Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 20

Da una panoramica dentale è stato riscontrato un granuloma all'incisivo che è in fase di trattamento endodontico

Scritto da Mara / Pubblicato il
Da una panoramica dentale è stato riscontrato un granuloma all'incisivo che è in fase di trattamento endodontico. Inoltre lo stesso è molto scurito ed è accavallato all'incisivo centrale. Il mio dentista propende per terminare la cura canalare, attendere 6 mesi e, verificato che il granuloma sia in fase di riassorbimanto, incapsulare l'incisivo con corona in zirconia (ciò risolverebbe sia il problema del colore che dell'accavallamento in quanto il dente verrebbe limato). Ho acoltato un altro parere. Il secondo dentista dice che per essere sicuri che il granuloma sparisca completamente (tra l'altro lui ha il dubbio che possa trattarsi di una cisti) bisogna che passino almeno 2 anni e che finchè non si è sicuri di ciò non è il caso di pensare a incapsulare il dente. Quindi mi consiglia un'apicectomia e successivamente, o si incapsula il dente opportunamente limato anche per il problema dell'accavallamento, oppure si procede con l'uso di apparecchio di tipo tradizionale (non crede nell'efficacia degli apparecchi trasparenti, vista anche la mia età, 53 anni). Per il colore anche lui prende in considerazione solo l'incapsulamento e non lo sbiancamento in quanto, a suo dire, il prodotto usato può essere dannoso per il dente perchè agisce come un acido. Fermo restando che, vista la mia età, non voglio assolutamente usare l'apparecchio di tipo tradizionale e vorrei non far passare troppo tempo per risolvere il mio problema estetico, vi chiedo cortesemente, anche se immagino sia alquanto difficile consigliare a distanza: 1. Mi conviene far chiudere il dente e senza procedere alla ricostruzione estetica passare all'apicectomia per essere sicura di risolvere definitivamente e senza recidive il problema del granuloma? 2. Fatta l'apicectomia posso far incapsulare subito il dente o bisogna attendere del tempo per essere sicuri della perfetta rimozione del granuloma? 3. Che consiglio dareste voi per il mio caso: granuloma su incisivo scuro ed accavallato? Infinite grazie per le vostre risposte.
Retrograda con sigillatura del canale . Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Mara, come ha già giustamente notato lei, dare un parere a distanza non è corretto deontologicamente e professionalmente. Un paio di cose però le posso dire. Dal punto di vista terapeutico che sia Cisti o Granuloma non cambia proprio niente, infatti si parla genericamente di Osteolisi periapicale. Il principio della cura per entrambe le patologie è quella di eliminare con una cura canalare della radice, i microbi con l'infezione, che vivono in essa e che inviano fuori dall'apice le loro tossine per arginare le quali, l'organismo forma una cisti o un granuloma (poi la sottigliezza di differenza ovviamente c'è ma è inutile qui spiegarla)! Eliminati i microbi il granuloma o la cisti si riassorbono e scompaiono perchè non hanno più motivo di esistere non essendo più sollecitati dalle tossine batteriche. Per far questo l'organismo ci mette dai4 ai 24 mesi. Ma già dopo alcune settimane il processo di riassorbimento è visibile e quindi si può fare una corona protesica tranquillamente, se esso è iniziato. Direi che aspettare 4 mesi è perfetto! Solo in caso di insuccesso si fa una retrograda, NON UNA APICECTOMIA; che non si fa più da decenni. La diatriba tra apicectomia e retrograda è sorta negli anni 70-80 ed è stato allora definitivamente dimostrato che l'intervento di risoluzione è la retrograda ossia entrare nel canale dall'apaci chirurgicamente e sigillarlo con vari materiali. L'apicectomia limitandosi a tagliare ed asportare l'apice ed il granuloma e la cisti, non solo accorcia la radice inficiandone la r4esistenza, ma non consente più di sigillare il canale che rimane beante ed esposto alle recidive anche se venisse chiuso, per la sua ampiezza e forma sbagliata! Le lascio una foto di una retrograda così forse capisce!Per lo sbiancamento, visto che si devitalizza il dente, lo si può fare endocamerale ed è molto efficace di solito!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Mara, se la terapia canalare viene affrontata e risolta in maniera corretta non c'è alcun motivo di ricorrere alla chirurgia retrograda che deve essere riservata solo ai casi non trattabili tradizionalmente ed inoltre non è necessario attendere tanti mesi per protesizzare il dente in quanto il granuloma si riassorbirà lentamente. E' inoltre da considerare che la diagnosi e l'evoluzione di una patologia periapicale come il granuloma non può essere effettuata con panoramica ma è necessaria una radiografia endorale con centratore sicuramente più precisa. Per il suo problema estetico può essere utile, da valutare attentamente, una terapia ortodontica di riallineamento e successiva protesizzazione del dente con corona in ceramica integrale. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Ovviamente l'asportazione chirurgica dell'apice elimina con sicurezza anche il granuloma apicale. La cura canalare elimina la causa e si deve aspettare del tempo (almeno 6 mesi) perché si apprezzi la ricostituzione dell'osso distrutto dal granuloma. La decisione tra una terapia conservativa ed una terapia chirurgica dipende dal desiderio di arrivare al più presto ad una soluzione

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Signora, la chirurgia endodontica si pratica in caso di fallimento dell'endodonzia ortograda...dopo 6 mesi con controlli radiografici endorali è possibile monitorare correttamente l'evoluzione della lesione.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora senza una rx endorale è un pò difficile fare una diagnosi, però la terapia canalare il più delle volte è in grado di risolvere un granuloma, la cui guarigione è completata in circa 6 mesi. Si ricorre all'apicectomia solo nel caso in cui dopo 6 mesi il granuloma fosse ancora presente.

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)

Gentile pz, anche se a distanza è complicato dare programmare correttamente un piano terapeutico le posso cmq dare dei consigli. Innanzitutto completi il trattamento canalare in modo congruo, con sistematiche come thermafil o system b, sotto diga di gomma e con lavaggi di ipoclorito per almeno 45 minuti. In seguito attenda 6 mesi per controllare la guarigione. Se ci sono miglioramenti passi alla fase protesica. Nel tempo se non ci dovesse essere una completa guarigione può procedere all'apicetomia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Scrascia
Pulsano (TA)

Gentile signora, se la sua priorità è la fretta l' apicectomia è la terapia di elezione, diversamente segua gli ottimi consigli dei colleghi. Per quello che riguarda la protesizzazione se l' accavallamento ha ridotto lo spazio tra il dente con granuloma ed il suo vicino è necessaria l' ortodonzia per riacquistare lo spazio originario, diversamente avrebbe un incisivo più piccolo.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Gentile signora Mara: 1. Assolutamente sconsigliabile l'apicectomia senza prima aver constatato il fallimento della terapia endodontica ortograda! 2. Dopo la normale devitalizzazione del dente perfettamente eseguita, sarà bene attendere i sei mesi o anche meno (con i controlli radiografici endorali basterà costatare che la lesione periapicale evolva verso la guarigione) per poter far incapsulare il dente. 3. Per il granuloma dovrebbe bastare la terapia endodontica ortograda. Solo in caso di fallimento, ricorrere all'apicectomia; per l'incisivo scuro si potrebbe provare, dopo la cura canalare, a schiarirlo con impacchi intracoronali di sostanze sbiancanti (ipoclorito di sodio al 5% e perossido di idrogeno o di carbamide), mentre si attende l'evoluzione verso la guarigione (riassorbimento) del granuloma. Poi la corona o la faccetta in ceramica; per l'accavallamento basterà la corona protesica se non vi sono altri problemi di denti storti o malocclusione, altrimenti opterei anche per un allineamento con apparecchi trasparenti, ottimi e veloci per la sua età, ma sconsigliati dai professionisti che non sono padroni di questa metodica. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora i miei colleghi hanno chiarito tutti i punti. Io ci tengo a sottolineare che una ottima terapia canalare eseguita con calma e attraverso l' utilizzo di medicazioni intermedie di idrossido di calcio, che ha un forte potere disinfettante del sistema dei canali radicolari dovrebbe sicuramente risolvere il problema. Gia dopo le prime settimane in cui il medicamento e' inserito nel canale si apprezza la riduzione della lesione endodontica ( granuloma o cisti e' indifferente) . Una volta chiuso definitivamente il canale ( in genere dopo 3 o 4 settimane) si puo' tranquillamente procedere allo sbiancamento del dente devitalizzato per iniziare a risolvere il problema dello scurimento del dente. Cio' avviene in genere in 3 o 4 settimane. Per il problema della malposizione dell' incisivo e' necessario valutare bene i rapporti con gli elementi contigui. Se la corona in ceramica integrale o la faccetta in ceramica sono la soluzione piu' indicata si puo' procedere subito all' inserimento di un provvisorio in resina. Che permette subito di migliorare l' estetica e che permetterebbe di non finalizzare subito la corona definitiva in attesa dei 2 anni ( ma in realta' basterebbe attendete qualche mese. ... 5 o sei) . In tal modo si potrebbe comunque intervenire su un eventuale ma molti raro fallimento che comprometterebbe l' integrita' della corona definitiva. Se lo studio estetico del settore frontale richiedesse riarmonizzare i rapporti con i denti vicini si puo' pensare invece ad un trattamento ortodontico, sia tradizionale che invidiabile, o semplicemente alle faccette in ceramica che possono in molti caso risolvere problemi di affollamenti lieve. Se poi in futuro dovesse ripresentarsi il problema del granuloma...in realta' questa certezza non possiamo averla... Si ricorrera' ad un' apicectomia o ad un' otturazione retrograda. Cordiali saluti Anna Bilotta
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Anna Bilotta
Cetraro (CS)

Il suo problema è composto. Prima di tutto va scongiurata ...l'estrazione, per cui finirei il trattamento endodontico. Poi penserei all'estetica con uno sbiancamento interno. Ho visto sbiancamenti talmente efficaci da rendere inutili le protesi fisse. Non so se questo sarà il suo caso ma consiglierei di pianificare il futuro passo passo, a seconda della necessità. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento