Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 13

Non c'è alcuna alternativa all'estrazione del settimo?

Scritto da maurizio / Pubblicato il
Salve, sono un ragazzo di 28 anni. Stamattina sono andato al pronto soccorso odontoiatrico perchè da ieri accusavo dolore e gonfiore a livello del dente del giudizio inferiore sinistro. La cosa che mi ha indotto a farmi visitare è stata la constatazione che afferrando con le dita il molare che precede il dente del giudizio questo si muove. Il medico mi ha detto che si è formata una tasca tra ottavo e settimo in cui si depositano materiale e batteri e quindi si infiamma. Mi ha inoltre detto che il tessuto intorno al settimo si sta consumando a causa dell'ascesso, ecco perchè si muove, e che non c'è altra soluzione che estrarlo, anche se è sano, mentre il dente del giudizio è ben saldo e non c'è bisogno di toccarlo. Io Vi domando: non c'è alcuna alternativa all'estrazione del settimo? Sinceramente mi scoccia il fatto di dover perdere un dente sano in questo modo, solo perchè non ha sostegno. Grazie per la risposta. Distinti saluti.
Sig. Maurizio, la diagnosi e la cura che le hanno prospettato è il risultato dalla visita clinica che le è stata effettuata. Non è possibile dare giudizi o proporre alternative senza visita clinica. Le consiglio prima dell’eventuale avulsione un accertamento radiografico che confermi la diagnosi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il successo di una terapia e' legato indissolubilmente ad una corretta diagnosi: visita ed acceramenti radiologici. Senza cio' si possono corrrere seri rischi. Approfondisca la sua situazione. Resto a disposizione per eventuali dubbi su info@chirurgomaxillofacciale.it Cordialmente

Scritto da Dott. Francesco Sacco
Salerno (SA)

Gentile Maurizio, la perdita di supporto osseo non è una cosa banale ed è causa di numerose estrazioni dentarie. Senza un' indagine radiografica e un esame obiettivo non si può fare una giusta diagnosi. Cordiamente

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile signore, la sua é una patologia molto frequente nelle disodontiasi dei denti del giudizio. Sicuramente la diagnosi fattale è corretta. Non é possibile aggiungervi altro senza almeno l'ausilio di rxgrafie e fotografie. Sarebbe anche necessario effettuarle una visita specialistica. Sono a disposizione quando potrà disporre di altre utili informazioni. Cordiali saluti.

Scritto da Prof. Vito Antonio Tomasicchio
Bari (BA)

Gentile paziente, sono daccordo con i colleghi! La decisione verra' presa solo dopo un'attenta analisi e visione di Rx Opt e ulteriore visita dopo che la fase acuta dell'infezione le sara' passata! Cordiali saluti

Scritto da Dott. Matteo Rossini
Modugno (BA)

caro sig Maurizio, talvolta il processo infiammatorio acuto rende radiotrasparente l'osso, anche se potrebbe essere recuperabile. il piano di trattamento va ponderato, dando, se possibile, priorità al salvataggio dei denti (non del giudizio). I colleghi giustamente affermano che solo una visita accurata può chiarire ogni dubbio. sul sito della società italiana di parodontologia potrà individuare uno specialista che la potrà consigliare al meglio.

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Ciao Maurizio, prima di estrarre il dente io ti consiglierei di fare una buona terapia antibiotica ed antinfiammatoria e di valutare con una OPT (ortopanoramica) la situazione. In genere la mobilità dell'elemento dentario si accompagna con un grosso ascesso (anche se non sempre però), ma con la guarigione potrebbe regredire. In genere una corretta terapia dovrebbe essere mirata alla estrazione dell'ottavo e non del settimo, anche se una tasca in quella posizione si accompagna a carie (a volte molto grande) della superficie distale della corona del II° molare. L'esame radiografico potrà essere d'aiuto per capire dov'è il problema. Per una consulenza è indispensabile una visita, io lavoro a Manduria, non è molto distante da Grottaglie. Puoi contattarmi al numero: 3483317269. Ciao. Dr. Cosma
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luciano Cosma
Manduria (TA)

Gentile Maurizio, se la radiografia mette in evidenza un coinvolgimento infiammatorio (perdita di attacco connettivale) della zona dell'apice delle radici del settimo dente, questo non è recuperabile e l'estrazione è purtroppo la soluzione più efficace e sicura per prevenire complicanze. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Maurizio, non necessariamente deve fare l'estrazione del settimo, le consiglio intanto di effettuare una terapia antibiotica adeguata, poi di contattare un ottimo paradontologo, perchè ci sono tante terapie diverse a secondo del difetto instauratosi: ad una parete a due pareti a tre pareti, che vanno dalla levigatura della radice distale alla rizotomia, agli innesti.

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Concordo pienamente con il dottor Cosma, nessuna diagnosi può essere eseguita senza un controllo ed una terapia adeguata, ed a volte, purtroppo in alcune zone della puglia troppo spesso, lo affermo proprio perchè nasco in quel della provincia di brindisi, l'estrazione è sempre la soluzione più facile. cordiali saluti

Scritto da Dott. Daniele Moretto
Roma (RM)

Sullo stesso argomento