Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 9

ULTERIORE SEGUITO ALLA DOMANDA: Su un dente devitalizzato si può fare un intarsio o è necessario mettere una capsula?

Scritto da Irene / Pubblicato il

Gentili dottori, facendo seguito alle mie precedenti domande mi scuso per non potervi allegare una radiografia, in quando è stata trattenuta in studio dal dentista e inoltre non avrei saputo come inviarvela. L'endodotista da me consultato ha detto che la lastra evidenzia una terapia canalare "radiologicamente corretta" e senza segno visibile di infezione. Tuttavia, il mio disturbo (indolenzimento) persiste ... L'endodotista mi ha consigliato di aspettare altri tre mesi (quindi sei mesi totali dalla devitalizzazione) e poi ripetere la lastra, sperando in questo modo di riuscire a vedere dove sia il problema. Il dottore dice che adesso le controindicazioni di un intervento sarebbero maggiori dei vantaggi, dato che si andrebbe un po' alla cieca. Contando sul fatto che, in questi tre mesi, l'indolenzimento è leggermente scemato aspetterò prima di prendre ulteriori decisioni, visto che nessuno se la sente di riaprire il dente. Grazie a tutti.

 

Precedenti:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/conservativa/4258_sensibilita-al-freddo.html

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/protesi/4218_intarsio-dente.html

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/protesi/4236_intarsio-dente.html

L'attesa ha un senso per valutare appunto l'eventuale evoluzione senza pregiudicare nulla in assenza segni radiologici poi si interverrà se persistono i disturbi. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Irene, le avevo risposto il 16-06-2011 ed eravamo arrivati ai suoi ringraziamenti al 21-06-2011 e poi a ricominciare tutto il 27-06-2011. Ora ricomincia tutto nuovamente il 14 Otoobre 2011? E' commovente la fiducia che ha in noi, ma è necessario che sia seguita dal suo Dentista. Dopo sei mesi, sostiene di avere ancora il dolore. Via web non è possibile fare diagnosi, che le devo dire. Visto che non si fida del suo Dentista, ormai è più che lapalissiano, cerchi altrove un consulto facendo eseguire una accurata visita. Se pèoi si fida di noi, prenda contatto con uno di noi che le ispiri tanta fiducia e vada da lui! Non può certo continuare così. La fiducia nel suo Dentista non posso certo dargliela io. O l'ha o non l'ha e, ripeto, sembra che lei non l'abbia! In ogni caso, mi dispiace dirlo, ma fare una diagnosi della sua patologia è imperativo, indispensabile, doveroso e DEVE essere fatta. Diagnosi che è assolutamente fattibile, non è nè facile nè difficile,. Non esiste il facile od il difficile, esiste quello che si sa fare e quello che non si sa fare! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Irene, a volte aspettare l'evoluzione dei sintomi è vantaggioso, deve avere fiducia nel suo curante ed affidarsi a lui. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Irene, si può convivere benissimo con un indolenzimento al dente, per cui segua i corretti consigli del suo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentma Sigra Irene, abbia un pò di fiducia in più nel suo medico. Attenda con pazienza prima di passare ad un ritrattamento, sopportare un lieve fastidio per qualche tempo non è così arduo. Cordialmente.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Se l'indolenzimento di cui parla è compatibile con le normali attività quotidiane, è senz'altro una buona idea, visto che l'endodonzista si è espresso in quel modo. Alle volte il tempo è un gran guaritore, alle volte invece sa rivelare i problemi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Mi sembra che l'attesa sia la soluzione migliore.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, la dolenzia alla masticazione dopo un trattamento endodontico è un sintomo che può persistere per svariati mesi. Lei dice che l'endodonzista che ha eseguito la terapia le ha già spiegato che non ci sono segni radiologici di lesioni e che è auspicabile aspettare; ritengo che il collega le ha già dato la soluzione più corretta per cui segua con fiducia i consigli dello specialista.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Sopporti per qualche periodo e poi valutate insieme

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Sullo stesso argomento