Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 9

Sostituzione di una otturazione che dava sensibilità al caldo

Scritto da Stefano / Pubblicato il
Buongiorno, sto procedendo alla sostituzione di una otturazione che dava sensibilità al caldo per mancanza di piena aderenza nei canali (secondo RX) . Il lavoro era stato preventivato in uno o due incontri di un'ora ciascuno inclusa la devitalizzazione del terzo e ultimo canale. Invece sono in attesa del terzo incontro (definito ultimo tentativo) e nel frattempo é emerso un dolore, scomparso tramite antibiotici di fortuna in quanto mai prescritti. Penso che il mio dentista di preciso nel lavorare ma stia lavorando frettolosamente. L'importo dell'operazione mi sembra piuttosto alto, e temo che possa aumentare per questi "imprevisti". Tuttavia ho quasi la certezza che il lavoro é stato allungato dalla frammentarietà dello stesso, allo scopo di onorare tutti (forse troppi) appuntamenti. Non so come comportarmi.
Gentile Stefano, le informazioni che lei ci fornisce non sono sufficienti a poter fare una diagnosi e quindi a darle dei consigli. In ogni modo la sensibilità al caldo non dipende affatto dalla aderenza o meno della otturazione con le pareti canalari, ma può dipendere solo dalla presenza di tessuto pulpare vitale (non eliminato con la detersione dei canali radicolari). Nel corso di una devitalizzazione di un elemento dentario, soprattutto un molare (a causa delle complessità del sistema dei canali radicolari), capita a volte di aumentare il numero di sedute necessarie a terminare la terapia. Anche la comparsa di dolore tra una seduta e l'altra è una evenienza frequente e spesso necessita di una terapia antibiotica. Il mio consiglio è quello di avere fiducia nel collega a cui si è rivolto e di attendere con pazienza la fine della terapia. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pasquale Venuti
Mirabella Eclano (AV)

Sig. Stefano, penso che per trarre delle conclusioni sull'operato del suo curante dovrà aspettare la fine dei lavori...non credo che abbia interessi a prolungarli se avete concordato un preventivo, di questo dovrà parlarne con lui. Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Stefano, non sia frettoloso nel giudicare. Qualsiasi specialità medica, compresa l'odontoiatria non è matematica, cioè, è possibile prevedere solo approssimativamente le sedute necessarie per una terapia. Tuttavia, in relazione alla difficoltà del caso, che talvolta può essere maggiore di quella prevista prima di iniziare il lavoro, ed alla risposta biologica di ogni singolo individuo, un qualsiasi trattamento potrà richiedere più o meno sedute. Per quanto riguarda il dolore, quando si effettua una devitalizzazione, in relazione alle condizioni in cui si trova la polpa dentaria, può insorgere dolore, il quale, alla fine del trattamento, scompare. Quindi, Le consiglio di attendere prima di "insorgere". Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Puzzo
Barrafranca (EN)

Caro Stefano, il tuo approccio col Dentista nasce male, perchè denoti scarsa fiducia nel suo operato. Con questa base di diffidenza non si va lontani. Se hai dei dubbi, ferma le cure, parlane con il tuo Dentista, fatti fare un preventivo preciso, chiedigli se ci sono particolari difficoltà nella terapia. Le stesse domande che stai facendo a noi, falle a lui. In poche parole: COMUNICA. Se le risposte che ti darà ed il suo atteggiamento ti soddisfano prosegui la cura con fiducia. In caso contrario interrompi la cura e rivolgiti ad un altro professionista. Cordiali Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Robba
Cagliari (CA)

Gentile Stefano, se il collega ritiene opportuno dividere il lavoro in più sedute penso che vada assecondato perchè è lui che decide la terapia e sa se dalla ulteriore seduta può trarre per lei giovamento. Se il problema è economico penso che basta parlare col collega per chiarire. Penso che i farmaci vadano presi dietro prescrizione medica. Per il resto la terapia mi sembra corretta, ovviamente ci sono tecniche che permettono di devitalizzare il dente più velocemente di altre. Inoltre il dolore specialmente alla pressione nelle diverse fasi dell'endodonzia è normale, l'importante che nel giro di 10gg scompaia. Resto a sua disposizione cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Parli col suo dentista, si faccia fare un preventivo se non l'ha ancora fatto ed eventualmente accettato. E' normale avere qualche fastidio dopo una terapia canalare. Chieda consiglio al suo medico prima di assumere farmaci perchè il fai da te è spesso dannoso.

Scritto da Dott.ssa Emma Volpe
Siracusa (SR)

Sig. Stefano, in medicina non si chiamano imprevisti, ma complicanze. Per risolvere i suoi dubbi, segua i consigli della collega Volpe: parli con il suo odontoiatra e chieda spiegazioni, che solo lui le saprà magistralmente dare.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Stefano, non sei molto chiaro nella esposizione dei fatti; per quel che credo di aver compreso ritengo che tu stia facendo una normale terapia canalare e potrai chiedere di verificare attraverso RVG lo stadio di avanzamento della terapia con la congruità dei sigilli dei singoli canali. Non penso che ci possano essere variazioni di tariffario anche perchè in taluni casi, purtroppo, le terapie canalari potrebbero risultare anche molto coplesse, lunghe ed indaginose. Il cosiglio che ritengo di poter dare, anche in funzione del racconto impreciso, è di far completare la terapia canalare e magari alla prossima seduta, prima di riprendere la terapia, chiedere se vi sono variazione di parcelle. A fine trattamento, accertarsi attraverso un uleriore Rx rvg, che i canali siano stati sigillati in maniera congrua. Spero di essere stato esaustivo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Francesco Inchingolo
Barletta (BA)

Sig. Stefano parli dei suoi dubbi con il suo medico come ha fatto con noi! Per quanto riguarda l'onorario a tempo, dubbio che le è venuto, posso dirle che nel mio studio si paga la stessa terapia ( es: cura canalare + ricostruzione) la stessa cifra anche se la svolgo in due ore! Perchè non ha fiducia del dentista? cordialità. P.S. A volte i tempi si allungano perchè il caso è più difficile da risolvere, quindi è possibile che il suo medico stia agendo con calma per questo!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Elisabetta Antonelli
Roma (RM)

Sullo stesso argomento