Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 9

SEGUITO ALLA DOMANDA: Sto avendo delle problematiche nella devitalizzazione e successiva canalizzazione del 26

Scritto da GIORGIA / Pubblicato il

Gentili Dottori, ringraziando tutti i dottori intervenuti. Purtroppo il problema che segnalavo è ben lontano dall'essere risolto e permangono i problemi già evidenziati. Da quella data il dente è stato riaperto, ritrattato (ricanalizzato? rifresato?) e temporaneamente richiuso più volte (credo 8, ormai ho perso il conto), e ogni volta il dentista ha insistito per chiudere definitivamente il dente ma io mi sono opposta, difatti ogni volta i dolori continuavano a rimanere sempre uguali. In sostanza in una sola occasione (al 5 o 6 ri-trattamento del dente...) è stato trovato qualcosa di nuovo e cioè un canale in più che ancora non era stato rilevato ma non ho avuto grandi miglioramenti. Ad oggi altri 2 specialisti (contattati dal mio dentista) l'hanno "visto" ma senza nessun risultato dato che la sintomatologia dolorosa permane costante e continua. Ora il dentista insiste per sigillare definitivamente i canali e fare un'altra terapia antibiotica, dicendo che tutto si risolverà tuttavia io non sono d'accordo (e gliel'ho detto) dato che secondo me è inutile, chiudere il dente definitivamente se continuo ad avere lo stesso identico problema e non vivo più una vita normale andando avanti grazie ad antidolorifici. Per chiarezza vi segnalo che il dolore che io provo è emerso DOPO che il dente è stato aperto, non prima. Vi chiederei cortesemente di darmi nuovamente un Vs parere obiettivo per il dott. Venerucci: le due canalizzazioni sono state necessarie in questo caso per una carie profonda non rilevata, nell'altra canalizzazione per trauma. Cordiali saluti e grazie per la Vs disponibilità.

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/endodonzia/8571_sto-avendo-delle-problematiche-nella-devitalizzazi.html

Cara Signora Giorgia, più rimane aperto, il dente, più difficile è che guarisca. Prima si chiude definitivamente e meglio è, ovviamente se tutto fosse stato fatto a regola d'arte. Rilegga la mia risposta del 13-01-2014. Di più non posso dirle senza una visita clinica e radiologica con Rx endorale. Visita non solo del dente ma anche dei denti prossimali e del loro parodonto. Visita Parodontale estesa a tutta la bocca ovviamente! Esistono endoparodontiti che a volte è difficile diagnosticare da parte di non specialisti in Parodontologia! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giorgia, mi sono imbattuto un paio di volte in denti, con la medesima sua sintomatologia, e devo dirle che in tutti e due i casi li ho dovuti estrarre, per sfinimento del paziente, credo si tratti di una gangrena gassosa, sostenuta da batteri molto resistenti alla normale terapia.

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Non ha una radiografia da mostrarci?

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile Sig.ra Giorgia, lasciare il dente aperto non è la soluzione, bisogna interrompere la comunicazione tra endodonto e parodonto attraverso la chiusura canalare delle radici. Se il dolore persiste per molto tempo è possibile che ci sia una frattura verticale che a livello radiografico non è visibile. Solo dopo aver chiuso il dente e considerato il decorso si può procedere con la soluzione definitiva, ovvero mantenere il dente o no. Cordialità

Scritto da Dott.ssa Fabiola Renda
Como (CO)

Gentile signora certamente mantenere il "dente aperto" non aiuta a risolvere il problema. Tuttavia senza visitarla ed eventualmente effettuare delle radiografie è impossibile darle suggerimenti.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Sig.ra Giorgia, se 3 o più specialisti consigliano la chiusura definitiva, non vedo su che basi sono fondate le sue contrarietà.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Non cambio una virgola dal mio testo precedente. Lei invece dovrebbe cambiare dentista, scartando quell'ingrediente della cura canalare che sarebbe la cifra della bassa cucina. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, se il problema da Lei descritto continua, conviene che si rivolga ad un medico-dentista specialista in endodonzia che probabilmente potrà meglio aiutarLa.

Scritto da Prof. Giustino De Iorio
Caserta (CE)

La terapia corretta si esegue in una, massimo 2 sedute. Queste devono essere però sufficientemente lunghe per lasciar agire gli irriganti inseriti nei canali per "disinfettarli" almeno 30 minuti, naturalmente sotto isolamento con diga di gomma. Se si fa questo la sigillatura successiva dei canali, talvolta associata a terapia antibiotica, nella maggior parte dei casi funziona.

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento