Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 4

Seguito domanda del 22/10/2008: Dolore dente e cure

Scritto da edo / Pubblicato il
Gentili medici di dentisti-italia...GRAZIE PER LE VOSTRE RISPOSTE..davvero non mi aspettavo tanto aiuto in 24h... se posso intanto vi informo che sono un pediatra..a vostra disposizione in caso di dubbi...siete davvero gentili... riprendo da dove ero rimasto... IL DENTE INTERESSATO dal dolore il 2° PREMOLARE SUPERIORE SX..almeno mi sembra, altrimenti potrebbe essere il primo molare... questo dente è stato curato con una ENORME otturazione in "cemento" grigio...ciò è accaduto oramai circa 3 anni fa...enorme perchè c'era una carie sotto l'otturazione precedente e il mio dentista (il padre di quello attuale, il bravo e da me stimato DR.G.Donati... purtroppo recentemente scomparso) ha provato a NON fare la capsula..dicendomi di "provare così"...ed effettivamente funzionava bene..fino a circa 20 giorni fa quando è comparsa dapprima una "sensazione strana" che piano piano è divenuto dolore alla masticazione... comunque già alla sensazione strana mi ero andato a far visitare e non avevo nemmeno dolore alla percussione...cosa che invece ho dimenticato di dire ora è presente...non è un dolore fortissimo...ma battendoci con lo specchietto...LO SENTO!!! La prova di vitalità che mi ha fatto è con un sistema elettrico..tramite una macchinetta che (credo) aumenta via via il voltaggio della corrente ed insomma l'esito è stato che il dente è vivo... la 2a radiografia che ho eseguito (tradizionale, con una piccola schedina che il dentista mi ha detto di tenere con un dito in bocca mentre l'assistente scattava la radiografia e lui si allontanava un poco) l'ho vista anche io...il dentista mi spiegava mentre la guardavo... in pratica non c'era nulla di evidentemente anomalo.. MA in corrispondenza della zona piu' profonda, in pratica sotto, la radice anteriore (ne vedevo 2 di radici) era presente una zona circa 3mm di diametro con sfumatura diversa dal pattern circostante...mi sembra di ricordare lievemente più scura..ma il problema (penso) è che questa zona era proprio in corrispondenza del BORDO della piccolissima radiografia...e quindi non chiaramente visibile.... MAH...credo che insomma non si possa vedere molto da questa rx..ora invece ritornando al discorso sintomatologico: il dolore che avverto NON e' una fitta tipo la carie (che conosco bene come tipo di dolore) o il trapano.. bensì è un dolore da infiammazione (avete presente quando uno esercita pressione su una ferita non ancora ben cicatrizzata) e che pertanto avverto solo masticando ... e stranamente non avverto stringendo qualcosa al centro del dente...ma in particolare lo avverto quando mastico qualcosa di morbido (tipo pane) e penso che venga da un punto laterale ...esterno del dente.. che se sottoposto a pressione o percussione mi fa male... IN SINTESI IL DUBBIO E': E' GIUSTO ASPETTARE...PENSO CHE IL DOLORE AL MOMENTO E' ACUTO QUANDO MASTICO SOLO IN QUEL PUNTO ALTRIMENTI...NON C'è..QUINDI è SOPPORTABILE...(girando su internet...è possibile parlare di iperemia pulpare...quindi teoricamente una situazione reversibile? e se si ...esiste un sistema per agevolare la "reversione"???) grazie per le Vs cortesi risposte... a disposizione per contraccambiare l'aiuto se possibile..
Caro Edo, ti ringrazio per la tua disponibilità nella branca pediatrica, anche se giustamente non ci compare la tua e-mail, comunque puoi comunicarcela personalmente, perché tu, puoi trovare la nostra e-mail nel portale. Il test di vitalità, effettuato sul tuo dente, con il sistema elettrico, a volte risulta non attendibile, per cui ti consiglio di proporre gentilmente, al figlio del collega scomparso, di tentare di rimuovere la vecchia otturazione in cemento e controllare clinicamente lo stato dei fatti, il tutto con estrema cautela e senza anestesia. Il dente risulta vitale: pulizia e detersione della cavità, fondo con idrossido di calcio e otturazione definitiva. Il dente risulta non vitale oppure è presente polpa esposta: eseguire immediatamente trattamento canalare. Attenzione, normalmente non sono così drastico nelle risposte, ritienila personale e applicata solo al dente che tu citi, cioè un dente, con la presenza di un'otturazione non definitiva. Non è certo un protocollo da applicare ad un dente sano. Spero che tu abbia compreso i mie consigli. Ti ricordo che sono a tua disposizione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro collega pediatra, visto che riferisci che il dente era stato a suo tempo otturato con una ampia ricostruzione in amalgama per carie molto profonda, potrebbero esserci due cause del tuo dolore: - 1) incrinatura o frattura di una parete residua del dente, con dolore causato dalla pressione del frammento incrinato/fratturato sul tessuto gengivale parodontale. - 2) sofferenza pulpare del dente che, visti i segni radiologici, potrebbe avere un inizio di iperemia pulpare. La terapia sarà chiaramente diversa a seconda di quello che obbiettivamente il collega verificherà. Il consiglio del Dr. Ruffoni, di verificare l'integrità pulpare del dente, rimuovendo la vecchia amalgama e controllare clinicamente lo stato del dente, mi pare l'unica soluzione che ci possa dare un aiuto diagnostico realmente veritiero dei fatti. Nel caso ci fosse una frattura di una parete, bisognerà vedere fino a che punto è avvenuta e anche in questo caso il consiglio di rimuovere l'amalgama può essere d'aiuto. Mi rimane un dubbio nella tua esposizione dei fatti: l'area di radiotrasparenza ( zona di 3mm più scura apicale ) che non è stata controllata adeguatamente. Io mi farei rifare una nuova rx endorale, magari più apicale, (con un posizionatore radiografico e non tenendola con un dito !! ) sproiettando l'immagine in modo da osservare meglio le radici del dente. Facci avere la tua mail, non si sa mai ... Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Caro Edo, grazie per la tua disponibilità e ti invito a comunicarci la tua e-mail per eventuali contatti. Per quanto riguarda il tuo dente, il test di vitalità effettuato con apparecchio elettrico non è attendibile, come non potrebbe essere attendibile il test di vitalità con il freddo. Questo perchè la zona di radiotrasparenza apicale presente sulla Rx potrebbe essere indice di necrosi pulpare e quindi di non vitalità della polpa della radice in questione, mentre le altre due polpe radicolari dei canali rimanenti potrebbero essere vitali (presenza di grossa otturazione che ha sicuramente ridotto la camera pulpare). Ti consiglio, come hanno giustamente fatto i colleghi prima di me, di rimuovere la vecchia otturazione e, se c'è la necessità come credo, di effettuare immediatamente la terapia canalare. L'iperemia pulpare la escludo sicuramente perchè i sintomi clinici e i segni radiografici sono completamente differenti da quelli da te esposti. Per quanto riguarda la eventualità di una frattura della parete del dente, dopo aver tolto l'otturazione, c'è da valutare quanto questa frattura è profonda e procedere poi con la terapia del caso; ma questo sempre dopo aver fatto terapia canalare. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giampiero La Torre
Roma (RM)

Concordo con i colleghi: farei rifare una Rx con centratore. Inoltre bisogna escludere problemi parodontali e precontatto dell'elemento. Il test al freddo è quello più sempice e affidabile oltre che poco costoso! Il test elettrico è ingrado di distinguere una polpa necrotica da una sana, ma non è in grado di dare informazioni se questa è sana o malata; Può inotre avere falsi positivi e negativi e per questo va sempre usato unitamente ad altri test di vitalità pulpare per confermare la diagnosi. Consiglio: 1) se la Rx è negativa e il dente risponde correttamente ai test termici (effettuati in più punti) di rivedere l'otturazione, anche in composito utilizzando un buon adesivo e del flow (composito fluido) sul fondo della cavità; 2) se la Rx mostra segni di sofferenza pulpare o il test è negativo terpia canalare e, in base al tessuto residuo, intarsio o corona. 3) nel dubbio può rimanere così e decidere in base al fastidio dal lei avvertito (fino a quando è sopportabile lo tiene così, nel momento in cui si "stufa" o il dolore aumenta prosegua con le cure) e non si dimentichi comunque che il dente può produrre dentina di reazione per cui far regredire la sintomatologia (ovvimente questo dipende dallo stimolo irritativo che il dente subisce). Le consiglio comunque di non prendere nessun antidolorifico quando deve fare il test di vitalità. Buona girnata
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Pallavera
Cornegliano Laudense (LO)

Sullo stesso argomento