Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 4

Devitalizzazione premolare già ricostruito e con ascesso in corso

Scritto da Valerio / Pubblicato il
Gentili Dottori, ho avuto un brutto ascesso circa 3 mesi fa su un premolare con vecchia otturazione. Il mio dentista ha proceduto alla devitalizzazione, ha lasciato il dente aperto per un paio di settimane ed infine ha effettuato una medicazione che ogni settimana rinnova. Le mie domande sono: 1) è possibile che ci voglia tutto questo tempo per guarire da un ascesso? 2) quando il dente è chiuso avverto una chiara sensazione di indolenzimento della zona interessata (in una occasione mi ha fatto molto male!), mentre quando è aperto mi sento decisamente meglio. Non sarebbe forse il caso di lasciarlo aperto ancora per un po e far passare l'infezione? Grazie per l'attenzione
Il suo dente non lo si deve assolutamente lasciare aperto se no si infetta sempre di più coi microbi che vivono in bocca...và trattato in modo particolare...che poi è un modo di routine per qualsiasi buon Dentista!!! ECCO Cosa fare: 1- Bisogna iniziare almeno tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram neg. come il ceftriaxone bisodico in fiale intra muscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4/5 giorni. (ovviamente è solo un suggerimento ...non posso prescrivere antibiotici per vie web senza neanche averla vista e fatto una anamnesi accurata...lo farà il suo medico che la prenderà in cura)!!!!Faccia la prima seduta un lunedì...la seconda un Venerdì e la terza di chiusura dei canali il Lunedì sucessivo...in modo da assumere, partendo da tre giorni prima e terminando 4/5 giorni dopo, in tutto 14/15 Fiale da 1 Gr. (una al dì) 2- procedere alla strumentazione accurata con lavaggi (sotto diga ovviamente) di ipoclorito neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiudono poi i denti alla fine di ogni seduta con membrana osmotica per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvssuti dentro che causerebbe pressione e quindi dolore! E qui finisce la prima seduta! 3- Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione... si vede se c'è pus ( se c'è bisogna progammare altre sedute) si ripete tutto e si chiude sempre con membrana osmotica... 4-infine in terza seduta si chiude il dente... Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Il collega Petti ha comunicato a Lei e al suo dentista la procedura per il trattamento di un dente necrotico. Io non posso aggiungere altro. Saluti

Scritto da STUDIO ASSOCIATO YGEA
Trecastagni (CT)

Sig. Valerio, senza rx e visita clinica, le procedure e i tempi utilizzati dal suo dentista sembrano congrui. Se il suo dentista è un dottore, sicuramente sa come trattare questi casi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Valerio, la mia opinione è che un dente anche necrotico debba essere aperto e chiuso in una sola seduta. Basta riuscire a sterilizzare l'interno dei canali, in un tempo adeguato (un'ora in bagno di ipoclorito con adeguata strumentazione). Una copertura AB può aiutare a prevenire l'infezione intorno alle radici del dente che può comparire dopo la devitalizzazione, ma l'interno del dente va sterilizzato in una sola seduta. Aperture e chiusure ulteriori servono solo a creare maggior opportunità di infezioni dei canali. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento