Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 12

E' normale che accada questo perchè il dente è molto cariato?

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Cari Dott., ieri ho fatto un rx endorale al 37esimo molare (in basso a sinistra). Dente già otturato perchè cariato e da giorni provo un forte fastidio dovuto a pulsazioni, alle volte sorde ma pungenti. L'rx ha riscontrato una carie molto profonda e dovrò curarla. Il problema è che sento la parte del dente come gonfio (la gengiva, come se si fosse formata una piccola tasca... non vorrei dire una cretinata, come se avessi un piccolo rigonfiamento). Inoltre spesso passo la lingua vicino e sento come se emanasse un "liquido amaro e dal gusto alquanto sgradevole" dal rigonfiamento, insomma da quel dente. E' dovuto all'infiammazione? Curandolo ho speranze di non sentire più questo cattivo odore? E' normale che accada questo perchè il dente è molto cariato? Grazie.
Gentile Andrea, senza una adeguata visita corredata da sondaggio gengivale e radiografia endorale è impossibile poterle rispondere. Il cattivo odore e sapore potrebbe provenire sia dal dente che dalla gengiva ma senza visitarla è impossibile stabilirlo. Lei comunque è seguito da un collega che spero le abbia spiegato bene il suo problema ma nel caso abbia ancora dei dubbi non esiti a chiedere al suo dentista che sicuramente le darà tutte le spiegazioni necessarie. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

E' probabile che la recidiva cariosa sia già arrivata ad interessare la polpa, prima di procedere con il restauro conservativo sarà meglio valutare il dente con una diagnosi più approfondita (sondaggio parodontale + test di percussione + test di sensibilità termica). Nell'eventualità che la sintomatologia non sia più risolvibile con una semplice otturazione, il suo dentista procederà a effettuarle una terapia canalare (comunemente e scorrettamente chiamata "devitalizzazione"). Auguri per il suo dente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Caro Signor Andrea, stia tranquillo, il dente sarà curato, dopo una visita clinica e strumentale con percussioni assiali e trasversali ed Rx endorale e prove termiche per fare una diagnosi. A seconda della diagnosi sarà curato endodonticamente e ricostruito o conservativamente con una otturazione o protesicamente con un eventuale pernomoncone ed una corona definitiva o senza pernomoncone se l'otturazione si giudicasse solida ed eventualmente una corona protesica definitiva. Per la tasca, lei non può certo sapere se c'è o no. Lo valuterà il dentista facendo una visita parodontale con sondaggio in sei punti del dente e di tutti i denti. Il sondaggio parodontale si fa in tutta la bocca, sempre, non solo dove c'è il problema. In ogni caso, data la sua giovane età, starei tranquillo dal punto di vista parodontale, a meno che non avesse patologie sistemiche particolari che minino il suo sistema immunitario! Vada con fiducia dal suo Dentista e ne parli con lui di tutti i suoi dubbi. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Andrea, sicuramente la sintomatologia che lei accusa è dovuta ad un processo infettivo. Visto che asserisce che ad una Rx è stata riscontrata una carie molto profonda è probabile che sia dovuta ad una necrosi pulpare. Non bisogna escludere in ogni caso un problema parodontale o addirittura tutti e due insieme (capita). Sicuramente il suo dentista saprà proporle la terapia più idonea e il cattivo odore sparirà con il procedere della terapia. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Andrea, considerata la tua giovane età, il problema al tuo molare inferiore di sinistra e senz'altro di natura endodontica e non parodontale ed è da mettere in rapporto ad una parodontite apicale che può essere curata con un'appropriata terapia canalare + ricostruzione e, qualora il sacrificio della struttura del dente è parecchio estesa, con un'eventuale corona in lega aurea-ceramica. Una volta effettuata la terapia avrai non la speranza ma la certezza che il rigonfiamento della gengiva e la sensazione sgradevole del liquido dal gusto sgradevole passerà del tutto. Ti consiglio di prendere un appuntamento con il tuo dentista di fiducia oggi stesso e nel caso in cui non fosse possibile recartici inizia da subito una terapia antibiotica per os. Cordiali saluti e tanti auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentmo Andrea, penso che il collega che la visiterà le darà i consigli migliori per curare il suo dente. Probabilmente,ma è impossibile stabilirlo via web, il dente sarà andato in necrosi. Se così fosse, con una buona terapia endodontica si risolverà tutto e bene. Cordialmente.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Caro sig. Andrea da quello che ci descrive probabilmente c'è un'interessamento dentale, ma non è da escludere anche quello parodontale. Il suo dentista saprà consigliarla al meglio. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Tommaso Martella
Modugno (BA)

Lei ha un ascesso dovuto al fatto che la carie è così avanzata che ha colpito anche il nervo. Deve sicuramente rifare l'otturazione in modo da pulire la carie ed effettuare la devitalizzazione. Per ridurre il gonfiore può ricorrere all'uso dell'antibiotico. Stia tranquillo perché eseguite le terapie in maniera corretta (è indispensabile l'uso della diga di gomma) su indicate tutto si risolverà. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Leonardo Resta
Gioia del Colle (BA)

Gentmo sig. Andrea, lei ha iniziato la sua domanda dicendo che ha fatto una Rx-endorale sul 37, il dentista che gli la eseguita ha incominciato correttamente approccio clinico, quindi sicuramente le avrà anche detto la terapia giusta da fare per risolvere il suo problema, cioè, dovrà curare il dente devitalizzandolo e poi effettuare la ulteriore cura conservativa o protesica che il collega riterrà più idonea alla situazione dentale esistente.. Distinti saluti.

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Andrea, quando un dente è molto cariato, va curato al più presto, dopo la cura scoprirà se risolverà anche le sue problematiche.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento