Domanda di Espansore palatale

Risposte pubblicate: 12

A mia figlia di 12 anni, nell'arcata superiore destra un incisivo è leggermente arretrato e un canino non è sceso completamente

Scritto da Giorgio / Pubblicato il
Buongiorno a tutti. Mia figlia ha quasi 12 anni, non ha mai avuto particolari problemi di arcata ed è stata sempre seguita da un odontoiatra. Purtroppo, nell'arcata superiore destra, un incisivo è leggermente arretrato e un canino non è sceso completamente per mancanza di spazio. L'odontoiatra che la seguiva ha sempre ritenuto di aspettare che la bocca si sviluppasse completamente prima di ricorrere, se necessario, ad una protesi fissa per poter dare spazio ai denti. Adesso è sua opinione che dovremmo procedere all'applicazione della protesi. In alternativa ad una protesi classica, un altro odontoiatra, mi ha proposto una protesi rimovibile da applicare solo la notte e alcune ore al giorno, che si rifa al metodo Soulet/Besombes. Chiaramente mia figlia gradirebbe non poco la soluzione che le consentirebbe di applicarlo solo la notte, ma non sono completamente sicuro di orientarmi verso questa soluzione. Una rapida ricerca in rete non mi ha portato a risultati confortanti, ma venendomi sottoposta da un medico, spero che abbia valenza terapeutica. Desidererei, a tal proposito, avere una vostra opinione. Grazie per l'attenzione Giorgio
Caro Signor Giorgio, forse sbaglia, anzi sicuramente sbaglia, intenderà non protesi ma "apparecchio ortodontico fisso". A meno che non intenda un mantenitore di spazio! C'è molta confusione in Lei. Lei ha un modo di agire molto discutibile perchè crede di risolvere il problema, senza capirci assolutamente niente, come deve essere dato che non è Dentista, facendo ricerche in "rete". Si affidi al suo Dentista meglio se Pedodontista od Ortodontista e lo lasci fare se questa sua decisione scaturisce non da una occhiata alla bocca di sua figlia ma è conseguenza di un accurato studio cefalometrico e clinico!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giorgio, la sua domanda è molto confusa perchè sua figlia certamente non ha bisogno di una protesi bensì di terapia ortodontica. Si affidi al suo odontoiatra di fiducia che, ammesso che non abbia competenza in materia, saprà indirizzarla ad un valido collega che si occupi prevalentemente di ortodonzia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Il dentista è un perito, ma lei come padre è il perito dei periti. Per decidere solo su una competenza tecnica lei dovrebbe avere la cultura specifica, cosa impossibile, e allora dovrà andare a valutare la personalità totale del suo interlocutore. Questo procedimento mentale lo scrivente lo applica nel suo ambito, dovendo affidarsi ad un "avvocato", o un "commercialista" o comunque ad un perito che difenda un interesse personale. Ascolti bene il linguaggio, e il silenzio, e osservi la comunicazione non verbale; e con pazienza troverà il galantuomo che serve al caso suo. Buona fortuna, Giorgio!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Come dice il dr. Petti ci vuole una diagnosi accurata e completa. Si chiama cefalometria (ed è descritta da numerosi articoli nel sito). Senza di questa si procede.. "ad occhio" e non si va nella giusta direzione, ma solo per tentativi. la scelta poi fra fisso e mobile non dipende affatto dai nostri desideri (nè da quelli del dentista, ne da quelli della bambina o dei genitori), ma da ciò che c'è da sistemare e risolvere. Un canino incluso in genere si porta al suo posto tramite un apparecchio fisso, quello con le stelline, Ma se alla base della inclusione, cioè il motivo per cui non è cresciuto bene c'è una carenza di spazio, probabilmente prima bisogna creare questo spazio. Ciò si potrebbe ottenere (sempre in base alla diagnosi cefalometrica, che si ricava da rx opportune etc) solo col fisso oppure potrebbe essere necessario prima un mobile. Ad esempio se c'è cross byte
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Giorgio, forse il suo dentista non è riuscito a informarla correttamente. Il metodo Soluet-Montorsi non è una protesi rimovibile, ma assomiglia molto ad un paradenti e il suo scopo è quello di riallineare i denti. Personalmente non ho esperienza e quindi non posso consigliarla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile papà, un apparecchio funzionale si può usare con buoni risultati per 15-18 ore, ma è quasi sempre seguito da un apparecchio fisso (oppure da uno invisibile); dipende dalla malocclusione iniziale. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro sig Giorgio, si tratta di deficit di spazio che era meglio creare prima, (tra gli 8-9 anni), però non disperi: in mano ad un buon ortodontista si potrà recuperare anche a dodici anni. Mi è difficile consigliarla adeguatamente non avendo la documentazione. Cordialmente, Dr. A. Beghini Cassano D'Adda MI

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Caro Giorgio, i dati da lei forniti non consentono una adeguata valutazione del caso. Ogni terapia può essere più o meno valida, e talora terapie molto differenti tra loro portano ad un risultato comune. Sembra un discorso ai limiti della filosofia, ma in termini pratici deve consigliarsi con un buon ortodontista,manifestare le sue perplessità e i suoi desideri (o meglio, quelli di suo figlio), e trovare un punto di incontro valido! Buone feste

Scritto da Dott. Umberto Tersigni
Palermo (PA)

Sig. Giorgio, se sente un altro odontoiatra, probabilmente avrà un’altra versione, si faccia mettere tutto per iscritto, dalla garanzia del risultato alle tempistiche, così eviterà errori di comunicazioni e potrà rivalersi sul professionista in caso d’insuccesso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Preg.mo sig. Giorgio, siamo alle solite, via internet non è possibile fare una diagnosi certa. I colleghi, da lei interpellati, vogliono raggiungere lo stesso traguardo seguendo vie diverse. La scelta è condizionata dai "pro" e dai “contro” insiti in ciascuna tecnica, e ce ne sono sempre. I vantaggi e gli svantaggi dell’una e dell’altra le saranno accuratamente spiegati dal professionista al quale si affiderà (tenga comunque presente che è lui che deve decidere la strada da seguire). Segua il consiglio che le ha dato il dott. Carpinteri, è la cosa più saggia da fare. Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Loreto Recchia
Isola del Liri (FR)