Domanda di Espansore palatale

Risposte pubblicate: 12

Due anni fa ho iniziato a fare ortodonzia a causa di una malocclusione

Scritto da tania / Pubblicato il
Buongiorno, ho 24 anni e due anni fa ho iniziato a fare ortodonzia a causa di una malocclusione che mi provocava infiammazione del trigemino e mal di testa. l'ortodontista mi ha applicato, oltre all'apparecchio, l'espansore palatale. Volevo sapere se effettivamente l'espansore palatale in un giovane adulto si può realmente applicare e quali possono essere le conseguenze negative. Grazie
Cara Signora Tania, buongiorno. Tra gli obiettivi più importanti e forse è il più importante, in una terapia Ortodontica c'è quello di ripristinare dove fosse andata persa, la Prima Classe Molare. Nella maggior parte delle Disgnazie, i primi molari, specie superiori sono ruotati e bisogna deruotarli, quindi. Questo lo si fa col Molar Rotator, apparecchio semplicissimo e di facile uso. A volte può essere necessario anche un espansore palatale. Non capisco quindi perché non ne abbia parlato col suo Dentista. Egli solo sa cosa sta succedendo nella sua bocca e soprattutto se abbia applicato un vero e semplice Molar Rotator oppure un altro, di solito in titanio nichel e come possa aiutarla! Nel web non può trovare soluzioni che invece può e deve trovare dal suo Dentista Curante, non le sembra logico? Ora, come posso risponderle senza visitarla, dato che ha 24 anni ed il suo "Scheletro" è ormai definitivamente "stabilizzato", per così dire? Le posso solo dire che la terapia è solo Chirurgica a meno che non ci si accontenti di un compromesso regolarizzando di più i rapporti dento dentali, valutazione che è solo clinica e dopo aver fatto un ceck up e cefalometria ortodontica e valutata la fisiopatologia della lingua! Che dirle, non è così che funziona. Non si possono fare Diagnosi via Web, in generale e in particolare su Disgnazie che richiedono uno Studio accurato Cefalometrico e ceck up Ortodontici. Posso solo dirle che la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari è un processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia espansiva e meglio è, anche intorno ai 5 anni. Se l'età Scheletrica e quella anagrafica coincidono. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Tania controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, l'espansore palatale rapido(REP) applicato nell'adulto non ha significato perchè la sutura palatale è completamente saldata; mentre espansore palatale non rapido può spostare lateralmente i denti con lenti movimenti e minima forza. Non conosciamo il suo caso e come sono utilizzati gli apparecchi, per cui non possiamo sapere se la sintomatologia è legata all'apparecchio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

E' difficile stabilire un nesso certo fra quello che ha fatto ed i disturbi che espone. Riguardo all'espansore meglio applicarlo non oltre i 13/ 14 anni in modo da agire sulle suture e non sui denti. 

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Al bar dei dentisti che io frequento ogni notte d'insonnia sento dire che dopo un certa età molto acerba l'espansione è possibile solo con un colpo d'accetta chirurgico. L'avverto ancora che ortodonzia e mala occlusione sono come cane e gatto. Si faccia spiegare bene e ancora bene, e poi scrivere, quale è il disegno terapeutico, quale l'aspettativa, quali sono gli eventi avversi e gli incidenti di percorso. Tutto ciò chiarito, lei può calare la prima moneta d'acconto, e il resto dopo. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

L'espansione palatale, con ortodonzia mobile o fissa (esistono queste due principali varianti), viene applicata in giovanissima età (verso i 6 - 9 anni massimo) ed è efficace fino alla chiusura definitiva della sutura palatina (14 anni circa). Successivamente sul paziente, a livello osseo - scheletrico, è possibile intervenire solo con la chirurgia maxillo - facciale - ortodontica; altrimenti, qualunque tipo di ortodonzia fissa, agisce esclusivamente a livello dentale e non scheletrico. Questo è quanto posso dirle sull'espansione palatale in senso lato, ma sono elementi che conosce benissimo anche il collega che la sta seguendo. Per il resto, non conoscendo il suo caso clinico ortodontico specifico, non posso dirle altro.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

L'espansore rapido del palato a 24 anni cioè a sutura chiusa, può lavorare solo con l'aiuto del chirurgo. Senza si rompono le pareti esterne dell'alveolo e nel tempo i denti interessati risultano con una importante recessione vestibolare. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Difficile dire a distanza, ma c'è da osservare che se ala base del palato stretto c'è come quasi sempre capita, una disfunzione della postura linguale, va corretta anche questa sennò l'ortodonzia ha scarsi effetti comunque..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Difficile dire a distanza, ma c'è da osservare che se alla base del palato stretto c'è come quasi sempre capita, una disfunzione della postura linguale, va corretta anche questa sennò l'ortodonzia ha scarsi effetti comunque..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Non ci sono limiti all'ignoranza si consulti con un bravo ortodonzista che sia in unione con un chirurgo maxillo-facciale, non complichiamo le cose semplici e facilmente risolvibili da chi è esperto

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

La strada corretta è:
1) valutare con un bite come la Sua masticazione dovrebbe "ingranare" per tenere i muscoli rilassati;
2) mettere l'occlusione in quella posizione.
Saltare il punto 1) può esporre a dei rischi.

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)