendole la documentazione radiografica e, pur comprendendo le sue preoccupazioni, se riterrà di sottoporre il bambino al trattamento ortopedico, diffidi di chiunque non le chieda una accurata documentazione radiografica che deve essere associata a modelli di studio e possibilmente anche dalla documentazione fotografica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

L'espansione rapida del palato (rep) è sicuramente consigliata e in una percentuale altissima di casi migliorerà la respirazione del piccolo paziente. Diffidi dell'ortodonzista che dice che il rep non risolve i problemi di respirazione...vengono dubbi sulla sua preparazione...se c'è una preparazione in questo campo. Sono pienamente daccordo con l'otorino, aggiungerei una valutazione miofunzionale del bambino, in quanto spesso l'apnea notturna può essere corretta con una giusta terapia miofunzionale che influenza positivamente anche la posizione dei denti. E' importante che la lingua funzioni in maniera corretta. Per quanto riguara le rx è preferibbile fare delle valutazioni pre-operatorie sia per il clinico che per il paziente!concludendo :rep + terapia miofunzionale e poi man mano che crescie si valuta. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Carlo Del Deo
Napoli (NA)

Gentile Signor Luca ... TELEGRAFICAMENTE : rep...terapia miofunzionale ...lo faccia seguire da un buon Ortodonzista...non tema le radiografie...in ogni caso pretenda...se non venissero usati ...il collare e il grembiule proettivi di piombo per il suo bambino! Sono "raggi" poco penetranti ... "tranquilli" in ogni caso indispensabili! Cordialmente

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con i colleghi per l'espansione del palato. Essendo anche osteopata la consiglio caldamente| sarebbe molto utile essere anche seguita da un osteopata-MEDICO che potrebbe valutare la situazione cranio-sacrale (controlli che l'osteopata sia un medico-chirurgo). Saluti

Scritto da STUDIO ASSOCIATO YGEA
Trecastagni (CT)

Gentile signora, alcuni colleghi hanno già spiegato bene come per un trattamento di tipo ortopedico, quale è l'espansione rapida del palato, sia necessario conoscere la struttura ossea e il posizionamento dei denti. Le consiglio di fare visitare suo figlio da uno specialista esperto (a Parma c'è ad esempio il dott. Pelosi) che abbia competenza della funzione muscolare oltre che dell'aspetto ortodontico. Nel caso di suo figlio con grandissima probabilità la ipertrofia adenpoidea è coseguente alla respirazione orale causata da una posizione troppo bassa e lontana dal palato della lingua. E' la posizione scorretta della lingua con affondamento notturno verso il faringe a dare origine alle apnee notturne. Se dalla radiografia di profilo risulterà che le adenoidi non sono completamente ostruttive converrà evitare di toglierle, ma invece affidarsi alla rieducazione della funzione linguale per recuperare la spinta linguale contro il palato. Il suo bambino certamente presenta anche problemi di postura alterata con spalle chiuse e capo in avanti. Anche questo atteggiamento è conseguente alla posizione scorretta della lingua. Purtroppo l'uomo ha in un punto specifico del palato i recettori nervosi che controllano la postura generale. Gli stessi recettori sono anche responsabili di alcune cose che le sembreranno strane come la scarza concentrazione nel fare i compiti a la difficoltà a memorizzare qualcosa. Si affidi con fiducia all'esperto e non decida senza conoscenze quello che è bene e quello che è male. Il trattamento dovrà assolutamente essere articolato su due piani: il recupero della funzione linguale che migliorerà nel giro di due mesi o meno la respirazione e diminuirà le forze necessarie ad espadere il palato ed il trattamento ortodontico da iniziare quasi contemporaneamente. Dopo questa fase, se essa sarà rapida, ci sarà una fase di attesa della fine della permuta nella quale potranno essere utilizzati apparecchi vari che abbiano comunque lo scopo di mantenere stabili le arcate e funzionale la muscolatura. Spero di non essermi dilungato troppo. Saluti Antonio Ferrante docente master di Posturologia univ. Sapienza di Roma responsabile scientifico del Master su deglutizione e postura docente spec. in ortodonzia univ di Chieti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Antonio Ferrante
Nocera Inferiore (SA)

Egregio Luca, data la tenera età di suo figlio e l'assenza di denti permanenti io aspetterei ancora un pò. Inizierei eventualmetne un approccio fisioterapico, con l'ortodonzista e con l'osteopata. Poi eseguire l'ortodonzia vera e propria. L'otorino dovrebbe risolvere il disturbo respiratorio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Buongiorno Sig. Luca, sono esclusivista in Ortodonzia da 15 anni e le rispondo come se il problema riguardasse mia figlia ( che per inciso di anni ne ha 7 e l' anno passato ha fatto la panoramica ). Ritengo che il morso incrociato vada risolto il prima possibile sia per migliorare la respirazione ( per mia esperienza diretta alcuni pazienti già in lista per l'adenoidectomia non sono più stati operati dopo l'espansione rapida del palato ) sia per evitare problemi di asimmetrie scheletriche in età adulta. Personalmente in questa fase faccio eseguire solo la panoramica anche perchè ritengo che in caso di morso incrociato la posizione mandibolare potrebbe risultare alterata e quindi, se necessario, faccio fare la teleradiografia dopo aver tolto il disgiuntore. Per quanto riguarda i dubbi inerenti l'eventuale possibilità di reintervento a permuta completa posso solo dirle che di solito ciò è molto probabile ma intervenire precocemente per ripristinare una corretta funzione riduce notevolmente la gravità della malocclusione futura perchè, come diceva il mio professore "la forma è l'immagine plastica della funzione" quindi in presenza di una funzione non corretta la forma non potrà che essere alterata. Mi auguro di aver chiarito almeno un pò i suoi dubbi cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Antonella Bacchieri Cortesi
Noceto (PR)

Cara signora concordo col dr.Ferrante, lei dovrebbe piuttosto che fare RX in questa fase rivolgersi ad uno specialista in grado di comprendere la disfunzione respiratoria e probabilmente la deglutizione scorretta con relativa postura bassa linguale. Un approccio potrebbe essere in questa fascia d'età, un programma di Terapia miofunzionale (dopo diagnosi di deglutizione scorretta), insieme ad un trainer tipo EF3, per una correzione FUNZIONALE della disfunzione esistente, non trascurerei un programma di esercizi respiratori sec. Rollet. Giuseppe Messina docente Master in Posturologia Sapienza Università di Roma-Dir.Scient.Posturalabsicilia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Messina
Bagheria (PA)